HomePrimo PianoContro il tabù San Paolo: il Milan cerca una vittoria per tornare...

Contro il tabù San Paolo: il Milan cerca una vittoria per tornare grande

25 ottobre 2010 è la data dell’ultima vittoria del Milan al San Paolo. Da allora Napoli-Milan per i tifosi rossoneri è diventata una trasferta da incubo. Lo score parla di 4 pareggi e 8 sconfitte in 12 partite giocate in casa degli azzurri. Sembra più una striscia contro una medio-piccola più che di una grande classica del calcio italiano. 10 anni dopo il Milan cerca una vittoria per dare un segnale al campionato, sopratutto in ottica Champions League, per altro mai dire mai…

San Paolo indigesto

I numeri a volte non raccontano tutto ma in questo caso sono eloquenti. I rossoneri al San Paolo da 10 anni vivono un vero e proprio incubo. Non solo per il numero delle sconfitte ma anche per la loro portata. Infatti in ben occasioni il Milan ha subito 3 o più gol. Nelle sfide al San Paolo bisogna anche sottolineare come il Milan arrivasse molte volte da sfavorito e con una squadra nettamente inferiore al Napoli. L’unica occasione in cui il Milan si presentò da favorito fu nel 2011 da neo campioni d’Italia partita in cui gli azzurri inflissero un netto 3-1 con tripletta di Cavani. Il tabù sembrava interrompersi nel 2018 quando il Milan di Rino Gattuso andò negli spogliatoi a fine primo tempo sul risultato di 0-2 con gol di Bonaventura Calabria. Ma nella ripresa il Napoli dell’ex Ancelotti riuscì a ribaltare la partita e aggiudicarsi la sfida per 3-2. L’ultimo precedente al San Paolo risale al luglio scorso, quando gli uomini di Pioli riuscirono a interrompere una serie di 3 sconfitte consecutive in casa degli azzurri e portare a casa 1 punto ( risultato finale 2-2) prezioso in ottica EL.

Dare un segnale al campionato

Proprio l’ultimo precedente con il Napoli ha dimostrato come i rossoneri abbiano tutte le carte in regola per giocarsi il match ad armi pari. Non si tratta più di quel Milan che arrivava al San Paolo sperando di non subire un’imbarcata. La sfida di questa settima giornata pone di fronte due possibili contendenti addirittura per lo scudetto. Forse è troppo presto per dirlo ma la classifica dice così, con i rossoneri in testa e il Napoli a 3 punti ad inseguire. Per il Milan vincere significherebbe accertare una volta ancora il suo status da grande squadra, ma sopratutto dare un chiaro segnale al campionato: noi ci siamo. Realisticamente in ottica Champions League che sarebbe fondamentale per dare continuità tecnica e finanziaria al progetto che sta nascendo da 1 anno a questa parte. Ma siccome sognare non costa nulla solitamente vincere al San Paolo vuol dire anche altro, io non lo dico ma se volete ditelo pure voi…

 

Altre notizie

Bianchini (WWF Martesana Sud Milano): “Nuovo stadio Milan? Non in una zona boschiva che vogliamo far riconoscere”

L'area di San Donato Milanese è da proteggere per questioni ambientali. Questo afferma Giorgio...

Mercato Milan, per Broja si aggiunge un’altra pretendente. Ecco di chi si tratta

Fuori dal progetto del neo tecnico Enzo Maresca, Armando Broja è alla ricerca della...

Il Milan Under-16 K.O. in finale: lo Scudetto va all’Atalanta, che vince 3-2

Si è da poco conclusa la finale scudetto del campionato Under-16, che ha visto...

Milan, a che punto sei?

Cinquantasei giorni. Tanto manca allo start della Serie A 2024-25, un campionato che il...

Ultim'ora

Bianchini (WWF Martesana Sud Milano): “Nuovo stadio Milan? Non in una zona boschiva che vogliamo far riconoscere”

L'area di San Donato Milanese è da proteggere per questioni ambientali. Questo afferma Giorgio...

Mercato Milan, per Broja si aggiunge un’altra pretendente. Ecco di chi si tratta

Fuori dal progetto del neo tecnico Enzo Maresca, Armando Broja è alla ricerca della...

Il Milan Under-16 K.O. in finale: lo Scudetto va all’Atalanta, che vince 3-2

Si è da poco conclusa la finale scudetto del campionato Under-16, che ha visto...