Il contratto di Calha apre un vaso di Pandora. Rinnovi, ecco che valutazioni dovrà fare il Milan

Author

Categories

Share

È un grande classico che la pausa della Nazionali si porti dietro tematiche pendenti, quelle che il campo col suo macinare quasi incessante di questo calcio ai tempi del Covid ha, solitamente sopisce tra un match di campionato e uno di coppa.

Non era dunque quotato che uscissero indiscrezioni sui rinnovi, ancora più semplice che uscissero per calciatori in scadenza nel 2021. Se per Donnarumma bisogna stare purtroppo alla regola di Raiola, e quindi ci si siede a parlarne più quando vuole lui di quando non voglia la società, per Calhanoglu il discorso è differente. Lo scorso anno si doveva trovare già un accordo, ma il ribaltone societario annunciato ma non attuato ha complicato quest’assunto. E ora? Ora i rumors parlano di una richiesta da 7 milioni l’anno, che abbiamo analizzato già nella giornata di ieri qui su MilanPress e che ci ha portato a riflettere su più aspetti.

La cifra è molto importante. È esattamente quanto percepisce Ibra e proprio Zlatan potrebbe esser in qualche utilizzato come ago della bilancia per trovare una quadra in trattative complicate da affrontare a pochi mesi dalle scadenze. E dunque se per Gigio la risposta è SÌ, il nostro 99 in prospettiva vale anche più di Ibrahimovic, per il turco 10, ad oggi, la risposta probabilmente è no, non vale tanto quanto Z.

Ma attenzione, parliamo comunque di un perno di questa squadra. Un titolarissimo, tatticamente e tecnicamente. Pertanto l’accordo andrà trovato, altrimenti il processo di crescita rischierebbe di arrestarsi. Il discorso vale anche per Romagnoli e Kessie che vanno in scadenza nel 2022 e guardando ancora più in là anche per Theo e Bennacer, padroni delle proprie zone di competenza, con stipendi relativamente bassi per il loro valore assoluto.

Si apre in sostanza quella fase dove il club, avendo la consapevolezza di poter acquisire uno status di livello superiore a quello degli scorsi anni, dovrà adeguare gli stipendi al valore attualizzato della rosa. Per contro, ai giocatori che firmeranno contratti altisonanti, si chiederà molto molto di più. Cambieranno le aspettative, della proprietà, dei dirigenti e dei tifosi. Non è affatto un dettaglio, perché la pressione su di loro si farà sentire. Siamo a questo punto e potremmo anche dire per certi versi, finalmente. Sono tutti componenti che compongono il salto di qualità che aspettiamo da anni.

Milan: Hakan Calhanoglu - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Milan: Hakan Calhanoglu – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Author

Share