La perseveranza paga: Castillejo e quella voglia di non essere mangiato

Author

Categories

Share

Nei nostri approfondimenti avevamo già analizzato il momento difficile che stava attraversando Samu Castillejo. Lo spagnolo nella prima parte di stagione è stato sicuramente uno dei più deludenti del reparto offensivo. Samu però non si è abbattuto e citando una frase  dell’intervista di Zlatan Ibrahimovic ha deciso di mangiare invece che farsi mangiare. Le ultime prestazioni sono state più che convincenti, il numero 7 nelle ultime 4 partite ha messo a segno 3 gol, trovando anche la prima gioia in campionato a Marassi contro la Samp.

Perseveranza

Il brutto inizio di stagione di Castillejo non solo si vedeva dalle prestazioni ma era sottolineato anche dai numeri. Unico dei trequartisti a non essere andato a segno, particolare per una squadra che è un’autentica cooperativa del gol. Brutto inizio che gli ha fatto perdere anche il posto da titolare. Pioli però è stato bravo a tenere coinvolto lo spagnolo e non a relegarlo in panchina ma dandogli l’opportunità, visti anche i tanti impegni, di mettersi in mostra. Da Lille in Europa League la stagione di Samu è probabilmente svoltata. Gol, buona prestazione e grande intesa con Rebic, infatti il croato ha servito 2 assist al numero 7 rossonero nelle ultime 4 partite. Lo spagnolo poi si è ripetuto ancora in EL con il Celtic in casa ed infine a Marassi in campionato. Il suo gol arrivato dopo 35 secondi dal suo ingresso in campo è il gol più rapido di un subentrato in questa Serie A. Dimostrazione di come si possa essere decisivi anche entrando a gara in corso, se si entra con il giusto spirito ed il giusto atteggiamento.

Dodicesimo

Nel basket esiste il ruolo del “sesto uomo”, solitamente deputato a dare una scossa e un apporto importante di punti quando sostituisce un titolare. Ecco, Castillejo potrebbe ricoprire perfettamente questo ruolo, essere quindi un dodicesimo. Con i rientri di Ibra Leao il posto da titolare sarà ancora più difficile da conquistare ed è qui che sarà fondamentale per chi parte dalla panchina farsi trovare pronto. I 5 cambi inoltre favoriscono in questo senso ancor di più, facilitando anche la gestione dei calciatori da parte degli allenatori. Castillejo con la sua velocità e tecnica può essere un’arma davvero importante da inserire durante la partita quando le squadre sono stanche. Il MIlan avrà un tour de force di 5 partite in 13 giorni e sarà fondamentale il contributo di tutti, e Samu è la dimostrazione che con il lavoro e l’impegno in questa squadra e con questo allenatore tutti posso avere un ruolo importante. Solo con questa mentalità si possono superare momenti difficili con tante assenze come in questo periodo, sintomo che il Milan come dichiarato da Pioli è una squadra vera.

Samu Castillejo – Milanpress, robe dell’altro diavolo

 

 

Author

Share