Milan-Inter 0-3, le pagelle: buio assoluto per Romagnoli, si salva Tonali

Author

Categories

Share

DONNARUMMA 6 – Salva i suoi in diverse occasioni e più di così non può fare, determinante nel primo tempo. Ci arriva sulla seconda rete dell’Inter.

CALABRIA 5 – Sofferenza quasi totale, come per il resto della retroguardia. Difficile leggere le manovre offensive della squadra di Conte, ci mette la pezza dove può. Saelemaekers non collabora e Perisic fa soffrire parecchio il difensore.

KJAER 5.5 – Prova a guidare la difesa rossonera, in una giornata di difficoltà colossali. Ha sulla coscienza i primi due gol dell’Inter.

ROMAGNOLI 4.5 – Si perde Lukaku, fatica tra le linee e non legge mai le manovre offensive dell’Inter. Di fatto ci capisce pochissimo. Giornata da archiviare e dimenticare.

THEO 6 – Ci mette il suo turbo ma per la squadra non basta. Non si fa annullare completamente da Hakimi, gara sufficiente in un pomeriggio di buio assoluto.

KESSIE 5 – Pomeriggio difficile, difficile contenere e altrettanto difficile impostare. Nel ruolo determinante per la sfida, non fa la differenza. Spento e poco reattivo.

TONALI 6.5 – La miglior prestazione in rossonero, proprio oggi. Lucido, coraggioso, ci mette il giusto sacrificio in ogni impostazione. Da solo, però, non basta. (Dal 66′ MEITE 5.5 – Pochi alti e pochi bassi, entra e fa il suo senza lode).

SALEMAEKERS 5.5 – Fatica a trovare Ibrahimovic, corre poco e trova il muro nerazzurro che archivia ogni speranza. Nervoso, si accende spesso e perde lucidità: l’involuzione del belga è ormai cosa certificata. (Dal 66′ LEAO 5.5 – Dopo l’uscita di Ibra fa la punta, ma brilla poco. Non cambia gli esiti della gara).

CALHANOGLU 5.5 – Prosegue il percorso in salita del turco, anche oggi pochi sprazzi di “vecchio Calhanoglu”. Manca la vecchia qualità e anche la quantità, spreca troppe occasione. Dal rientro dopo lo stop causa Covid, non sembra più lui.

REBIC 5 – Irriconoscibile, a tratti disorientato. Gara di buona volontà, ma lontanissima dalla sufficienza. Non impensierisce mai la difesa di Conte. Il più pericoloso davanti, senza costanza e concretezza.

IBRAHIMOVIC 5 – Lo vince ancora Lukaku il duello dei giganti nel derby di Milano. A livello mediatico, di testa e di spirito, “Ibra a Sanremo” non fa benissimo. E’ lo specchio della squadra: mancano ritmo e intensità. (Dal 76′ CASTILLEJO 6 – Ci mette velocità come al solito, ma il contorno è ormai spento).

PIOLI 5 – Nella settimana più importante della stagione non riesce a tirare fuori il meglio dai suoi. Difficile gestire la questione “Ibra a Sanremo”, la sua squadra ora è in crisi.

Milan: Sandro Tonali - MilanPress, robe dell'altro diavolo
Milan: Sandro Tonali – MilanPress, robe dell’altro diavolo

Author

Share