HomePrimo PianoMP Preview - Verso Inter-Milan: tutto quello che c'è da sapere

MP Preview – Verso Inter-Milan: tutto quello che c’è da sapere

Inter e Milan sono simboli sin dalla loro nascita di due realtà diverse. La loro diversità le spinse a scindersi, nel 1908, da quello che inizialmente era il Milan di Herbert Kilpin, pioniere britannico del calcio nella città di Milano (1899). Da quel momento più nessuno avrebbe visto come due entità uguali l’Internazionale ed il Milan. Una storia di contrasti, anche ideologici, ma con due caratteristiche rimaste comuni: Milano e San Siro. 

Il nero e l’azzurro, i colori della notte, del cielo; il rosso ed il nero, i colori del fuoco e della paura. I bauscia ed i casciavit, il biscione ed il diavolo, la Pinetina e Milanello, Viale della Liberazione e Via Aldo Rossi, Curva Nord e Curva Sud, Zanetti e Maldini, Conte e Pioli, Suning e Elliott. Gli opposti della stessa città si affrontano un’altra volta, la 226esima in gare ufficiali. 

Il derby di Milano è molto più di una semplice partita, è uno scontro tra due realtà agli antipodi che vogliono primeggiare nella città condivisa e che sono accomunate oggi da un altro obiettivo: tornare a vincere dopo anni decisamente poco soddisfacenti. Questo e molto altro è e sarà sempre Inter-Milan.

Ciò che è certo è che sarà un derby atipico, a suo modo unico. Il Coronavirus, nella sua imprevedibilità, ha influenzato ogni settore, calcio incluso. La presenza di solamente 1000 persone in uno stadio con una capienza che si avvicina alle 80mila persone, è un evento unico nel suo genere. Purtroppo la situazione epidemiologica In Italia impone questo tipo di scelta e ci si deve adattare di conseguenza. Sarà quindi un derby senza precedenti, vediamo come arrivano le due squadre.

Derby della Madonnina – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Lo stato di forma delle due squadre

L’Inter ha iniziato il campionato con 2 vittorie ed un pareggio nelle prime tre gare, quest’ultimo maturato all’Olimpico contro la Lazio. Al termine della sosta per le nazionali i nerazzurri tornano decimati per via di assenze pesanti causate da diversi fattori. In primis il Covid-19, che ha colpito ben 6 giocatori: Bastoni, Skriniar, Nainggolan, Gagliardini, Radu e Young. L’unico che poteva recuperare tra i 6 è il giovane difensore italiano, risultato positivo lo scorso 7 ottobre al tampone, tuttavia non dovrebbe farcela nemmeno lui.

A questi si aggiungono anche Sensi, Vecino e Sanchez. Per quel che riguarda il primo, egli sarà costretto a scontare la squalifica di una giornata imposta dal Giudice Sportivo per via dell’espulsione contro la Lazio. Discorso diverso per l’uruguaiano ed il cileno. Il primo sta ultimando il recupero dopo l’intervento chirurgico al ginocchio destro e la sua convocazione per la partita è ancora in dubbio, così come l’attaccante che è rientrato da poco dagli impegni con la nazionale cilena ed è stato colpito da un affaticamento muscolare. 

I nerazzurri arrivano alla sfida forti della loro imbattibilità in campionato in questo tipo di partita dal 2016 e confidano di poter estendere la loro egemonia ancora per diverso tempo. 

Inter: Antonio Conte - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Inter: Antonio Conte – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Un’egemonia che il Milan è intenzionato ad interrompere, così da regalare ai tifosi una gioia contro i cugini che manca dal derby di Coppa Italia del dicembre 2017. I rossoneri vengono da un inizio di stagione impegnativo per via delle 6 partite che lo hanno visto coinvolto. La squadra di Stefano Pioli è uscita vincitrice da tutti gli impegni, rispettivamente tre nei preliminari di Europa League e tre in Serie A.

