CorSport, Milan: “Giorno da Leao, la Champions è tutta sua”

Categories

Allarme in attacco per il Milan, Origi e Rebic fermi almeno una ventina di giorni: straordinari obbligati per Leao e Giroud.

E’ di nuovo emergenza attacco in casa rossonera. Né Rebic, alle prese con una piccola ernia discale, né Origi, che è già volato in Belgio per seguire un trattamento speciale al tendine del retto femorale della coscia sinistra, saranno a disposizione contro la Dinamo Zagabria, domani, e contro il Napoli, domenica prossima. In aggiunta, la trasferta in casa con la Sampdoria ha lasciato uno strascico ben poco gradito, vale a dire l’espulsione e quindi la squalifica di Rafael Leao. Il talento portoghese potrà trascinare il Milan in Champions League, ma dovrà restare a guardare nel big match tra due delle tre capolista del campionato.

ORIGI – I problemi e i fastidi che l’attaccante belga aveva già accusato nelle scorse settimane continuano a riproporsi. Tutto nasce dalla grave lesione muscolare che l’ex Liverpool aveva rimediato lo scorso maggio ed ora il tendine del retto femorale continua ad infiammarsi o indurirsi e per questo motivo ha già dato forfait nella sfida con il Sassuolo e in quella con la Sampdoria, che avrebbe dovuto segnare il suo debutto da titolare. Così, allo scopo di risolvere il problema, la scelta è stata di mandare il giocatore in Belgio per seguire un programma di lavoro specifico, seguito ai medici della nazionale belga, gli stessi che avevano avviato il suo recupero dopo l’infortunio della scorsa primavera. La speranza dei rossoneri è che il giocatore possa essere abile e arruolabile per il match con il Chelsea del 5 ottobre o per quello successivo con la Juventus.

REBIC – L’attaccante croato è fermo da fine agosto per un guaio alla schiena, che, in base a quanto emerso dagli ultimi mi accertamenti specifici, soffre a causa di una piccola ernia discale. Per alcuni giorni, il dolore era tale che per l’attaccante era complicato perfino muoversi. Il problema non è tale da richiedere un intervento chirurgico e, infatti il picco peggiore sembra ormai superato. La ripresa, però, non potrà essere rapida.

STRAORDINARI – Se, per quanto riguarda Rebic, “purtroppo” Pioli era abituato alla lunga serie di guai fisici e stop che hanno caratterizzato la sua avventura rossonera, lo stesso non vale per Origi, che era stato scelto per rafforzare anche numericamente il reparto offensivo e per gestire l’assenza di Zlatan Ibrahimovic. Invece l’ex-Liverpool ha saltato 3 gare su 7 e nelle altre 4 ha giocato solo piccoli spezzoni. Giroud, 36 anni il 30 settembre, sarà costretto a fare gli straordinari sia contro la Dinamo Zagabria sia contro il Napoli. Se non altro in Champions c’è Leao, che andrà a caccia della sua seconda prodezza dopo quella dello scorso anno con l’Atletico Madrid.

Lo riferisce Il Corriere dello Sport in edicola questa mattina.

Milan-Bologna: Olivier Giroud (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan-Bologna: Olivier Giroud (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

Autore

condividi