HomeNewsAmbrosini: "Shevchenko ha il fuoco dentro: aveva un'ambizione straordinaria. Il gol di...

Ambrosini: “Shevchenko ha il fuoco dentro: aveva un’ambizione straordinaria. Il gol di Kaka contro il Celtic…”

L’ex centrocampista rossonero e oggi talent DAZN Massimo Ambrosini ha rilasciato delle dichiarazioni ai microfoni di Milan TV nella rubrica “On the pitch“. Il primo episodio è dedicato ai coast-to-coast: ecco le sue parole.

Su Weah: “Non era arrivato giovanissimo lui al Milan, era arrivato quindi nel pieno della maturità fisica e mentale. Poi aveva trovato un ambiente giusto per la sua personalità e aveva trovato Marco Simone che lo aveva accolto sia in squadra che in casa, perché nel primo periodo è stato da lui a vivere. Un giocatore straordinario“.

Sul gol di Weah in coast-to-coast contro il Verona: “C’era anche incredulità in quel momento. Poi abbracciò un signore che era lì che lavorava e lo intervistarono il giorno dopo. Non sapeva chi abbracciare, era sfinito e abbracciò questo signore. Qualcuno stava andando, la partita era quasi finita. Un giocatore clamoroso, era in grado di segnare in area di rigore come prendere palla e fare gol. In quel momento era realmente ad un livello di onnipotenza clamoroso“.

Su Shevchenko: “A differenza di Weah, lui era arrivato in un momento di vita diverso. George era un uomo, arrivava in un club con una forza fisica e mentale diversa. Sheva era un ragazzino, aveva fatto esperienza nel suo Paese. Entrava in una nuova realtà, in una nuova città. George arrivava da Parigi, Sheva da Kiev. Era un ragazzo molto timido che si approcciava anche alla lingua italiana con tutte le difficoltà del caso. Arrivava con grandi aspettative. Forse Sheva aveva in maniera marcata l’ambizione: aveva una tenacia e una forza mentale straordinaria nonostante fosse giovane. Il fuoco lui ce l’ha dentro. Aveva abitudini di vita e di educazione, è un ragazzo composto ed è difficile che esterni completamente quello che ha dentro, ma quello che ha dentro gli ha permesso di essere quello che poi è stato. Nella singola giocata, se tu hai qualcosa dentro la fai con una cattiveria e una determinazione che ti fa segnare dei gol, ti fa fare quello che ha fatto lui per anni“.

Sul gol di Shevchenko in coast-to-coast contro il Bari: “Lui si è costruito strada facendo al Milan. Arrivava con poco calcio di alto livello, quindi quello che lui ha fatto se l’è costruito strada facendo. Le qualità che lo hanno portato al Milan le ha aumentate costantemente. Quello che tutti dicevamo di Sheva era che lui come tirava faceva gol. Oltre a quel gol lì che è la rappresentazione della sua forza fisica, lui in realtà era uno che anche in area di rigore se si girava e calciava, la porta la prendeva. Era uno che se intuiva ci fosse la possibilità di segnare, in un modo o nell’altro riusciva il modo per farlo“.

Sul gol di Kaka in coast-to-coast contro il Celtic: “Quella partita lì era una partita chiusa e fisica. Il compito di chi giocava dietro di lui era dargli questi palloni, poi ci pensava lui. Il mio non era un assist, era un semplice passaggio: il 98% di quel gol è solo suo. I campioni sono fatti per quello. Il campione ti risolve la partita in un momento così, senza tanti schemi o tante cose. Il campione è quello che si prende quella responsabilità lì e ti svolta la partita“.

Massimo Ambrosini - MilanPress, robe dell'altro diavolo
Massimo Ambrosini – MilanPress, robe dell’altro diavolo

Altre notizie

Ex Milan, Olivier Bierhoff lascia la Federcalcio tedesca dopo 18 anni

Olivier Bierhoff, ex grande bomber di Milan ed Udinese, ha lasciato il suo compito...

Ex Milan, Donnarumma: “Mi piacerebbe davvero tanto vedere il Napoli vincere lo scudetto”

Gianluigi Donnarumma, ex portiere del Milan, ha fatto un pronostico sulla lotta scudetto che...

Milan, fissate quattro amichevoli: ecco contro chi giocherà la squadra di Stefano Pioli

Il Milan continua ad allenarsi in vista della ripresa del campionato, che avverrà il...

Milan, nella Francia c’è lo zampino di Theo e Giroud: nello spogliatoio si canta “Freed from desire”

I giocatori del Milan stanno facendo bene nel Mondiale in Qatar, con alcuni che...

Ultim'ora

Ex Milan, Olivier Bierhoff lascia la Federcalcio tedesca dopo 18 anni

Olivier Bierhoff, ex grande bomber di Milan ed Udinese, ha lasciato il suo compito...

Ex Milan, Donnarumma: “Mi piacerebbe davvero tanto vedere il Napoli vincere lo scudetto”

Gianluigi Donnarumma, ex portiere del Milan, ha fatto un pronostico sulla lotta scudetto che...

Milan, fissate quattro amichevoli: ecco contro chi giocherà la squadra di Stefano Pioli

Il Milan continua ad allenarsi in vista della ripresa del campionato, che avverrà il...