HomeEditorialeMilan, bada al concreto e blinda la difesa. La strada è il...

Milan, bada al concreto e blinda la difesa. La strada è il 4-3-3

Il 2023 del Milan ha fatto scattare un allarme preciso e molto rumoroso: la difesa. Quello che si affaccia alla complicata trasferta dell’Olimpico contro la Lazio con un -12 dal Napoli, infatti, è un Diavolo pieno di scorie pesanti, acuite dal pesante K.O. per mano dell’Inter nella Supercoppa Italiana di mercoledì. Pioli deve ritrovare i giusti equilibri anche perché i numeri del nuovo anno sono assolutamente non all’altezza del club Campione d’Italia: cinque partite giocate e nove gol presi, lo stesso numero di reti incassate dal Milan in tutto il girone di ritorno dello scorso campionato.

Milan, la difesa non è più granitica

Insomma, quella difesa che era stata uno dei principali fattori per andare verso il diciannovesimo scudetto sta dando più di qualche grattacapo a Pioli. Nella Capitale, il Milan dovrebbe restituire il reparto alla rodata coppia Kalulu-Tomori, dopo l’utilizzo di Kjaer in luogo del francese a Riyadh. La speranza è che il centrale inglese non vada incontro agli stessi svarioni di mercoledì, anche se i problemi, la difesa li aveva già denunciati nelle prime partite di gennaio, soprattutto nella rimonta incassata nel finale dalla Roma e nel pessimo primo tempo di Lecce. Il totale, non certo edificante, parla di sole quattro partite su diciotto, in campionato, con la porta di Maignan prima e Tatarusanu poi rimasta inviolata.

Serve tornare al modulo-Scudetto

Chi scrive è certo che, fin dal giorno dopo Riyadh, Stefano Pioli abbia pensato a quali modifiche apportare al suo scacchiere per invertire la rotta. Il mister, del resto, lo ha ammesso nella conferenza post derby: “Se vogliamo ottenere risultati diversi qualcosa va cambiato”. L’impressione è che la strada migliore da perseguire sia quella del ritorno al 4-3-3, il modulo sul quale la scorsa stagione Pioli ha costruito l’impenetrabile Milan del girone di ritorno dello scorso campionato. Un centrocampista in più garantirebbe più equilibrio in mediana e un maggiore sostegno a Tonali e Bennacer, troppo spesso in balia delle scorribande avversarie. Di opzioni ce ne sono: Vrancx, Pobega, Krunic, Adli. Chiaro, nessuno di loro è Kessie, ma in un contesto tattico che li valorizza possono dire la loro. A chi scrive, inoltre, piacerebbe poi vedere largo a destra Charles De Ketelaere, nel ruolo dove – dati alla mano – è stato più spesso impegnato con il Club Brugge. Martedì a Roma il Milan avrà l’ultima chiamata Scudetto: per nutrire ancora qualche speranza di seconda stella bisognerà badare al sodo e serrare le fila.

Twitter: @Juan__DAv

Salernitana-Milan: Fikayo Tomori, Boulaye Dia (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

Altre notizie

Si muove il mercato dei giovani: Omoregbe e Roback in uscita dalla Primavera

Il Milan dei giovani perde due membri: Bob Murphy Omoregbe ed Emil Roback lasciano...

Di Marzio – Bakayoko lascia il Milan: sta trattando con la Cremonese

Si chiude il secondo capitolo in rossonero per Tiémoué Bakayoko. Come riporta Gianluca Di...

Dalle parole di Tadic verso Schreuder, alle mani giunte di Calabria sotto la Sud. Quando le scuse tecniche, tattiche ed economiche, stanno a zero

È della scorsa settimana la dichiarazione di Tadic, numero 10 e capitano dell’Ajax, attraverso...

Di Marzio – Zaniolo è fuori dal progetto tecnico della Roma: le condizioni imposte dalla società per il mercato

Come comunica Gianluca Di Marzio, la Roma ha deciso di lasciare Nicolò Zaniolo fuori...

Ultim'ora

Si muove il mercato dei giovani: Omoregbe e Roback in uscita dalla Primavera

Il Milan dei giovani perde due membri: Bob Murphy Omoregbe ed Emil Roback lasciano...

Di Marzio – Bakayoko lascia il Milan: sta trattando con la Cremonese

Si chiude il secondo capitolo in rossonero per Tiémoué Bakayoko. Come riporta Gianluca Di...

Dalle parole di Tadic verso Schreuder, alle mani giunte di Calabria sotto la Sud. Quando le scuse tecniche, tattiche ed economiche, stanno a zero

È della scorsa settimana la dichiarazione di Tadic, numero 10 e capitano dell’Ajax, attraverso...