HomeIn evidenzaCardinale: "Acquistare il Milan la cosa più dura che abbia mai affrontato,...

Cardinale: “Acquistare il Milan la cosa più dura che abbia mai affrontato, ma anche la migliore. Su Billy Beane, Elliott e stadio…”

Il patron di RedBird e proprietario del Milan, Gerry Cardinale, è stato protagonista di una lunga intervista a “The Deal”, un podcast di Bloomberg. Queste le sue dichiarazioni più importanti:Acquistare il Milan è stata la cosa più dura che abbia mai affrontato, ma anche la migliore. Ma l’ironia è che è stato tutto imposto da me stesso. Avevo un bisogno imprenditoriale che dovevo soddisfare, ed era proprio il tipo di cose che facciamo sempre più spesso in RedBird. Il modo in cui la finanza istituzionalizzata a Wall Street si è evoluta, non viene compensata per quella quantità di attività, di rimboccarsi le maniche, di lavorare sodo e tutto il resto. E dico compensato non solo in termini di denaro, ma anche in termini di sforzo complessivo“.

Ancora Cardinale: “Mi piace fare la parte dell’imprenditore ombra e mi piace risolvere i problemi con il capitale. E si dà il caso che nella carriera delle persone ci sia un po’ di fortuna. Mi è capitato di trovare un punto di svolta nello sport che non avrei mai potuto prevedere nel 2000/2001. Se guardiamo indietro agli ultimi 20 anni, ci rendiamo conto che è stata davvero una grande fortuna. Ho davvero trovato un vuoto d’aria in cui sono decollato. Ora la sfida è navigare in questa situazione, perché ora tutti hanno scoperto lo sport. E’ stato Billy Beane a incoraggiarmi a iniziare a considerare il calcio europeo. Mi sono detto: perché dovrei considerare il calcio europeo? Un ecosistema in cui ci sono governi sovrani e oligarchi russi non può essere un ecosistema da prendere in considerazione. Mi ha detto: “Non hai capito il punto”. Sosteneva che il mercato dei trasferimenti nelle retrocessioni, ovvero il pilastro fondamentale dell’economia del calcio europeo, fosse fatto su misura per Moneyball. Si costruisce, si compra a basso prezzo e si vende ad alto prezzo. Così abbiamo fatto una ricerca sul calcio europeo, abbiamo incontrato 150/200 squadre in tutti i paesi del continente e in Inghilterra”.

Cardinale prosegue: “All’inizio non c’erano molte persone e capitali del nostro tipo che inseguivano il calcio europeo. Tutti erano ancora concentrati sulle squadre dell’NBA e su altre cose negli Stati Uniti, ma c’erano restrizioni sulla proprietà negli Stati Uniti. Così, dopo aver fatto tutto questo lavoro, abbiamo deciso di fare la nostra prima acquisizione di controllo, che è stata quella del Tolosa in Ligue 1. E il bello di quell’esperienza che si è trattato di un investimento di addestramento. Per quanto ne sapessimo di sport, sapevamo di non sapere nulla del calcio europeo. E ovviamente si trattava di investire all’estero, cosa che ho imparato quando lavoravo alla Goldman. La quotazione del Tolosa si aggirava intorno ai 60 milioni di euro. È stato retrocesso in seconda serie. L’abbiamo acquistato per 15 milioni di euro nel giro di tre mesi. Nel giro di tre mesi, con Billy, Luke Bornn e il nostro team, il nostro team di analisi dei dati, abbiamo venduto il nostro primo giocatore per circa 15 milioni di euro. E poi, dopo il primo anno, abbiamo ottenuto la promozione in Ligue 1. E ora il Tolosa naviga stabilmente a metà classifica e ha un monte stipendi molto ragionevole. Ciò farebbe pensare che dovremmo spendere molto di più per essere a metà classifica come siamo. Il calcio europeo si basa sul fatto di spendere quel dollaro incrementale di capitale meglio del prossimo. Poi abbiamo investito in Fenway Sports Group durante il COVID, perché credevo in questo tipo di proprietà intellettuale e abbiamo puntato sullo sport come detentore di diritti. Con il FSG ho avuto modo di conoscere i grandi con il Liverpool. Quindi quello è stato il passo successivo nel tutorial, ed è stato uno dei primi accordi che ho fatto nello sport”.

Cardinale parla di come è arrivato ad acquistare il Milan: “Billy, a suo merito, ha frequentato il Milan per diversi anni, e in un certo senso lo abbiamo osservato. Ma ancora una volta, pensi di sapere molto di sport, ma poi ti rendi conto che in realtà non è così, per via di tutti i feedback che ricevi. Ogni volta che sollevavo il tema di AC Milan internamente o qui negli Stati Uniti, tutti dicevano: “Sei pazzo”. “Non pensare mai di investire in Italia”. Ma la risposta alla sua domanda è che, alla fine, ci siamo trovati a fare il giro del cerchio. Elliott era il proprietario del Milan. Il Milan era indebitato, in origine c’era un proprietario cinese, che ha fatto un buco nell’acqua ed Elliott è entrato, ha escusso il pegno ed è diventato proprietario. Quindi, all’inizio non è una persona che assoceresti al possesso di un club nel mondo dello sport. Credo che Paul ve lo direbbe”.