Per quel che riguarda il campionato le vittorie sono arrivate contro Bologna, Crotone e Spezia, tenendo la porta inviolata in tutti e tre i casi. Sarà un Milan che dovrà fare a meno di un giocatore determinante in questo 2020, Ante Rebic. Il croato si deve ancora riprendere dalla lussazione al gomito della trasferta di Crotone e non farà parte del gruppo che affronterà l’Inter. Non saranno della partita nemmeno Leo Duarte e Matteo Gabbia, entrambi colpiti dal Covid-19. Sarà un reparto arretrato rimaneggiato vista anche l’assenza del convalescente Musacchio. Andrea Conti, invece, che in settimana è tornato ad allenarsi in gruppo, torna nella lista dei convocati. I rossoneri possono contare soprattutto sul ritorno di Zlatan Ibrahimovic, perfettamente ristabilito dopo la positività al Covid-19 dello scorso 24 settembre. 

Milan: Zlatan Ibrahimovic - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Milan: Zlatan Ibrahimovic – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Statistiche da derby

  • Il Milan non vince un derby in trasferta dalla stagione 2010/2011: in quell’occasione finì 0-1 ed il marcatore fu Zlatan Ibrahimovic su rigore;
  • Negli 86 derby in trasferta in Serie A, il Milan ha collezionato 23 vittorie, 30 pareggi e 33 sconfitte. Gol subiti 127, gol fatti 113;
  • Nei 172 derby di Serie A il Milan ha raccolto in totale 51 vittorie, 55 pareggi e 66 sconfitte;
  • Il recordman di presenze nei derby è Paolo Maldini con 53 presenze: Samir Handanovic raggiungerà la sua 15 presenza in questa gara;
  • Il Milan è imbattuto in Serie A da 15 partite;
  • Il Milan è la miglior difesa del 2020 con solamente 22 reti subite in 24 gare, l’Inter ne ha subiti 28;
  • La prossima vittoria del Milan sarà la 1400esima in Serie A, record già raggiunto da Inter e Juventus;
  • Nel corso del 2020, Milan e Inter hanno raccolto 54 e 47 punti, rispettivamente seconda e terza squadra dopo l’Atalanta con 56 punti;
  • Romagnoli raggiungerà nel derby la 200esima presenza in Serie A;
  • Il gol più veloce in un derby è stato siglato da Sandro Mazzola per l’Inter dopo 13 secondi di gioco il 24 febbraio 1963. Per il Milan il record è di Alexandre Pato che segnò dopo 43 secondi nel derby dell’aprile 2011

Probabili formazioni

Inter (3-4-1-2): Handanovic (c); D’Ambrosio, De Vrij, Kolarov; Hakimi, Vidal, Brozovic, Perisic; Barella; Lukaku, Lautaro Martinez

Milan (4-2-3-1): Donnarumma; Calabria, Kjaer, Romagnoli (c), Theo Hernandez; Kessié, Bennacer; Saelemaekers, Calhanoglu, Brahim Diaz; Ibrahimovic

Analisi tattica

Entrambe le squadre si schiereranno con un uomo tra le linee. Per quel che riguarda il Milan si tratterà di Hakan Calhanoglu, che dovrà essere abile a trovare lo spazio alle spalle dei due mediani nerazzurri. Il turco è l’arma in più del Milan post-lockdown e deve provare ad incidere anche nelle partite contro le big come l’Inter. I nerazzurri, dal canto loro, schiereranno un uomo dietro le punte, ma, come fatto vedere nelle prime uscite, è probabile che i tre di centrocampo ruotino nel fare quel ruolo. Inizialmente dovrebbe posizionarsi Barella, tuttavia nel corso della partita i tre si scambieranno spesso zona di occupazione. Come per l’Inter, anche per i rossoneri sarà importante il lavoro della mediana a due composta da Kessié e Bennacer, oramai una coppia ben collaudata alla prova del 9 nel derby.

