MP Preview – Verso Napoli-Milan: tutto quello che c’è da sapere

Author

Categories

Share

Dove c’eravamo lasciati? L’ultima gara prima della sosta per le nazionali aveva consegnato al Milan un punto contro l’Hellas Verona. La squadra di Stefano Pioli uscì da San Siro avendo acciuffato il pareggio negli ultimi minuti con il gol di Zlatan Ibrahimovic. Tuttavia, questo è il passato ed ora il Milan inizia un tour de force di 10 partite in 31 giorni che faranno capire la vera natura e le vere ambizioni di questa squadra. 

Il primo impegno mette di fronte ai rossoneri il Napoli dell’ex Gennaro Gattuso. Una sfida carica di sentimentalismo per il passato dell’allenatore calabrese, che ha già affrontato la sua ex squadra lo scorso 12 luglio in campionato. Quella tra le due compagini sarà una partita importante anche in chiave classifica. Infatti, i rossoneri hanno 3 punti di vantaggio sugli azzurri e potrebbero essere raggiunti in caso di sconfitta. L’opportunità di allungare a 6 punti il vantaggio in classifica sulla concorrente, però, è un’occasione troppo ghiotta da farsela sfuggire. Entrambe saranno poi impegnate giovedì in Europa League, ma la testa sarà sicuramente focalizzata sul match del San Paolo. Ora diamo uno sguardo alla forma e alla condizione nella quale arrivano le due squadre alla partita. 

Napoli: Gennaro Gattuso - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Napoli: Gennaro Gattuso – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Lo stato di forma delle due squadre: Napoli

Il Napoli arriva alla partita del San Paolo con umori contrastanti. Da un lato c’è la soddisfazione per questo ottimo inizio di stagione, coronato dai 14 punti in 7 gare in campionato ed il secondo posto nel girone di Europa League, a pari merito con AZ Alkmaar e Real Sociedad. Dall’altro lato, però, c’è rabbia perché la pausa per le nazionali ha privato i partenopei di tre giocatori fondamentali per la squadra: Victor Osimhen, David Ospina ed Elseid Hysaj. I primi due si sono infortunati e non saranno della gara, mentre il terzo è risultato positivo al Coronavirus durante la sosta. Non ci sarà nemmeno Amir Rrahmani, positivo anche lui al tampone. 

Al posto dei primi tre dovrebbero esserci rispettivamente Elmas, Meret e Mario Rui. La prima punta sarà quindi Dries Mertens, che avanza il suo raggio d’azione. Dovrebbe farcela anche Tiemoue Bakayoko, nonostante abbia saltato del lavoro di questa settimana a causa della febbre. I partenopei vengono dalle ultime due gare in casa (contro AZ Alkmaar e Sassuolo) perse e cercheranno di invertire la rotta. La classifica dice 2 sconfitte in 7 partite, anche se va specificato che una è quella a tavolino per 3-0 contro la Juventus. Questi tre gol falsano un po’ anche il dato delle reti subite, poiché sul campo il Napoli è la miglior difesa della Serie A con 4 gol subiti. Al San Paolo, in questo campionato, ha già battuto l’Atalanta di Gasperini con il risultato netto di 4-1. 

Mertens Zapata Biglia Napoli MilanPress
Dries Mertens e Gigio Donnarumma – MilanPress, robe dell’altro diavolo

Lo stato di forma delle due squadre: Milan

Il Milan è primo in classifica in Serie A con 17 punti ed è nel girone H di Europa League alle spalle del Lille con 6 punti (7 i francesi). Le ultime due partite prima della sosta sono indicative sulla necessità dei rossoneri di staccare un po’ la spina per qualche giorno. La penultima è la sconfitta casalinga per 0-3 contro il Lille, la prima da marzo in tutte le competizioni, mentre l’ultima è il pareggio, sempre casalingo, in extremis contro l’Hellas Verona (2-2). 

Durante la pausa solo alcuni degli uomini di Stefano Pioli hanno avuto modo di riposarsi, dato che una buona parte ha ricevuto la convocazione in nazionale. È rimasto a Milanello Ante Rebic, che dovrebbe partire titolare al San Paolo, così da recuperare la migliore condizione dopo la lussazione al gomito che lo ha tenuto fermo per poco più di un mese. Alexis Saelemaekers, rientrato anzitempo dall’impegno con la nazionale belga, ha recuperato dall’infortunio e sarà regolarmente in campo, così come Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese aveva bisogno di rifiatare e lo ha fatto, ora non vede l’ora di tornare a calcare il terreno di gioco ed essere determinante. 3 sono i gol del numero 11 in carriera contro il Napoli, squadra con la quale, come abbiamo raccontato, ha avuto un flirt in passato.

Anche i rossoneri dovranno fare a meno di pedine divenute fondamentali. In primis Stefano Pioli, risultato positivo al Coronavirus. Con lui anche il suo vice Giacomo Murelli: a Napoli siederà sulla panchina rossonera Daniele Bonera. Un’altra assenza pesante sarà quella di Rafael Leao. Il portoghese è tornato dalla sosta per le nazionali con un infortunio: lesione al bicipite femorale. Il numero 17 stava trovando la giusta continuità in maglia rossonera, ma ora sarà costretto ad osservare un periodo lontano dal campo. Al suo posto ci sarà proprio Ante Rebic, che come vedremo non ha un rapporto particolarmente positivo con il Napoli.

