giovedì, Maggio 26, 2022

Da riserva di lusso alla prima notte di Champions a San Siro. Per Romagnoli è il momento delle conferme

Author

Categories

Share

- Advertisement -
- Advertisement -

Alessio Romagnoli è nel gruppo folto di giocatori a scadenza la prossima estate che non sa ancora se il suo futuro sarà o meno al Milan. Nulla di nuovo in casa rossonera, se non fosse che si tratti del capitano della squadra. Un capitano che ha perso il posto nell’11 titolare a discapito di Kjaer e Tomori e che ha anche perso il giro della Nazionale. E’ partito come riserva di lusso ma complici i problemi muscolari di Kjaer, è partito titolare nelle ultime sfide di campionato. Prestazioni convincenti, soprattutto contro la Lazio, che lasciano ben sperare per il suo debutto in Champions League di stasera contro l’Atletico Madrid a San Siro.

Romagnoli - MilanPress, Robe dell'altro diavolo
Romagnoli – MilanPress, Robe dell’altro diavolo

Il debutto in Champions occasione di conferma

Stasera il Milan tornerà a giocare una partita di Champions League a San Siro dopo 7 lunghi anni proprio contro quell’Atletico Madrid che eliminò i rossoneri agli ottavi di finale del 2014. Alessio Romagnoli sarà il capitano e giocherà titolare vista l’assenza di Kjaer. Una partita importante per Alessio che si trova al Milan da 6 anni e per la prima volta ha la possibilità di esordire nel palcoscenico più importante d’Europa. L’avversario è scomodissimo come l’attaccante che dovrà marcare: il Pistolero Luis Suarez. Un battesimo di fuoco insomma, per un giocatore che in Italia ha mostrato spesso e volentieri difficoltà nel contenere i centravanti delle grandi squadre. Sfoderare una prestazione convincente stasera non solo sarebbe un’iniezione ulteriore di autostima per Romagnoli, ma farebbe contento Pioli che potrebbe contare nuovamente sulle prestazioni del capitano. Avere più alternative, di livello, in questa stagione sarà fondamentale per gestire il doppio impegno campionato/Champions League. Una serata quindi di grande peso per il capitano che nonostante il contratto in scadenza nel 2022 si è sempre allenato da professionista e ha sempre accettato le scelte dell’allenatore senza polemiche. Un atteggiamento non da tutti e che certificano il suo status da capitano, esempio di professionalità e serietà, nonostante molto probabilmente le strade di Romagnoli e del Milan si divideranno.

Milan: Alessio Romagnoli e Mike Maignan (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan: Alessio Romagnoli e Mike Maignan (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

Author

Share