MP – Milan, l’incontro con la dirigenza a San Siro: un progetto chiaro oggi per vincere domani. Tutti i temi trattati

Author

Categories

Share

Ci vorranno ancora due-tre stagioni per riportare il club in salute e perché possa sostenersi senza ricorrere ad aiuti esterni. È questo il tema iniziale dell’incontro della dirigenza con i giornalisti del mondo rossonero. Maldini, Gazidis e Massara hanno presentato un mini bilancio del mercato, parlato delle ambizioni per la stagione in corso e citato alcune strategie per la crescita e lo sviluppo del futuro. Una strategia a livello di squadra, un’unione fatta di persone che remano nella stessa direzione. I dirigenti hanno raccontato degli obiettivi del prossimo futuro, delineato la strategia del club in un momento di emergenza anche per il mondo del pallone. Il Milan affronta la questione sanitaria con estremo ottimismo, con la possibilità di far rientrare i tifosi allo stadio. Sono stati nominati addetti ai lavori molto competenti, con giocatori, staff e dirigenza disposti a lavorare seguendo le disposizioni imposte.

Classifica e stadio. È un Milan che ha lasciato il suo segno in queste prime tre giornate di campionato, a bottino pieno. La Champions League come obiettivo stagionale? Champions o meno il progetto resta lo stesso, la dirigenza preferisce lavorare duramente per migliorare l’organico, senza fissare in modo affrettato e scorretto un assoluto obiettivo sportivo. Contano solo la direzione, il progetto, la determinazione nel progredire. Per l’immagine del club, il futuro è proiettato su palcoscenici europei: per questo, tra le tematiche figura lo stadio di proprietà, punto imprescindibile per il club. Sarà qualcosa che permetterà a Milano di ringiovanire con la possibilità di dare alle nuove generazioni il futuro del calcio.

Mercato. La sessione estiva di calciomercato che si è appena conclusa ha disegnato un Milan giovane ed ambizioso. Positivo anche il bilancio delineato dalla dirigenza, un mercato statico che ha cambiato molto nelle formule di trasferimento con prestiti secchi. Il club sta già programmando il prossimo mercato cercando di anticiparne come sempre gli effetti, provando a cogliere opportunità sostenibili e che possano aiutare a rinforzare la squadra in futuro. Per diverso tempo in primo piano, il ritorno di Bakayoko: il giocatore aveva mostrato la volontà di rientrare a Milanello mentre la dirigenza ha valutato concretamente la possibilità. Non si sono verificate le condizioni possibili, con la consapevolezza da parte di tutti che il giocatore ha ora rinforzato una rivale in campionato. Il Milan vanta però giocatori duttili e polivalenti, con il tecnico Pioli che avrà la possibilità di alternare soluzioni e varianti tattiche da applicare anche a partita in corso. La squadra è quindi considerata completa, in tutti i suoi reparti. Nonostante l’attuale emergenza, con alcuni infortuni e diversi giocatori indisponibili.

Tiemoue Bakayoko - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Tiemoue Bakayoko – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Pioli. La dirigenza si aspetta una crescita da parte della squadra, step che anche i nuovi innesti dovranno effettuare. All’unanimità, secondo la dirigenza, l’innesto più importante è quello di mister Pioli. Al Milan ora funziona tutto, ed è tutto merito di Stefano Pioli che ha registrato un approccio propositivo e positivo, nella piena consapevolezza di limiti e forze dell’organico. Un progetto finalmente credibile, con un condottiero che si è guadagnato la conferma: ora più che mai il vero collante tra la dirigenza e la proprietà e la squadra.

Milan: Stefano Pioli - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Milan: Stefano Pioli – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Tonali e Ibrahimovic. Il primo, la sorpresa del mercato; il secondo, la guida della squadra. Al Milan serviva una figura con un impatto importante, ha ammesso Paolo Maldini, il campo sta determinando la bontà dell’operazione. Sul rinnovo non c’è invece dubbio sul valore del giocatore, il Milan sta ultimando gli studi sulla sostenibilità dell’operazione. La proprietà si è inoltre dimostrata molto aperta in tal senso. Sandro Tonali è stato invece definito una scintilla del calcio italiano. Nel momento in cui si è verificata la possibilità, il Milan ha aperto immediatamente il dialogo con il giocatore e la sua ex squadra. Paolo Maldini è stato molto convincente, ha ammesso Massara. Un talento di prospettiva, su cui il Milan punterà a lungo.

Milan: Zlatan Ibrahimovic - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Milan: Zlatan Ibrahimovic – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Rinnovi. In casa Milan tiene banco anche la questione dei rinnovi, in modo particolare quelli di Calhanoglu e Donnarumma. Serenità, chiarezza e convinzione: è questa la strategia delineata dalla dirigenza in vista degli incontri decisivi con gli agenti dei due. Donnarumma sogna il rinnovo con i suoi colori, stesso discorso per Calhanoglu: resta da sciogliere la questione economica che potrebbe prolungare le due questioni. È un Milan che guarda quindi al presente, studiano attentamente il futuro. Il modello? Il Bayern Monaco.

Milan: Hakan Calhanoglu - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Milan: Hakan Calhanoglu – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Author

Share