Un mercato sempre più rivolto all’estero, Milan: le difficoltà a trattare con i club italiani

Author

Categories

Share

Mancano poco di più di 10 giorni alla fine del mercato e il Milan ha ancora diverse operazioni da portare a termine. Dal centrocampista al trequartista fino ad una possibile punta giovane. Insomma tanta carne al fuoco, ma già oggi si può tracciare un primo bilancio del mercato rossonero. Infatti si può notare subito come l’area tecnica si rivolga tanto al mercato estero, con la maggior parte degli arrivi che non provengono da club italiani.

Milan: Paolo Maldini - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Milan: Paolo Maldini – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Difficoltà a trattare con i club italiani, problemi di valutazione?

Che l’impronta dell’area tecnica, anche grazie al capo scout Moncada, sia rivolta verso l’estero non è un mistero. Ma salta all’occhio come il Milan faccia fatica ad imbastire delle trattative con club italiani. Difficoltà che nascono principalmente da una questione: la valutazione dei giocatori. Il Milan ha sempre fatto capire che non prenderà mai dei giocatori che secondo il parere dell’area tecnica non valgono quanto stabilito dal club. Una scelta rispettabile e che porta ad avere delle difficoltà con i club italiani. In Italia i soldi sono pochi e le società, bisognose di denaro, tendono a gonfiare le valutazioni per incassare il più possibile. Oltre a questo, l’attuale area sportiva, non ha particolare legami con società di Serie A tanto da creare un’asse di mercato. Basta vedere il caso Juventus-Sassuolo con Locatelli, con il centrocampista accasatosi ai bianconeri con un’offerta vantaggiosa per i bianconeri. Il Milan invece che avrebbe messo gli occhi su Berardi riceve in risposta una cifra di 40 milioni e oltre senza possibilità di trattativa. Una disparità di trattamento non indifferente. Altri casi sono stati quelli di Lovato, valutato dal Verona 30 milioni quando accostato al Milan, finito poi a 8 milioni all’Atalanta, o Musso valutato sempre 30 milioni e accasatosi sempre alla Dea per 20. Ora tiene banco la trattativa Florenzi per cui ballano 500 mila euro che fanno sì che i tempi dell’operazione si dilunghino. Una serie di difficoltà che orientano forzatamente il mercato del Milan verso l’estero ma va posto rimedio per poter attingere talenti anche dal mercato interno. Compito di Maldini e Massara allacciare rapporti di fiducia che possano essere sfruttati dal club.

Maldini Massara Gazidis - MilanPress, robe dell’altro Diavolo
Milan: Maldini, Gazidis e Massara – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Author

Share