HomePrimo PianoVerso Milan-Inter: i due reparti d'attacco a confronto

Verso Milan-Inter: i due reparti d’attacco a confronto

Mancano sempre meno ore al derby di Milano atto III. Milan e Inter si ritroveranno sul terreno di gioco di San Siro alle ore 15, in quello che è, secondo tutti, uno dei derby più importanti degli ultimi 10 anni. Le due squadre occupano saldamente i primi due posti della classifica, ma sarà un match spartiacque per entrambe.

In questi giorni abbiamo cercato di fare il punto della situazione, analizzando di reparto in reparto ciascuna squadra. Il culmine del confronto arriva ora, con il reparto offensivo. Si sfidano un “dio” ed un “re”, Zlatan Ibrahimovic e Romelu Lukaku, ma l’attacco non è composto solo da loro…

 

L’attacco del Milan

Rafael Leao è la mina vagante dell’attacco rossonero. Capace di giocate e prestazioni importanti, come di pause e momenti di totale assenza dalla partita. All’andata fece venire il mal di testa a D’Ambrosio, questa volta troverà un cliente più scomodo e ruvido come Skriniar. Nel mese di gennaio stava trovando la sua dimensione da prima punta. Il ritorno di Ibra e l’assenza di Calhanoglu lo hanno dirottato nuovamente sulla fascia e sulla trequarti dove il portoghese non ha sfigurato, anzi.

Ante Rebic sarà in ballottaggio fino alla fine proprio con Leao. Il croato sta vivendo una stagione travagliata tra Covid e infortuni. Nell’ultimo periodo però Ante stava sbocciando proprio come l’anno scorso andando a segno per 3 volte in 2 partite. Contro la Stella Rossa, rientrato dopo un colpo al ginocchio, ha difettato nella mira ma non nella prestazione. Rispetto a Leao offrirebbe più fisicità e attacco alla profondità, a Pioli la scelta su chi far partire dall’inizio.

Zlatan Ibrahimovic dal suo ritorno al Milan è l’uomo derby dei rossoneri. Tra campionato e Coppa Italia lo svedese ha punito la sua ex squadra con 4 gol in 3 partite. Le grandi partite caricano Zlatan che nell’ultimo periodo ha alternato ottime prestazioni (Cagliari e Crotone) con altre opache (Atalanta, Bologna e Spezia). Non giriamoci intorno, dalla sua partita dipenderà molto il risultato finale del Milan. Gli episodi della Coppa Italia speriamo siano un ricordo che lasci spazio alla sana competizione che deve esserci nel calcio.

Alexis Saelemaekers è l’uomo d’equilibrio del Milan di Pioli. Raramente il tecnico rinuncia al folletto belga che offre copertura e dinamismo sulla fascia destra. Tuttavia, anche complice l’infortunio subito a dicembre contro la Lazio, Alexis pare indietro di condizione. Prestazioni fumose con tanta voglia di fare ma con poca resa. Il belga dovrà coprire sull’esterno alto dell’Inter ma costringerlo anche a difendere. Da una sua ripartenza nacque l’azione del rigore di Ibra nel derby d’andata. Una giocata di tecnica e rapidità, quello di cui il Milan ha bisogno.

L’attacco dell’Inter

Lautaro Martinez compone insieme al suo compagno Lukaku, il tandem d’attacco più forte e prolifico della Serie A. Non a caso i nerazzurri hanno anche il miglior attacco del campionato con 54 gol fatti. L’argentino dopo un periodo di appannamento ha ritrovato la via del gol con più costanza e arriva in grande forma alla stracittadina. Veloce e rapido nell’attacco della profondità è anche capace di giocare di sponda. Simon Kjaer avrà il difficile compito di arginare il Toro che è pronto a sfruttare la sua freschezza atletica sull’esperto difensore danese.

Romelu Lukaku è l’uomo simbolo dell’Inter di Antonio Conte. Capocannoniere del campionato a pari merito con Cristiano Ronaldo. Da lui passa la gran parte del gioco nerazzurro che spesso si appoggia sul gigante belga per sviluppare le proprie azioni. Il belga non stava vivendo un mese facile dal punto di vista realizzativo, ma la partita contro la Lazio consegna un Lukaku in forma smagliante in vista del derby. Doppietta e assist e cari saluti ai biancocelesti. Una supremazia a livello fisico disarmante sugli avversari. Come già analizzato, Alessio Romagnoli dovrà fare una partita perfetta per cercare di contenere il numero 9 di Conte.

Stato di forma a confronto

MILAN

LEAO: 6

REBIC: 6.5

IBRAHIMOVIC:

SAELEMAEKERS:

INTER

LAUTARO MARTINEZ: 6.5 

LUKAKU: 7

Ibrahimovic e Lukaku, Inter-Milan - MilanPress, robe dell'altro diavolo
Ibrahimovic e Lukaku, Inter-Milan – MilanPress, robe dell’altro diavolo

Altre notizie

Primavera 1, Milan-Juventus: dove vederla in tv e streaming

Reduce da due punti conquistati nelle ultime quattro partite, il Milan Primavera di Ignazio...

Milan, il primo tempo è disastroso. Ancora una volta. Il dato statistico

Tre anni fa il record del Milan era quello di segnare almeno due gol...

Milanello, domani giorno di riposo: da martedì si comincerà a preparare il derby

Dopo la sconfitta rovinosissima contro il Sassuolo, il Milan dovrà iniziare a pensare al...

Napoli-Roma finisce 2-1, la squadra di Spalletti vola a +13 dal secondo posto

Il Napoli di Luciano Spalletti conquista altri tre decisivi punti nella lotta Scudetto. Gli...

Ultim'ora

Primavera 1, Milan-Juventus: dove vederla in tv e streaming

Reduce da due punti conquistati nelle ultime quattro partite, il Milan Primavera di Ignazio...

Milan, il primo tempo è disastroso. Ancora una volta. Il dato statistico

Tre anni fa il record del Milan era quello di segnare almeno due gol...

Milanello, domani giorno di riposo: da martedì si comincerà a preparare il derby

Dopo la sconfitta rovinosissima contro il Sassuolo, il Milan dovrà iniziare a pensare al...