CorSera, nuovo stadio a Sesto: il Milan fa sul serio. Spunta un progetto firmato Foster

Milan: il progetto di Norman Foster per il nuovo stadio a Sesto San Giovanni (Photo Credit: Corriere della Sera)
Milan: il progetto di Norman Foster per il nuovo stadio a Sesto San Giovanni (Photo Credit: Corriere della Sera)

Secondo quanto riportato dall’edizione odierna del Corriere della Sera, sarebbero aumentate le probabilità di vedere il nuovo stadio del Milan a Sesto San Giovanni. Nella fattispecie, il quotidiano milanese ha mostrato anche le prime immagini del progetto, che porta la firma del noto architetto Norman Foster. Quest’ultimo conosce bene l’area in cui potrebbe nascere la nuova casa del Diavolo in quanto ha disegnato il masterplan. La zona individuata è quella delle ex acciaierie Falck, mentre l’impianto, scrive il CorSera, sarebbe unicamente di proprietà del club di Via Aldo Rossi.

Lo stadio potrebbe essere posizionato vicino all’edificio storico che, fino agli anni ’70, ospitava l’altoforno Tagliaferri, che produceva ghisa. Sempre stando al giornale milanese, l’edificio non dovrebbe subire rilevanti modifiche e dovrebbe servire per agire da porta d’ingresso dello stadio, che ha una forma ovale. Il progetto di Populous, che prevedeva uno stadio a forma di cattedrale, dovrebbe quindi essere abbandonato. Sir Norman Foster, sempre secondo il CorSera, intende realizzare un impianto da 60-70mila posti, sostenibile e rivolto alle famiglie con servizi attivi sette giorni su sette.

Queste, a tal proposito, le dichiarazioni del sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano: “All’inizio il presidente Scaroni aveva portato avanti l’idea di realizzare il progetto di Populous, ma, considerato che Norman Foster ha progettato tutte le aree Falck e conosce alla perfezione l’archeologia industriale del sito, si è ritenuto che dialogare e far progettare l’area dello stadio a chi ha già disegnato un milione e 250mila metri quadrati, avesse un senso. Una mano diversa si sarebbe vista”.

E ancora: “Quello che abbiamo chiesto è mantenere i 24 ettari di parco disegnati da Norman Foster. Sembrerebbe che il Piano B stia diventando il Piano A e noi ci speriamo con tutte le forze. Il confronto con i club ha portato le squadre a conoscere la realtà del nostro territorio, che è collegato benissimo con il resto dell’area metropolitana, metrò, ferrovia, tangenziali, siamo vicini a Linate. Le squadre, o anche una sola, hanno bisogno di un nuovo stadio in tempi veloci per rimanere competitive a livello internazionale. Non hanno bisogno di perdere tempo su qualcosa di fumoso che non si sta concretizzando e rischia di crollare come un castello di sabbia”.

Milan: il progetto di Norman Foster per il nuovo stadio a Sesto San Giovanni (Photo Credit: Corriere della Sera)
Milan: il progetto di Norman Foster per il nuovo stadio a Sesto San Giovanni (Photo Credit: Corriere della Sera)