sabato, Maggio 21, 2022

Pioli, interrogativi sulle scelte davanti. Chi sulla trequarti contro l’Atalanta?

Author

Categories

Share

- Advertisement -
- Advertisement -

Centottanta minuti, o qualcosina in più se si considera il recupero, alla fine di un campionato in cui il Milan si ritrova al comando della classifica e con due lunghezze di vantaggio rispetto all’Inter campione in carica e vogliosa di mantenere quel tricolore sul petto.

La penultima partita a cui andranno di fronte Pioli ed i suoi uomini, è probabilmente una delle più ostiche giocate negli ultimi anni, quella contro l’Atalanta di Gian Piero Gasperini, che ha dimostrato di saper punire i rossoneri tra le mura di San Siro. Se consideriamo infatti, esclusivamente i match a Milano contro la Dea – nonostante uno storico complessivo positivo – il Milan non vince da otto anni, esattamente da gennaio 2014.

Chi sulla trequarti

Focalizzandoci sulla partita in programma questa domenica a San Siro alle ore 18.00, vediamo quali potrebbero essere le scelte di Stefano Pioli soprattutto in tema trequartisti: chiave fondamentale per trovare equilibrio in fase difensiva e saper colpire i bergamaschi in attacco, senza sbilanciarsi troppo.

Kessie. La prima idea per il ruolo di “sotto punta” potrebbe essere quella legata a Franck Kessie, idea che stuzzica certamente. In realtà, il possibile schieramento in quella zona di campo da parte del 79 rossonero, per dare soprattutto fisicità al Milan, potrebbe non tramutarsi nella giusta chiave tattica, proprio a causa dell’esperimento Meité, palesemente fallito nella sfida d’andata dello scorso anno, complice (probabilmente) il suo arrivo in rossonero pochi giorni prima.

Krunic. Grazie alla duttilità, alla calma e alla bravura nel gestire come pochi altri ambedue le fasi, il centrocampista bosniaco – tra i migliori in campo nella sfida dello scorso weekend contro l’Hellas Verona – è uscito dal Bentegodi tra gli applausi dei propri tifosi. Potrebbe essere nuovamente lui il prescelto nel ruolo di trequartista: forse la giusta via di mezzo tra la troppa fisicità, che renderebbe la manovra per certi versi statica, e la qualità senza la giusta copertura, fattore che contro gli uomini di Gasperini non può essere sottovalutato.

Brahim. L’ultimo, non per importanza, è Brahim Diaz. Il 10 rossonero nonostante la sua “fragilità” ha dimostrato di saper giocare partite importanti proprio contro l’Atalanta dal primo minuto. Non a caso, nelle ultime due vittorie rossonere (arrivate al Gewiss Stadium) Brahim è sceso in campo da titolare nel ruolo di trequartista, disputando in entrambe le occasioni due grandi partite.

Milan: Stefano Pioli (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan: Stefano Pioli (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

Author

Share