Milan, senti Dida: “Sì, Maignan è il mio erede. Su De Ketelaere…”

Categories

L’ex preparatore dei portieri Nelson Dida, è intervenuto ai microfoni di Luca Uccello dove si è esposto riguardo all’esponenziale crescita di Mike Maignan e altri temi riguardanti il Diavolo. Dida lo ha allenato per un’intera stagione, capendone quindi pregi e difetti. Il brasiliano ha sempre creduto in lui e parata dopo parata, intervento decisivo dopo intervento decisivo l’estremo difensore francese ha conquistato tutto l’ambiente, riuscendo a non far rimpiangere Gianluigi Donnarumma. Di seguito si riporta l’intervista completa a Dida.

Mike è stato decisivo nel derby e con la Sampdoria…: “Nel derby Maignan ha dimostrato ancora una volta il suo valore. Anche l’anno scorso le sue parate hanno contribuito alla vittoria dello Scudetto del Milan. Sono contento per lui perchè continua a dimostrare grande voglia di vincere. Anche in questo lui si è dimostrato un portiere diverso dagli altri…”

Maignan può diventare in prospettiva il “nuovo Dida”? “Certamente sì, ha tutte le carte in regola e le qualità per difendere questa maglia con il cuore come ho fatto io e vincere. L’anno scorso ha già vinto il suo primo campionato ma sono sicuro che possa crescere ancora e vincere tanto proprio come è successo a me.”

Crede possa diventare anche il numero uno con la nazionale ? “Un portiere come lui può fare tutto. La nazionale però passa per forza di cose dal rendimento con la squadra di club.”

Dove può ancora migliorare tra i pali? “Il primo anno all’inizio ha fatto un pò fatica a capire il calcio italiano, mettendoci un pò ad adattarsi. Ora però con un anno i più di esperienza, conoscendo gli avversari e i giocatori credo che possa avere ancor più fiducia nei suoi mezzi.”

E il Milan? “Questo Milan di giovani ha tanta qualità da esprimere. Se riuscirà sarà difficile per tutti affrontarlo, ancora di più di quanto è ora.”

Il Milan con De Ketelaere ha trovato il nuovo Kakà? “E’ ancora presto per dirlo essendo appena arrivato in Italia e deve avere tempo per abituarsi al calcio italiano. un calcio diverso da tutti gli altri. Serve sempre un periodo di ambientamento per dimostrare le sue qualità; non bisogna avere fretta.”

Ma ha dei colpi come Kakà? “Un po’ sì, ma non è facile fare paragoni con Ricky, perchè lui fin dall’inizio ha dimostrato le sue grandissime qualità.”

Cosa manca invece a questo Milan in Europa? “Manca un po’ di personalità, ma la squadra acquisirà fiducia andando avanti. La Champions è completamente diversa dal campionato italiano. Bisogna avere un approccio mentale differente.”

Maignan Milan
Maignan Milan

 

Autore

condividi