UN MILAN STOICO TORNA IN CHAMPIONS LEAGUE ESPUGNANDO BERGAMO: DECISIVO KESSIE!

Milan: Franck Kessie - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Milan: Franck Kessie - Milanpress, robe dell'altro diavolo

Il Milan è giudice di sé stesso, ma sulla sua strada avrà la squadra che lo ha condannato ad una delle sconfitte peggiori di sempre nel dicembre 2019. L’Atalanta non si scanserà, giocherà per il 2° posto: sarà lotta vera al Gewiss Stadium. Pioli conferma le indiscrezioni e schiera Rafael Leao nel ruolo di centravanti, poiché Rebic non ha recuperato. Gasperini, invece, sorprende e sceglie Pessina, non Muriel. Ecco la cronaca del match.

Atalanta-Milan, primo tempo

Palla al Milan, Mariani fischia l’inizio del match! Prima occasione per i rossoneri, al 4′: palla lunga di Donnarumma, spizzata di Leao per Saelemaekers che ci prova da fuori, ma il tiro finisce alto. Baricentro basso dei rossoneri nei primi 15′. La prima opportunità della Dea arriva al 19′, con un colpo di testa di Djimsiti finito a lato. Non è una prima frazione entusiasmante per via di occasioni, il Milan tutto racchiuso in 30 metri e pronto sempre a ripartire, come al minuto 37 con Leao: il portoghese scatta verso l’area avversaria rubando il tempo a Romero che interviene su di lui, ma per Mariani non c’è stata alcuna infrazione. Al 40′ fraseggio palla a terra del Milan che porta Theo Hernandez in area: il francese è atterrato da Maehle e Romero. Dopo un attimo di esitazione, il direttore di gara indica il dischetto. Al 43′ Franck Kessie spiazza Gollini con un rigore calciato a fil di palo: 0-1. Le squadre rientrano negli spogliatoi dopo un minuto di recupero sul parziale citato precedentemente.

Atalanta-Milan, secondo tempo

Secondo tempo che comincia con un cambio nelle fila nerazzurre: entra Muriel, esce Pessina. Occasione colossale per Zapata al 57′: Malinovskyi imbuca per lui che si allarga e prova il diagonale, ma la palla sibila il palo ed esce. Due cambi per Pioli al 61′: dentro Meite e Krunic, fuori Bennacer e Brahim Diaz. Poco dopo ci prova Muriel su punizione: palla di poco alta, controllata da Donnarumma. Il numero 18 ucraino tenta il tiro dal limite al 66′: centrale e blocca il numero 99. Al 68′ pericoloso un cross sbagliato di Calabria che finisce di poco alto, con Gollini sorpreso dalla traiettoria. Un minuto dopo il Milan ha la palla del raddoppio. Meite recupera palla e parte in progressione: il numero 18 serve in profondità Leao che con un tocco sotto supera Gollini, ma c’entra il palo. Al 72′ tiro da fuori di Muriel: palla nuovamente a fil di palo. Dopo 79 minuti Pioli fa altre due sostituzioni: entrano Mandzukic e Dalot, escono Leao e Saelemaekers. Dall’altra parte entra Pasalic ed esce Maehle. Altri due cambi per Gasperini: dentro Miranchuk e Palomino, escono Freuler e Toloi.  4 minuti di recupero, la tensione è alle stelle. Al 92′ Calhanoglu calcia verso la porta, Gosens tocca con il braccio: Mariani indica il dischetto. Parapiglia in area dopo il fischio: De Roon tira un cazzotto a Krunic e viene espulso, mentre il bosniaco ammonito. FRANCK KESSIE REALIZZA IL CALCIO DI RIGORE!!! È 0-2, IL MILAN È A POCHISSIMI MILLIMETRI DALLA QUALIFICAZIONE ALLA PROSSIMA CHAMPIONS LEAGUE!!! Mariani fischia tre volte: IL MILAN TORNA IN CHAMPIONS LEAGUE 2306 GIORNI DOPO L’ELIMINAZIONE CONTRO L’ATLETICO MADRID!!!