Daniele Bonera - Milanpress, Robe dell'altro Diavolo
Daniele Bonera – Milanpress, Robe dell’altro Diavolo

Statistiche e precedenti di Napoli-Milan

  • Napoli e Milan si sfidano per la 145esima volta: 54 successi rossoneri, 42 azzurri, 48 pareggi;
  • Nelle sfide al San Paolo, i precedenti tra le due squadre sono a favore del Napoli: 22 vittorie del Milan, 22 pareggi e 28 vittorie dei partenopei;
  • Il Napoli è imbattuto contro il Milan da 11 partite (6 vittorie e 5 pareggi): l’ultima squadra a restare imbattuta contro i rossoneri per almeno 12 partite e lo stesso Napoli tra il 1974 ed il 1979;
  • L’ultima vittoria del Milan al San Paolo risale al 25 ottobre 2010 (1-2, gol di Robinho ed Ibrahimovic);
  • Il Milan è imbattuto lontano da San Siro da 14 partite (9 vittorie e 5 pareggi): dal 2004 con Carlo Ancelotti (15 gare di imbattibilità) non fanno meglio i rossoneri
  • Napoli e Milan sono le due squadre che hanno la media di tiri tentati a partita più alta in Serie A: 19 per gli azzurri, 17,1 per i rossoneri;
  • Il Milan sotto la guida di Pioli ha subito 17 reti da palla da fermo in 38 gare, le stesse subite in 62 gare con Gattuso;
  • Il Napoli è la squadra contro la quale Ante Rebic ha il minutaggio più alto senza segnare gol in Serie A; 
  • Il Napoli ha perso le ultime due partite in casa, non ne perde tre di fila dal 2012, sotto la guida di Walter Mazzarri;
  • Il Milan è la squadra che ha segnato più reti all’interno dell’area di rigore (16), mentre il Napoli è la squadra che ne ha subite di meno (4);
  • Lorenzo Insigne potrebbe superare Maradona ed agganciare Luis Vinicio e Antonio Vojak per gol segnati al Milan con la maglia del Napoli (6 ad oggi per il numero 24);
  • Zlatan Ibrahimovic ha trovato il gol in tutte le prime cinque presenze in questa Serie A: solo 3 giocatori nell’era dei tre punti a vittoria hanno segnato nelle loro prime sei presenze stagionali (Batistuta nel 1994/95, Vieri nel 2002/03 e Piatek nel 2018/19)

Probabili formazioni

Napoli (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Fabian Ruiz, Bakayoko, Elmas; Lozano, Mertens, Insigne (c)

Milan (4-2-3-1): Donnarumma; Calabria, Kjaer, Romagnoli (c), Theo Hernandez; Kessie, Bennacer; Saelemaekers, Calhanoglu, Rebic; Ibrahimovic

Analisi tattica: Napoli

Alla luce delle probabili formazioni della gara, abbiamo scelto due uomini chiave abbastanza scontati, Lorenzo Insigne e Zlatan Ibrahimovic. In chiave tattica sarà interessante vedere come sapranno comportarsi sul rettangolo di gioco. Da una parte, Insigne si trova di fronte Davide Calabria, che nell’ultima gara di campionato aveva sofferto molto Zaccagni. Quest’ultimo ed il capitano dei partenopei hanno ben poco in comune. Il numero 24 con Gattuso tende ancora di più ad accentrarsi, quasi sostando in una zona centrale, quella del trequartista. Solitamente si inverte durante la gara con Mertens, che però stavolta dovrebbe fungere da centravanti. Sarà interessante vedere se Gattuso proporrà un uomo tra le linee, oppure cercherà una conformazione a 3 nel suo centrocampo. Un’altra zona da tenere d’occhio è quella destra, sinistra per i rossoneri, dove sosteranno Lozano e Theo Hernandez. Il francese in questa prima parte di stagione è stato meno propositivo dello scorso anno e, quando puntato come con Hakimi, ha avuto difficoltà. Il messicano ha iniziato alla grande l’annata e potrebbe sfruttare le incertezze del terzino sinistro rossonero. Attenzione anche alla sfida tra i pali: Meret vs Donnarumma.

Napoli: Lorenzo Insigne - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Napoli: Lorenzo Insigne – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Analisi tattica: Milan

Zlatan Ibrahimovic si troverà di fronte due colossi, Kalidou Koulibaly e Kostas Manolas. Il secondo, probabilmente, lotterà sulle palle alte con lui, mentre il primo starà più arretrato e pronto ad intervenire in seconda battuta. Fisicamente i due non hanno molto da invidiare allo svedese, se non qualche cm di altezza il greco (189 cm vs 195 cm di Ibra). Fondamentale sarà l’aiuto di Hakan Calhanoglu, che dovrà sfruttare le sponde del centravanti e creare occasioni da gol. Sulla destra offensiva rossonera Saelemaekers potrebbe sfruttare il momento critico di Mario Rui, volato con la squadra nella trasferta di Bologna, ma lasciato in tribuna con Ghoulam. I due hanno avuto comportamenti che non sono andati giù a Gattuso ed il belga potrebbe sfruttare il momento per affondare il colpo. Da vedere anche quello che potrà dare Ante Rebic, se sarà capace di rimettere in corsa il treno Theo Hernandez, apparso appannato offensivamente nelle prime uscite stagionali. Una sfida a tutto tondo tra le due squadre, ma attenti a quei due: Insigne ed Ibrahimovic, sono loro i nostri uomini chiave della sfida del San Paolo.

Milan: Zlatan Ibrahimovic - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Milan: Zlatan Ibrahimovic – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Gli uomini chiave di MilanPress

Uomo chiave del Napoli: Lorenzo Insigne

Uomo chiave del Milan: Zlatan Ibrahimovic

Dove seguire Napoli-Milan

Partita: Napoli-Milan

Data: 22 novembre 2020

Orario: 20.45

Canale: Sky Sport Uno, Sky Sport Serie A

Diretta testuale: account Twitter di Milanpress o milanpress.it

Author

Share