HomePrimo PianoPioli in conferenza: "Il rinnovo di Theo Hernandez un segnale per il...

Pioli in conferenza: “Il rinnovo di Theo Hernandez un segnale per il futuro del Milan. Ballo-Touré è a disposizione e può giocare”

Intervenuto nella consueta conferenza stampa alla vigilia di Milan-Sampdoria, Stefano Pioli ha parlato così in vista della gara contro i blucerchiati. Ecco le due dichiarazioni:

Sul rinnovo di Theo Hernandez: “Credo che il rinnovo di Theo sia un bellissimo segnale di un club che ha una visione per il presente, ma soprattutto per il futuro. È importante per l’ambiente: avere questo senso di appartenenza è segno di un club che vuole tornare in alto“.

Sull’ambiente post Spezia e Juventus: “Devo dire che il pessimismo non è mai entrato qui a Milanello. Abbiamo sempre lavorato con fiducia e positività: è molto più gratificante farlo quando qualche partita non va bene. Pensiamo partita per partita. Siamo molto soddisfatti per le ultime due vittorie, ma la testa ora è a domani”.

Sulla formazione da schierare: “La mia idea è quella di schierare sempre la formazione migliore e può essere che non sia quella di mercoledì. Si può cambiare in base alle condizioni dei giocatori e agli avversari che affrontiamo“.

Sui gol di Giroud a San Siro e sulle condizioni di Ibra: “Credo sia più casuale che altro. Mi viene in mente la sua prestazione ad Empoli dove fu determinante. L’importante è che stia bene e che la squadra proponga un calcio offensivo. Zlatan sta lavorando ancora a parte: c’è da aspettare i prossimi giorni”.

Sul possibile primato a fine giornata: “Troppi se. Sono convinto che sia tutto da dimostrare, ma la squadra è sicuramente molto più consapevole e matura rispetto ad un anno fa. Sappiamo che ogni partita ha un peso specifico importante“.

Sul rendimento casa/trasferta: “Per il nostro modo di giocare, mi aspetterei un bilancio più equilibrato tra punti casalinghi e in trasferta. Questo non succede ed è sicuramente un qualcosa da migliorare“.

Sulle dichiarazioni di Marotta sulla sostenibilità: “Credo che il nostro club sia su quella strada, quella giusta in questo momento storico“.

Sugli ultimi gol con molti giocatori in area: “Per quanto riguarda il fatto di riempire l’area è sempre stato un nostro obiettivo. Per farlo dobbiamo costruire bene da dietro. Chiaramente se passi più tempo nella metà campo avversaria è più facile. Abbiamo le caratteristiche giuste”.

Su quanto manca per vincere: “Mancano 15 partite e sono tante: dobbiamo cercare di fare più punti possibili. In questo momento è sottile la differenza tra vincere e non vincere“.

Sulla partita di domani: “Domani abbiamo una partita difficile: affrontiamo una squadra che ha vinto 4-0 col Sassuolo che pochi giorni fa ha messo in difficoltà la Juventus. Dobbiamo giocare con convinzione e fiducia, sapendo che la maggior parte delle volte il risultato dipende da noi e da come giochiamo”.

Sulla squadra: “Tutti possono dare di più e daranno il massimo contributo per far sì che la squadra si esprima ai massimi livelli. Vedo i giocatori motivati in tutto e per tutto perché siamo riusciti a creare un ambiente molto positivo“.

Su Kessie: “Kessié è un giocatore titolare del Milan, così come Tonali, Bennacer, Krunic. Contro Milinkovic ha fatto una partita super, non sono d’accordo con alcuni giudizi“.

Su Ballo-Touré: “Ballo si aggregherà oggi con la squadra. Ha avuto un infortunio in Coppa d’Africa: ieri ha fatto un provino e sembra essere andato tutto bene. Vediamo oggi“.

Su Bennacer: “Isma ha fatto molto bene quando è subentrato contro la Juventus, poi ha avuto dei giorni per recuperare. Ha fatto un grandissimo derby con Tonali“.

Su Kalulu: “Kalulu è un giocatore che non mi sorprende più. Quando l’ho conosciuto non pensavo riuscisse a raggiungere subito questi livelli. Per me è un titolare del Milan sicuramente, ha mezzi fisici e tecnici importanti“.

Su Giampaolo: “Giampaolo ha fatto solo due gare, ma la sua impronta si vede già. È una squadra che ha belle caratteristiche con giocatori fisici e tecnici. Sarà sicuramente motivato per risollevare le sorti della società“.

Su giocare dopo l’Inter: “Non credo che possa fare la differenza giocare dopo l’Inter. La farà se giocheremo meglio della Sampdoria. Dovremo affrontarla con convinzione e idee chiare, cercando di fare il massimo“.

Sugli esami continui per il Milan: “Dobbiamo pensare che il prossimo esame sia il più difficile possibile. Ci interessa poco quello che dicono fuori di qua. Sarà molto difficile e complicato: dobbiamo prepararci benissimo come stiamo facendo“.

Sul pressing alto: “Se fatto nei modi giusti e nella situazioni giuste è sempre buono da usare“.

Sul febbraio di quest’anno è quello dell’anno scorso: “Credo che rispetto all’anno scorso sia un febbraio diverso. Pareggiammo contro l’Udinese: domani dobbiamo fare meglio e cercare la vittoria“.

Milan: Stefano Pioli (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan: Stefano Pioli (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

Altre notizie

Il Toro vede rosso(nero): la statistica di Lautaro nei derby contro il Milan

Segna sempre Lautaro. Il Toro quando vede il Milan vede rosso(nero). Con il gol...

Chi cresce di più in Serie A? Milan primo in questa speciale classifica

Il Milan è fuori dalla zona Champions ma c'è un'altra classifica in Serie A...

Derby, ancora un San Siro delle grandi occasioni: ieri il 3° miglior incasso di sempre in Serie A

Come sempre accade quanto si tratta del derby più importante d'Italia, anche ieri la...

Milan, se Leao non parte titolare… Lo score rossonero con Rafa fuori

Altra panchina, la seconda consecutiva per Rafael Leao. Il portoghese è rimasto inizialmente fuori...

Ultim'ora

Il Toro vede rosso(nero): la statistica di Lautaro nei derby contro il Milan

Segna sempre Lautaro. Il Toro quando vede il Milan vede rosso(nero). Con il gol...

Chi cresce di più in Serie A? Milan primo in questa speciale classifica

Il Milan è fuori dalla zona Champions ma c'è un'altra classifica in Serie A...

Derby, ancora un San Siro delle grandi occasioni: ieri il 3° miglior incasso di sempre in Serie A

Come sempre accade quanto si tratta del derby più importante d'Italia, anche ieri la...