HomeEditorialePobega: tutto merito di Berlusconi (o no)? 

Pobega: tutto merito di Berlusconi (o no)? 

Pobega e il Milan di Cardinale, di Elliott, di Yonghong Li (chi?) e di Berlusconi. La storia recente ci ha dimostrato che, su tutte, una legge regna sovrana anche nel mondo del calcio: quando l’azienda sta bene, la squadra sta bene. E vince. A parte il cinese farlocco che ha poi dato sfogo all’approdo del fondo Elliott al timone del club e i primi anni di tumultuosa gestione dello stesso fondo americano, il resto è chiaro e limpido. E da Cardinale a Berlusconi, c’è un file rouge fatto di necessità economiche e di belle scoperte: il giovane italiano, oggi rappresentato da Tommaso Pobega. 

Milan: Tommaso Pobega ai tempi della Primavera - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Milan: Pobega – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Pobega trequartista come Kessie, giovane italiano che costa però molto meno

L’ultima trovata di quel pazzo e geniale allenatore che risponde al nome di Stefano Pioli è stato inserire contro la Juventus (non proprio una gara semplice…) l’ex Torino e scuola calcio Milan nell’inedito ruolo di trequartista, un po’ alla Kessie diciamo, quando Pioli lo avanzò sulla trequarti. Risultato finale: Pobega promosso nel nuovo ruolo, seppur magari con qualche sbavatura e una continuità di rendimento non eccelsa. Ma il ragazzo ha qualità, carisma… «cazzimma» insomma, o «palle»   vedete voi, la sostanza è quella. 

Pobega trequartista, gioisce anche Silvio Berlusconi 

E per chi ha memoria abbastanza lunga, si ricorderà il mantra di Silvio Berlusconi nei suoi ultimi anni di presidenza del Milan: «Voglio una squadra fatta di giovani italiani». Certo, a lui la fortuna non arrise proprio, ma lentamente in questo gruppo sono stati inseriti giovani interessanti: da Donnarumma a Calabria, da Gabbia a Colombo e, ora, Pobega. Che si è fatto la sua gavetta, tra Ternana, Pordenone, Spezia e Torino, per tornare poi al Milan e guadagnarsi anche la nazionale. Lui che aveva già giocato nel Torino con Juric da trequartista e che, contro la Juventus, ha costretto alla panchina un certo De Ketelaere, costato molto di più di lui.

Milan: Olivier Giroud, Sandro Tonali, Alexis Saelemaekers, Ismael Bennacer, Tommaso Pobega (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan: Olivier Giroud, Sandro Tonali, Alexis Saelemaekers, Ismael Bennacer, Tommaso Pobega (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

La sua storia è quella da raccontare ai bambini

La sua è la classica storia da raccontare ai bambini: partito dai campetti del San Luigi, un paesino in provincia di Trieste, è diventato poi un pupillo di Rino Gattuso, che ha plasmato quel biondino promettente facendolo diventare un giocatore vero. E che oggi, a 23 anni, sta vivendo la prima esperienza in una big. Con la felicità di mamma, papà e anche di quel Berlusconi che, indirettamente, un segnale l’aveva lanciato a suo tempo. Chissà cosa ne penserà l’attuale dirigenza.

Altre notizie

Cordoba su Shevchenko: “Un attaccante incrediIbile, ma Ronaldo…”

Intervistato da Affari Italiani, Ivan Ramiro Cordoba, ex centrocampista dell'Inter ha parlato degli attaccanti...

Ajax, Lucca: “Ibrahimovic è il mio idolo, la mia fonte di ispirazione”

Lorenzo Lucca, giovane attaccante di proprietà dell'Ajax in passato spesso accostato anche al Milan,...

Francia agli ottavi, il Milan si congratula con Hernandez e Giroud: “Avete avuto un ruolo importante”

La Francia è la prima squadra a qualificarsi agli ottavi di finale dei Mondiali...

Arriva un record per Theo Hernandez. Ecco di cosa si tratta

Brilla Theo Hernandez nella sua prima gara da titolare con la Francia ai Mondiali....

Ultim'ora

Cordoba su Shevchenko: “Un attaccante incrediIbile, ma Ronaldo…”

Intervistato da Affari Italiani, Ivan Ramiro Cordoba, ex centrocampista dell'Inter ha parlato degli attaccanti...

Ajax, Lucca: “Ibrahimovic è il mio idolo, la mia fonte di ispirazione”

Lorenzo Lucca, giovane attaccante di proprietà dell'Ajax in passato spesso accostato anche al Milan,...

Francia agli ottavi, il Milan si congratula con Hernandez e Giroud: “Avete avuto un ruolo importante”

La Francia è la prima squadra a qualificarsi agli ottavi di finale dei Mondiali...