Ibrahimovic: “Non ho vinto la Champions? Ho ancora obiettivi e voglio vincerla”

Author

Categories

Share

Zlatan Ibrahimovic ha concesso un’intervista ai microfoni di France Football. Ecco la sua versione integrale, nella quale il fuoriclasse svedese ha parlato di vari aspetti della sua vita e della sua carriera.

Cosa direbbe allo Zlatan giovane: “Gli direi solo di avere più pazienza. Gli sarà restituito tutto. Ho lavorato sodo, ma non ho avuto molta pazienza. Volevo che tutto accadesse molto rapidamente. ‘Zlatan, pazienza. Continua a lavorare e credi in te stesso’. È molto difficile quando sei giovane. Quando invece hai un’esperienza come quella che ho io adesso, capisci cosa possa significare. Ma quando sei giovane e selvaggio, pieno di idee, con molta energia e motivazione, vuoi scoprire il mondo, ma hai molte cose da imparare, non è facile. Devi essere circondato da persone che hanno esperienza, che ti permettono di stare calmo e che ti dicono la verità“.

Su cosa resterà di lui a fine carriera: “Non lo so, spero qualcosa. Se è rimasto qualcosa, significa che ho fatto bene il mio lavoro. Forse le mie idee. Credi in te stesso, abbi la tua personalità, non aver paura di resistere se pensi qualcosa, abbi sempre una mentalità aperta“.

Se abbia mai fatto errori: “Faccio errori ogni giorno. Come se ora parlare con te fosse un errore (ride, ndr). Ogni giorno commettiamo errori. È così che diventi una persona migliore. Nessuno è perfetto“.

Sulla fierezza per quello che è diventato: “Sono orgoglioso di quello che ho fatto. Vengo da un posto dove tutti mi giudicavano, mi dicevano che non era possibile. La gente parlava di me: ‘Sì, non è abbastanza bravo’, ‘non è abbastanza’. E sono ancora qui, in piedi, a 39 anni, ancora con gli scarpini. Ne sono orgoglioso. Penso comunque che possiamo sempre fare di più. È una questione di mentalità. Tutti possono fare meglio. Nella mia testa, cerco di fare il massimo e faccio il massimo. Potrei fare di meglio? Alcuni ti diranno di sì. È un tema di discussione“.

Sull’attenzione riposta su di lui: “Fa parte del mio lavoro. Non l’ho scelto io, ma quando sei bravo quanto me, succede e devi adattarti“.

Sulle critiche da giovane: “Era come mettere benzina sul fuoco. Mi ha permesso di fare ancora di più. Al contrario, mi ha motivato. Sono andato avanti con esse e le ho usate per non essere mai soddisfatto. Tutte queste critiche le ho trasformate per riaccendere la mia fiamma e ne ho tratto energia“.

Sulla mancata vittoria della Champions League: “Se l’avessi vinta, sarebbe stato meraviglioso. Non l’ho vinta, ma questo non fa di me un giocatore peggiore. È come i ragazzi che mi dicono: ‘Zlatan, non hai vinto il Mondiale, non sei un buon giocatore’. Ok… è più facile vincere la Coppa del Mondo quando sei francese piuttosto che svedese. Dopo, per tornare alla Champions, più aspetti, più è piacevole vincerla, no? Ho ancora obiettivi e voglio ancora vincerla. Nel club ho vinto tutto tranne la Champions League. Ma non mi lamento perché ho fatto più di molti altri, sono felice“.

Sulla sua personalità: “Sono solo me stesso. Le persone cercano sempre di essere perfette. Dico sempre: ‘Sii te stesso ed è questo che è essere perfetto’. Non cambio per il successo, per niente, continuo ad essere me stesso e qualunque cosa accada, sarò me stesso. Faccio solo il mio gioco, voglio far vincere la mia squadra e il resto viene da sé. Non ho scelto di diventare famoso. Fa parte del lavoro quando diventi bravo, ci sono conseguenze. La gente ti riconosce e diventi famoso. Le persone cercano di essere perfette e alcune persone creano un personaggio per se stesse. Essere te stesso significa essere perfetto in te stesso. Come la questione degli errori: certo che sbaglio, ma chi pensa di essere perfetto pensa di non sbagliare“.

Sul suo spirito: “Sono bravo nel mio lavoro e sono qui per aiutare. Provo a vincere e a fare la differenza in campo. Non sono qui per farmi ricordare dalle persone. Le persone che si ricordano di te lo sono perché hai fatto qualcosa, nient’altro“.

Sulla privacy: “Quando arrivi a un livello come il mio, non hai scelta. Non sono qui per condividere la mia vita con il mondo intero. Sono un calciatore professionista, condivido ciò che voglio condividere. Non sono il pagliaccio di Instagram che si sveglia e si chiede quale sarà la foto migliore per salutare. Voglio condividere le cose della mia vita quotidiana professionale. Per me c’è una privacy, che è molto importante e che non condivido. Poi c’è la vita professionale, la condivido perché fa parte del mio lavoro. Non nascondo niente. Tengo solo la mia privacy per me“.

Sulle sue fragilità: “Ho una parte di fragilità: ho emozioni, debolezze, cose che mi feriscono. Non sono Hulk o Superman. Mi vedi in campo sempre fiducioso, anche fuori, ma ho una parte di fragilità. Ho le mie debolezze, le mie emozioni. È naturale“.

