HomeIn evidenzaUna stagione in bilico tra Munch e Renoir. Il Diavolo tra disperazione...

Una stagione in bilico tra Munch e Renoir. Il Diavolo tra disperazione e gioia

È brutto tirare le somme di una stagione al di sotto delle aspettative, nessuno si aspettava che l’obiettivo finale della stagione post Scudetto fosse la qualificazione alla prossima Champions League. Bisogna imparare e crescere per non commettere gli errori di questo stagione calcistica.

Provi invidia?

Una parte di Milano festeggia, l’altra medita. I neroazzurri dopo aver vinto la Supercoppa italiana contro il Milan (3 a 0), hanno vinto il secondo trofeo stagione battendo la Fiorentina nella finale di Coppa Italia. Come se non bastasse, la squadra di Simone Inzaghi si giocherà la finale della massima competizione europea contro il Manchester City di Guardiola, avendo eliminato proprio i rossoneri nella semifinale.

Inter-Milan: Junior Messias e Federico Dimarco (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Inter-Milan: Junior Messias e Federico Dimarco (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

Il confronto con la realtà

Bisogna essere onesti, il Diavolo ha comunque ottenuto dei risultati positivi. Nessuno si aspettava, soprattutto dopo i mesi nefasti di gennaio e marzo, che i rossoneri riuscissero a raggiungere la semifinale di Champions League.

L’annata è stata altalenante, ma ha lasciato delle cicatrici che serviranno, indubbiamente, per un futuro radioso. La dirigenza rossonera dovrà affrontare un mercato estivo con la giusta ferocia e con lungimiranza per dare vita a una rosa competitiva su più fronti.

Tra l’urlo di Munch e la gioia di vivere di Renoir

Nei 64 punti conquistati in 36 partite troviamo la disperazione dei supporters rossoneri che ambivano ad altro. Il celeberrimo dipinto di Munch (L’urlo) rappresenta al meglio la retroguardia rossonera, che ha subìto in Serie A la bellezza di 42 gol e si collega amaramente ai mesi tetri di gennaio e di marzo (0 vittorie nel terzo mese dell’anno).

Dopo la tempesta c’è la quiete ed il dipinto di Renoir (La gioia di vivere) rappresenta la felicità di un team che, in 966 giorni, è passato da giocare per i preliminare di Europa League (contro il Rio Ave) ad essere tra le quattro squadre più forti in Europa.

Nella gioia troviamo la tripletta di Giroud contro la Sampdoria, che dimostra il grande cinismo dell’attaccante e la bellezza della vittoria dell’uomo contro lo scorrere delle lancette. Una stagione atipica che porta dolore e felicità: il Milan ha riscoperto l’imprevedibilità del cambiamento.

Milan: Olivier Giroud, Alexis Saelemaekers, Fikayo Tomori (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan: Olivier Giroud, Alexis Saelemaekers, Fikayo Tomori (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

Altre notizie

MP GRAPHIC – Milan, stagioni a confronto tra spettatori e incasso: ecco i numeri stagionali delle ultime due annate a San Siro

Si è chiusa pochi giorni fa un'altra stagione per il Milan, che nonostante le...

Nazionali, diverse convocazioni rossonere per l’U20 e l’U19: stage dal 3 al 6 giugno a Tirrenia

Il Milan ha fornito ancora una volta la Nazionale italiana e le sue categorie...

Milan, il progetto seconda squadra prende forma: oggi l’incontro tra Moncada e Kirovski

Giorno dopo giorno prende forma il Milan U23: il club rossonero sta impegnandosi per...

Francesi in bilico. Theo e Mike, un estate da protagonisti: prima l’Europeo, poi il futuro

Uno ha già salutato, sugli altri due non c'è la certezza che il loro...

Ultim'ora

MP GRAPHIC – Milan, stagioni a confronto tra spettatori e incasso: ecco i numeri stagionali delle ultime due annate a San Siro

Si è chiusa pochi giorni fa un'altra stagione per il Milan, che nonostante le...

Nazionali, diverse convocazioni rossonere per l’U20 e l’U19: stage dal 3 al 6 giugno a Tirrenia

Il Milan ha fornito ancora una volta la Nazionale italiana e le sue categorie...

Milan, il progetto seconda squadra prende forma: oggi l’incontro tra Moncada e Kirovski

Giorno dopo giorno prende forma il Milan U23: il club rossonero sta impegnandosi per...