Pioli in conferenza: “Ho una squadra pronta con giocatori forti. Per Ibra ci vorrà ancora del tempo. Col Sassuolo…”

Categories

Queste le dichiarazioni di Stefano Pioli in conferenza stampa post partita, dopo la vittoria del Milan per 2-0 contro il Bologna a San Siro. Le parole:

“Abbiamo certe caratteristiche: abbiamo giocato da squadra matura, compatta e volenterosa, ma tecnicamente possiamo fare meglio. Si possono migliorare tante cose: analizziamo ogni partita con i ragazzi e domani troveremo qualcosa di sicuro. Oggi abbiamo forzato un po’ troppo la profondità: dobbiamo capire i momenti perché verticalizzare spesso ci porta ad allungarci. Io amo il calcio: oggi ho visto 3-4 partite, il Liverpool, il Chelsea e il Salisburgo. Ora andrò a casa a vedere altro. Io ho una squadra pronta con giocatori forti”.

Ibra: “Zlatan starà qua a Milanello, dovrebbe fare una visita settimana prossima. Ci vorrà ancora un po’ di tempo per vederlo correre, ma sta meglio e tutte le situazioni stanno andando avanti nel modo giusto. Oggi l’ho visto abbronzato, carico e i suoi compagni erano contenti di vederlo”.

Su Leao: “Tutti noi abbiamo alzato le aspettative: siamo i primi a pretendere tanto da noi stessi. Non ho avuto bisogno di interventi particolari con Rafa perché è un ragazzo molto sul pezzo. Non deve smettere mai di cercare di lavorare su se stesso per migliorare. Anche a giocatori come lui possono capitare giornate storte, ma non è mai mancato negli atteggiamenti”.

I cinque cambi e il Sassuolo: “Qualcuno dice che il nostro modo di giocare sia troppo dispendioso, ma è quello che ci piace. I 5 cambi ci favoriscono, li sfrutterò sempre così come le rotazioni perché ho tanti giocatori forti. Non abbasseremo il livello della squadra. A Sassuolo ci aspetta una partita complicata: abbiamo chiuso una pagina della nostra storia, vogliamo aprirne un’altra. Fin quando vedo i belli allenamenti…”

Su De Ketelaere: “Charles ha giocato una buona partita. Ci vuole tempo per la conoscenza con i suoi compagni. Potevano muoversi un po’ più contrari lui e Olivier ogni tanto, ma ha fatto bene. È un giocatore che sicuramente ha talento e grande potenziale. È molto intelligente, parla già la lingua ed è curioso: mi piacciono i ragazzi così disponibili”.

Su Origi: “Origi è molto forte e avrà le sue occasioni. Ha avuto l’estate più complicata rispetto agli altri, ma troverà presto il campo”.

Il modulo: “Oggi abbiamo attaccato più con due attaccanti che con il trequarti, ma sono cose che facciamo spesso. Sicuramente per martedì faremo altre scelte a seconda delle caratteristiche dei giocatori”.

Autore

condividi