mercoledì, Maggio 25, 2022

Ibrahimovic: “Non sono ancora pronto per fumare un sigaro. Donnarumma? Non c’è da discutere: è il più forte del mondo”

Author

Categories

Share

- Advertisement -
- Advertisement -

L’attaccante del Milan, Zlatan Ibrahimovic, ha rilasciato un’intervista all’Equipe, parlando della sua carriera e del suo periodo al PSG. Ecco le parole di Ibrahimovic: “Normalmente, a 40 anni sei a casa tua, ti accendi un sigaro e ripensi con soddisfazione alla carriera che hai fatto. Ma io non sono ancora pronto per fumarmi il sigaro. Mi manca anche la Francia, ci ho passato degli anni molto belli. Non è stato facile ma è stato fantastico. Ho imparato molto, sono orgoglioso di quello che ho fatto. È un paese fantastico e Parigi è una città incredibile. Se aiutassi il PSG a crescere? Sì, 100%. Ogni giorno ho lavorato lì. Ho portato le cose a cui ero abituato alla Juve o al Milan. Non mi sono adattato al PSG, è stato il contrario. Il PSG voleva raggiungere il livello più alto, dentro e fuori dal campo, ma c’era molto da fare. Sono orgoglioso di dire a me stesso che ero lì all’inizio e di vedere dove è arrivato oggi. È stato fantastico”.

Ibrahimovic parla poi di due giocatori del PSG attuale, l’ex rossonero Gigio Donnarumma e Kylian Mbappe: “Sono abituato ad avere un portiere che è il numero 1 e che è sempre lo stesso. E su Donnarumma non c’è da discutere: è il più forte del mondo, e basta. Ho giocato con lui, so di cosa parlo. Mbappè? Dipende da cosa vuole, cosa ne pensa. È lui che deciderà. Mbappé me lo ha chiesto e io gli ho detto: “Al tuo posto andrei al Real”. Ho giocato in diverse squadre e paesi, è così che sono cresciuto. Giocare in casa per tutta la tua carriera è più facile. Se vai in altri giardini, è un’avventura“.

Ibrahimovic

Author

Share