HomePrimo PianoUn derby teso, Ibra e il bicchiere mezzo pieno

Un derby teso, Ibra e il bicchiere mezzo pieno

Il bicchiere è mezzo pieno. Non è facile affermarlo dopo una sconfitta là dove fa più male, nella partita più sentita. Dopo due sconfitte, se allarghiamo lo sguardo, consecutive sempre per mano di una squadra nerazzurra. Non è facile soprattutto se, nell’arco di quattro giorni, sotto la colonnina “S” ti tocca segnare lo stesso numero che hai ritrovato a fine 2020 dopo 35 partite di campionato. Ma c’è modo e modo di perdere e il Milan ieri, a differenza di sabato scorso, ha perso bene.

Che se ne dica, tutto passa dal minuto 58. Privo di un uomo, e non di un uomo qualsiasi, il crollo del Milan era cosa prevedibile. Qualsiasi milanista – sfido – dopo il rosso sventolato all’indirizzo di Ibra ha pensato: “Ecco, l’abbiamo persa”. E così è stato. Quello che però rimane, anche agli occhi di uno Stefano Pioli uscito dal campo soddisfatto e fiducioso, è l’immagine di una squadra mai doma, orgogliosa, che nonostante l’inferiorità numerica e l’uscita anticipata del suo parafulmine, non si è disgregata sotto gli attacchi della candidata numero uno al titolo di campione d’Italia, puntellata nel secondo tempo con l’artiglieria pesante.

Ibrahimovic e Lukaku, Inter-Milan - MilanPress, robe dell'altro diavolo
Ibrahimovic e Lukaku, Inter-Milan – MilanPress, robe dell’altro diavolo

Le buone notizie, in ottica campionato, sono fondamentalmente tre. Il Milan, appunto, non ha perso consapevolezza dopo la “scoppola” incassata dall’Atalanta. E questo non ha bisogno di ulteriori argomentazioni, dato che dopo un primo tempo equilibrato i rossoneri sono comunque andati al riposo in vantaggio. Come sarebbe potuta finire undici contro undici rimane un dilemma di cui oggi poco importa. Quello che importa è che la risposta c’è stata. Il secondo sospiro di sollievo riguarda proprio la Coppa Italia. Premesso che vincere il derby è bello sempre – anche nei tornei estivi, quelli che ormai non esiston più – e che l’idea di un’ulteriore sfida con la Juventus rimane affascinante, evitare un doppio scontro infrasettimanale in questo momento è grasso che cola.

Soprattutto se lo sbologni alla tua inseguitrice in campionato, che con l’uscita dalla Champions per i prossimi mesi si è garantita un calendario più morbido. Poca roba in realtà, ma considerando la rosa attualmente decima meglio a loro che a noi. Infine, non sono da sottovalutare le dichiarazioni nel post gara dei protagonisti nerazzurri. A detta di Barella e Conte, l’Inter ha dimostrato una volta per tutte di essere superiore. Senza volersi nascondere dietro l’espulsione, ai calci piazzati e alle tante assenze, la speranza è che i “cugini” siano davvero tutto qui. E che siano effettivamente convinti che il Milan sia solo quello di ieri sera. Una botta di superbia che ci si augura possa rivelarsi un vero e proprio boomerang.

Altre notizie

Ex Milan, Giovanni Galli: “Morata un grandissimo attaccante, non è una seconda scelta. Fonseca? Giusta una seconda chance per lui”

Giovanni Galli ha parlato in esclusiva ai microfoni di SuperNews del nuovo acquisto del...

Di Marzio: ecco la richiesta del Borussia Dortmund per Fullkrug. E per Samardzic…

Niclas Fullkrug ha dato piena disponibilità al Milan per il suo trasferimento. Secondo l’esperto...

Spagna, Alcaraz svela un retroscena dopo la vittoria a Wimbledon: “Ho videochiamato Morata, volevo dargli forza”

La Spagna, domenica scorsa, ha vinto tutto. Non solo la Nazionale maschile di calcio...

Interesse reale del Milan per Samardzic e in difesa spunta Hermoso. Le ultime sul mercato rossonero

Interesse reale e concreto. Il Milan osserva Lazar Samardzic, vecchio pallino anche ai tempi...

Ultim'ora

Ex Milan, Giovanni Galli: “Morata un grandissimo attaccante, non è una seconda scelta. Fonseca? Giusta una seconda chance per lui”

Giovanni Galli ha parlato in esclusiva ai microfoni di SuperNews del nuovo acquisto del...

Di Marzio: ecco la richiesta del Borussia Dortmund per Fullkrug. E per Samardzic…

Niclas Fullkrug ha dato piena disponibilità al Milan per il suo trasferimento. Secondo l’esperto...

Spagna, Alcaraz svela un retroscena dopo la vittoria a Wimbledon: “Ho videochiamato Morata, volevo dargli forza”

La Spagna, domenica scorsa, ha vinto tutto. Non solo la Nazionale maschile di calcio...