Sul suo percorso: “Sono solo me stesso. Sono cresciuto così, ho attraversato la mia vita, ho vissuto le mie esperienze, sono cresciuto. Ora ho una. famiglia, due figli, fa parte della mia vita. Sto attraversando nuovi capitoli. Ho avuto momenti difficili, momenti belli, anche momenti normali. Li attraversi tutti e questo rende chi sei. Oggi sono la persona che sono. Forse tra sei mesi, un anno, sarò qualcun altro. Dipende da cosa stai passando. Non ho più 35, 30 o 25 anni. Il mio modo di pensare non è più lo stesso. Ma sono rimasto lo stesso. È la cosa più importante. Sono più maturo, gestisco le situazioni in modo diverso, dentro e fuori dal campo. Voglio godermi il mio gioco al massimo livello, condividere la mia esperienza con i miei compagni di squadra il più a lungo possibile“.

Sul suo lavoro quotidiano: “Se sono quasi due metri e sono ancora forte, è perché mi alleno e lavoro, non è perché sto a Venice Beach e faccio il bodybuilder tutto il giorno. Sono nato così, i miei genitori sono cresciuti, ecco cosa sono. Cerco di adattare il mio gioco alle mie caratteristiche e alla mia età. Non sono veloce come 25 o 30, faccio del mio meglio per aiutare la squadra. Ma non sono un duro o cose del genere“.

Sulla sua diversità: “Quando fai qualcosa di buono, ti amano e poi, all’improvviso, non ti amano più. Questo è amore? No. Non ho bisogno di essere amato. Voglio che le persone siano oneste e si divertano in quello che faccio se lo faccio bene. Ma fa parte di una cosa più grande. Non cerco l’amore come quelli che vanno agli enti di beneficenza per sentirsi dire: ‘Wow, è un bravo ragazzo!’. È falso. Se faccio qualcosa, lo faccio perché lo voglio. Nessuno lo saprà. Lo faccio con il cuore. Ma alcuni lo fanno con la testa. Fanno beneficenza per cui diciamo di loro: ‘Accidenti, è un bravo ragazzo. Ha mandato soldi per gli ospedali, ha mandato soldi per il coronavirus’. Lo faccio, ma non lo dico. Grande differenza“.

Sulla sua nazionalità e le diversità: “Quando ero piccolo non mi sentivo svedese, perché mi hanno fatto sentire diverso. Sono stato trattato in modo diverso, giudicato in modo diverso, guardato in modo diverso… ecco perché non mi sentivo svedese al 100%. Mi hanno fatto sentire così. Ma se mi avessero fatto sentire uno di loro, mi sarei visto svedese al 100%. Ma oggi lo dico: sono svedese al 100%. Ero giovane, la pensavo diversamente prima, ma ora, più grande, ho esperienza, sono svedese al 100%. Sono la nuova Svezia. Questo è il mondo adesso. In Francia è lo stesso. C’è ancora chi parla della vecchia Francia. Oh! Siamo nel 2021! Il mondo è pieno di mescolanze, contrasti diversi. E solo perché sei così non significa che non puoi sentirti al 100% Francia o 100% Svezia. Ma quando sei giovane, non puoi capirlo. Sei in una fase in cui impari e raccogli informazioni per avere le armi per capire. Hai sopportato un po’ la cosa. Ma ci sono conseguenze a tutto questo. Mentalmente, quando vieni trattato in modo diverso, perché sei diverso da loro, è difficile. È come se i bambini molestassero altre persone a scuola. La gente si dice: ‘Va tutto bene, passerà’. Non sanno che ci sono conseguenze mentali anni dopo. La persona molestata può diventare mentalmente instabile a causa di questi traumi. Dico sempre che è meglio prendere una botta grossa perché fa male cinque minuti. Quando sei molestato, le conseguenze possono durare per tutta la vita. Ma tutte queste persone sono ignoranti e pensano ancora di vivere nel loro vecchio mondo. Mia moglie è svedese al 100%. Quindi i miei figli vengono da un contrasto, ma anche loro sono svedesi al 100%. È carino. Questo è il mondo attuale. Un mondo di apertura mentale“.

Sulla polemica con Lebron James: “Ho detto che non stavamo facendo politica. La politica divide le persone. Il calcio nel mio mondo unisce le persone. Grande differenza. Perché ho la fortuna di poter incontrare e conoscere ragazzi che non avrei mai conosciuto se non avessi giocato a calcio. Ho incontrato persone da tutto il mondo. Uniamo le persone. La politica divide. Se volessi essere in politica, sarei in politica. Dovremmo fare solo ciò in cui siamo bravi. Sport e politica rientrano in due diverse categorie. Se sei intelligente, lo capisci. Non è questione di prendere posizione o meno. Riguarda ciò che fai e quale messaggio vuoi trasmettere. Noi calciatori diffondiamo amore e gioia. Non puoi portare la tua politica nel mio mondo. Non sono qui per inviare il messaggio sbagliato alle persone. Sono lì solo per unire, per diffondere amore e gioia. Questo è il modo migliore che abbiamo per farlo. Calcio o sport, perché siamo bravi a farlo. Sono bravo in questo, sono bravo a calcio“.

Sulla fine della sua carriera: “Dopo la mia carriera, voglio scomparire… quando vivi in ​​questo mondo per tutto il tempo che ho vissuto io, sai cosa hai passato mentalmente e fisicamente. Quindi, voglio solo sparire e godermi la vita“.

E per finire una battuta: “In motoslitta con Romelu Lukaku o LeBron James, quale inviteresti in Svezia?“.
Entrambi se amano la neve“.

Milan: Zlatan Ibrahimovic - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Milan: Zlatan Ibrahimovic – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Author

Share