Pioli in conferenza: “Noi siamo forti e queste sfide ci servono per migliorarci. Conta come si gioca, non come si arriva”

Categories

Intervenuto in conferenza stampa, Stefano Pioli ha parlato così alla vigilia dell’attesissimo Derby contro l’Inter di domani alle ore 18. Ecco le sue dichiarazioni:

Sul mercato: “Percorso condiviso investire sui giovani di talento, è stato molto importante confermare il blocco di giocatori, che ha dimostrato di essere competitivo“.

Sulla gara: “Sarà diversa da Sassuolo, abbiamo i nostri schemi, li rispettiamo e giocheremo con voglia operché sappiamo l’importanza“.

Sull’Inter: “Ci sono tante squadre forti e che possono vincere. Domani potrebbero schierare quasi tutti quelli dell’anno scorso mancando Lukaku. Ci conosciamo bene, giochiamo in modi diversi ma entrambe vogliamo vincere“.

Come si arriva ad una sfida del genere: “Non conta nulla, conta solo come si gioca. Abbiamo preparato il match per giocare al meglio“.

Sulla favorita: “Non credo ci sia, sono state tutte partite equilibrate, gli episodi possono fare la differenza, noi dobbiamo avere tenacia e determinazione“.

Come vincere contro l’Inter: “Credo che si abbiano più possibilità di vincere se una squadra ha una sua identità nonostante gli episodi, noi stiamo lavorando per portare avanti il nostro modo di giocare“.

Su Leao: “Per vincere si deve giocare tecnicamente bene. Non abbiamo solo lui, che è forte, ma anche altri che possono essere pericolosi“.

Sul cambio di proprietà: “So che saranno presenti domani e che incontreranno la squadra. Cardinale l’ho conosciuto, una persona con passione ed entusiasmo. Avrà le stesse ambizioni di Elliott di mantenere il Milan solido e al top“.

Sulla rosa lunga: “Siamo un po’ lunghi in alcuni reparti, ma questa stagione sarà particolare. I ragazzi sanno che dovranno lottare per dimostrare di poter giocare“.

Su Dest: “Siamo dispiaciuti per Alessandro, aspettiamo di capire l’entità. Dest ha qualità e ritmo, l’abbiamo preso per giocare terzino a per caratteristiche potrebbe essere utile altrove“.

Su Ibra: “È sempre con noi, logico che averlo in campo sia diverso, ma vogliamo fare bene anche senza di lui“.

Sulla lista Champions: “Abbiamo fino a mezzanotte, valutiamo fino alla fine“.

Sull’attacco: “Mi aspetto più precisione, col Sassuolo abbiamo forzato troppe situazioni, come i lanci lunghi. A volte abbiamo sbagliato i gesti tecnici o i movimenti, domani cercheremo di fare meglio“.

Sui cambi: “Il gruppo è forte e competitivo, prepariamo ogni partita come se fosse la più importante. Non è la prestazione di un singolo che mi fa cambiare idea o ci faccia giocare male, è l’atteggiamento della squadra, tutto dipenderà da noi“.

Su Origi: “Sta meglio, ma partirà dalla panchina perché si è allenato con noi solo oggi“.

Su De Ketelaere: “Charles è forte, quando abbiamo la palla è da cercare, sia sulla figura che negli spazi; quando la palla ce l’hanno gli altri dobbiamo lavorare tutti insieme per essere più compatti e aggressivi possibile, dovremo muoverci bene“.

Sull’assenza di Lukaku: “Rispetto all’anno scorso poco, dato che non ce l’avevano“.

Sull’approccio dell’Inter: “Sono sicuro la prepareranno con grande attenzione, ma anche noi l’abbiamo fatto perché è un derby, una partita sentitissima“.

Sull’assenza di Perisic: “Le squadre non cambiano spessore per la presenza di un giocatore, Perisic permetteva anche di tagliare, ma hanno altri giocatori di qualità con caratteristiche importanti“.

Sulla possibilità di perdere Leao: “Mai pensato, né per suoi atteggiamenti né per dichiarazioni della dirigenza. Noi continuiamo a lavorare per crescere“.

Sulle transizioni: “Loro ripartono con tanti uomini e velocità, dobbiamo essere compatti e bravi, ma se vuoi mettere in difficoltà l’Inter un po’ devi rischiare“.

Su Vranckx: “Abbina quantità e qualità, è un giocatore completo. Ha grande prospettiva e talento“.

Su Pioli is one fire e Giroud: “Non vado in discoteca da 30 anni. Giroud è carico ma lo siamo tutti, se di solito prepariamo benissimo le partite, adesso c’è qualcosa di più. Lui è un giocatore fortissimo, le sue gesta passate possono motivarlo“.

Sull’Inter che segna prima: “Vero, ma non sempre è passata in vantaggio perché ci stava mettendo in difficoltà ma alla prima occasione, sappiamo che possono metterci sempre in difficoltà, ma anche noi siamo forti“.

Sulle novità tattiche: “Ho aspettato con ansia relativa la fine del mercato. Con l’arrivo di determinate caratteristiche sto pensando a qualcosa per essere più versatili possibile“.

Sul perché il Milan giocherà bene: “Perché siamo forti e vogliamo queste sfide per metterci alla prova”.

Sul gioco aereo: “Sono forti, l’ho tenuto in cosiderazione anche nelle scelte, cercheremo di avere una squadra dal punto di vista fisico e di centimetri pù vicino possibile“.

Sull’ultima considerazione pre Derby: “Il derby si parte 0-0, partiamo con 70000 tifosi e quindi grande energia. Non sarà una passeggiata ma abbiamo le qualità per riuscire“.

Milan: Stefano Pioli
Milan: Stefano Pioli

Autore

condividi