Milan, dopo appena due mesi è già emergenza infortuni. Ma la classifica sorride…

Author

Categories

Share

Il grande paradosso di questa particolare stagione del Milan parte (o riparte) tanto per cambiare, dall’emergenza infortuni, discorso legato ai rossoneri praticamente nel corso di tutte le stagioni da diversi anni a questa parte.

Se lo scorso campionato, però, i grandi problemi riguardanti l’infermeria sono nati più o meno a metà campionato, ecco che oggi – dopo appena due mesi dall’inizio della stagione – Stefano Pioli si ritrova in emergenza, settimana dopo settimana, nel rincorrere la formazione ideale nonostante tutte queste defezioni.

Milan: Stefano Pioli (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan: Stefano Pioli (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

Milan, il paradosso infortuni: tante assenze così presto, ma la classifica sorride 

La stagione dei rossoneri, come detto, vive l’ennesimo paradosso della propria storia. Questa volta, in un discorso che lascia a margine il cammino in Champions League, analizziamo il percorso della compagine di Stefano Pioli in campionato, che nonostante le numerose assenze, con un’emergenza infermeria arrivata così presto rispetto alla passata stagione, viaggia comunque al passo delle altre big – se non più veloce – consolidando un momentaneo secondo posto e l’assenza di sconfitte.

Il Milan aspetta momenti più fortunati dal punto di vista della presenza di un maggiore numero di calciatori tra allenamenti ed incontri ufficiali, ma nel frattempo si gode due concetti fondamentali: in primis, un grande lavoro di coesione del gruppo, che facilita certamente l’impatto positivo alle partite, come detto, nonostante le numerose e pesanti assenze.

In secondo piano – non per importanza – beneficia di una classifica che sorride nonostante l’emergenza così prematura, le difficoltà, gli impegni, un pizzico di sfortuna. Rispetto alla stagione passata, però, c’è anche un Milan più consapevole, maturo, forte. C’è solo da migliorare?

Author

Share