Milan-De Ketelaere: trattativa o telenovela dell’estate?

Charles De Ketelaere (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Club Brugge: Charles De Ketelaere (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

Un mese fa a quest’ora eravamo immersi nei dubbi sul futuro societario del Milan. Gli addii di Maldini e Massara sembravano farsi strada tra il silenzio assordante della proprietà e le chiacchiere da bar di chi prova a sparare nel mucchio per poi dire “avevo ragione”.

Oggi dopo un mese Maldini e Massara sono saldi al proprio posto dopo un rinnovo cercato, voluto e soprattutto sperato – dai tifosi e non solo – ma di mosse di mercato neanche l’ombra. Anzi forse peggio. Botman e Renato Sanches, che a gennaio sembravano già pronti a fare le valigie con destinazione Milano, sono sfumati. Le trattative, appunto, per i sostituti di Romagnoli e Kessie sono ancora lontane ed il solo Origi a parametro zero – mai visto ancora all’opera per un problema fisico – non può bastare.

Non può bastare se sei campione d’Italia. Non può bastare se le altre si stanno rinforzando per colmare il gap. Non può bastare se stai concentrando tutte le tue forze su una trattativa che è diventata una vera e propria telenovela. E l’aggravante è che la beffa – per usare un termine molto caro alla stampa – è dietro l’angolo. Dopo settimane estenuanti di trattative, discorsi, colloqui, incontri e chi più ne ha più ne metta, l’accordo definitivo per Charles De Ketelaere non è ancora stato trovato.

Il Club Brugge ovviamente fa il suo gioco, non discostandosi da quei 35 milioni di parte fissa che chiede dall’inizio. Il Milan a 35 potrebbe anche arrivarci ma proprio al limite e con l’inserimento di bonus su bonus. Allo stato attuale delle cose ballano un paio di milioni ma la realtà potrebbe essere anche diversa. La valutazione che il Milan fa del giocatore non corrisponde (economicamente) a quella che fa il Bruges e la schiena dritta di Maldini e Massara in tema rinnovi fa pensare che da un momento all’altro potrebbe saltare tutto per davvero.

Sarebbe un disastro. L’obiettivo primario dichiarato da tempo che salta per un paio di milioni. Dopo che il giocatore ha dato la propria disponibilità ed ha avuto anche qualche frizione con la sua squadra (non convocato alla prima giornata del campionato belga). Dopo un blitz in Belgio della scorsa settimana che lasciava presagire una prova di forza non indifferente. Mediaticamente e non, non sarebbe una mossa azzeccata, non sarebbe una mossa da campioni d’Italia. Nel bene e nel male quello che filtra è che i prossimi giorni – o addirittura le prossime ore – saranno decisivi. In un modo o nell’altro. Per quella che è diventata, da semplice trattativa, la telenovela dell’estate.

Milan: Paolo Maldini, Frederic Massara e Stefano Pioli (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan: Paolo Maldini, Frederic Massara e Stefano Pioli (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)