Milan: Hakan Calhanoglu - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Milan: Hakan Calhanoglu – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Sarà altrettanto interessante vedere la sfida tra Hakimi e Theo Hernandez sulla fascia sinistra del campo rossonero e soprattutto come le due squadre cercheranno di arginare le loro sortite offensive. Brahim Diaz, probabilmente il prescelto per la fascia sinistra, non è un giocatore conservativo come lo può essere Saelemaekers, per questo bisognerà valutare il suo aiuto in fase difensiva. In tal senso Pioli potrebbe anche decidere di spostare lo spagnolo sulla destra ed il belga sulla sinistra, così da essere più coperto su quel fronte di gioco. 

Il belga può essere un’arma importante anche in fase offensiva, poiché, a differenza di Diaz che preferisce venire incontro a ricevere il pallone, egli è capace di inserirsi nello spazio attaccando la profondità. In tal senso, nelle prime uscite di campionato Kolarov ha sofferto particolarmente questo tipo di soluzione, soprattutto contro la Fiorentina alla prima giornata. L’Inter, a sua volta, ha un’arma che potrebbe sorprendere la difesa rossonera, che è quella di Ivan Perisic schierato come esterno sinistro di centrocampo. L’asse esterno-esterno che si può creare tra lui e Hakimi, soprattutto quando quest’ultimo arriva a crossare, può creare diversi grattacapi alla retroguardia rossonera. 

Infine, pare quasi scontato sottolineare i duelli tra attaccanti e difensori, Lukaku e Lautaro Martinez contro Kjaer e Romagnoli da una parte, Ibrahimovic contro De Vrij dall’altra. Per il Milan c’è da fare attenzione al belga che, nei derby, ha già due gol all’attivo. Le sue progressioni palla al piede, stile Inghilterra-Belgio nell’occasione del rigore, possono far male ad entrambi i centrali di difesa rossoneri, che non fanno della rapidità la loro peculiarità.

Milan: Simon Kjaer – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Gli uomini chiave di Milanpress

Uomini chiave del Milan: Theo Hernandez e Hakan Calhanoglu

Uomini chiave dell’Inter: Romelu Lukaku e Nicolò Barella

Dove seguire Inter-Milan

Partita: Inter-Milan

Data: 17 ottobre 2020

Orario: 18.00

Canale: Sky Sport Serie A

Diretta testuale: account Twitter di Milanpress o milanpress.it

Altre notizie

Calabria a Milan TV: “Tre punti importantissimi in uno stadio e un campo difficili. Questa vittoria dimostra che possiamo fare tanto”

Davide Calabria ha parlato ai microfoni di Milan TV nel post di Lazio-Milan, terminata...

Tema stadio, Sala: “Il sindaco di San Donato dice che il nuovo stadio del Milan sarà pronto per il 2028, per me è impossibile....

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha rilasciato un'intervista al quotidiano Libero. Tema? Stadio....

MP Var Room – Lazio-Milan, gli episodi arbitrali visti dal regolamento

Termina 0-1 la sfida dello stadio Olimpico tra Lazio e Milan valida per la...

Tutto bene quel che finisce bene: Romero ha lasciato l’ospedale e sta bene

Dopo la grande paura, la grande notizia: Luka Romero sta bene e ha già...

Ultim'ora

Calabria a Milan TV: “Tre punti importantissimi in uno stadio e un campo difficili. Questa vittoria dimostra che possiamo fare tanto”

Davide Calabria ha parlato ai microfoni di Milan TV nel post di Lazio-Milan, terminata...

Tema stadio, Sala: “Il sindaco di San Donato dice che il nuovo stadio del Milan sarà pronto per il 2028, per me è impossibile....

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha rilasciato un'intervista al quotidiano Libero. Tema? Stadio....

MP Var Room – Lazio-Milan, gli episodi arbitrali visti dal regolamento

Termina 0-1 la sfida dello stadio Olimpico tra Lazio e Milan valida per la...