Ancora Cardinale: “Devo dire che la cosa che mi ha fatto cambiare idea è stato l’incontro con Paul e Gordon Singer, suo figlio, che ha guidato gli investimenti e il team di Elliott. E non posso dire che bene di loro. Sono molto informato su come abbiano fatto un lavoro fenomenale nei quattro anni in cui hanno posseduto il Milan, dal 2018 a quando lo abbiamo acquistato nel 2022, per risanarlo. Possediamo il 100% del capitale con un vendor loan. E abbiamo comprato il Milan in modo molto interessante. Penso che abbiamo pagato un prezzo equo, specie in rapporto ad altri prezzi che vedete”.

Cardinale continua: “L’abbiamo acquistato a un multiplo di quattro volte il fatturato e quando l’abbiamo comprato era appena sotto del flusso di cassa positivo o in pareggio. Ora il flusso di cassa è significativamente positivo. Ovviamente, le prestazioni aiutano. Siamo arrivati alle semifinali di Champions League. Quando sono subentrato, è stata una sfida perché avevano appena vinto lo scudetto. Quindi, in realtà, ho adottato un approccio diverso da quello che faccio di solito: per il primo anno non ho fatto nulla. Davvero, mi sono limitato a guardare. Ma ti dirò che la cosa migliore che puoi fare è non entrare in campo con le armi spianate”.

Cardinale parla del nuovo stadio che vuole costruire per il Milan: “Lo stadio sarà il primo costruito in Italia dal 2011. Sarà uno stadio sullo stile americano, con 70.000 posti a sedere. Porteremo la musica a Milano e costruiremo qualcosa. Un grande evento dal vivo, un campus di intrattenimento per Milano, davvero legato alla squadra, ma qualcosa di simile al Milan. È interessante, perché dovremo trovare un modo per cristallizzare il valore. Ma è qualcosa che probabilmente dovreste possedere per sempre, che è il massimo dell’iconicità e delle opportunità, come piattaforma. E costruiremo questo nuovo stadio. Quando avremo finito di costruire lo stadio, vi prometto che noi avremo una società che costruirà stadi“.

Cardinale conclude parlando dei diritti tv:Il Milan è davvero uno dei club più importanti. Credo che sia uno dei primi quattro marchi a livello globale nel calcio. E ora, con l’abbattimento delle barriere grazie allo streaming e la possibilità di trasmettere queste partite negli Stati Uniti in diretta, i ragazzi più giovani oggi conoscono tutti, non solo la Premier League: non posso che dirvi che ho ricevuto più commenti da persone, persone che conosco, persone che non conoscevo, quando abbiamo comprato il Milan da New York e dagli Stati Uniti che dall’Europa. Anche i diritti tv saranno un’evoluzione. Non c’è molta concorrenza per i diritti tv in Europa”.

Milan: Gerry Cardinale (Credit AC Milan/Getty Images)

Altre notizie

Benjamin Sesko ha fretta: la decisione sul suo futuro arriverà prima di EURO 2024

Benjamin Sesko è l'attaccante più discusso del momento. Non solo per quanto riguarda il...

CorSport: Milan, occhi puntati sulla Ligue 1 e non solo per il difensore. Buongiorno in salita…

Anche il mercato del Milan di quest'estate sarà certamente movimentato, magari non come lo...

Verso Milan-Salernitana: la designazione arbitrale del match di San Siro dell’ultima giornata di Serie A

Tra tre giorni il Milan di Stefano Pioli tornerà a San Siro con l'obiettivo...

Un tricolore sperduto nella memoria: Milan, cosa resta di quello scudetto due anni dopo? Il giocattolo si è inceppato

Due anni fa, oggi. Leggerete ovunque questa frase sui social, perché il 22 maggio...

Ultim'ora

Benjamin Sesko ha fretta: la decisione sul suo futuro arriverà prima di EURO 2024

Benjamin Sesko è l'attaccante più discusso del momento. Non solo per quanto riguarda il...

CorSport: Milan, occhi puntati sulla Ligue 1 e non solo per il difensore. Buongiorno in salita…

Anche il mercato del Milan di quest'estate sarà certamente movimentato, magari non come lo...

Verso Milan-Salernitana: la designazione arbitrale del match di San Siro dell’ultima giornata di Serie A

Tra tre giorni il Milan di Stefano Pioli tornerà a San Siro con l'obiettivo...