HomeNewsCapello: "Ibra vivrà grandi responsabilità ora, dovrà far sentire la sua voce...

Capello: “Ibra vivrà grandi responsabilità ora, dovrà far sentire la sua voce in tutte le aree. Ho un solo dubbio però…”

Fabio Capello, ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport. L’argomento di discussione è stato il nuovo ruolo di Zlatan Ibrahimovic all’interno del Milan, chiarito meglio da Cardinale nell’intervista al Financial Times. Ecco le dichiarazioni dell’ex allenatore di Milan e Juventus.

Sul nuovo ruolo:

Vivrà grandi responsabilità. Se prima si limitava a far sentire la sua voce in un contesto tecnico, in futuro lo dovrà fare in tutte le aree. Si occuperà di tutto, sarà un riferimento a 360 gradi. E ribadisco avrà molta, molta più responsabilità. Chi ha il potere per farlo è chiamato a prendere decisioni molto difficili. Cardinale ha detto di non essere contento di come stanno andando le cose. Ora toccherà a Ibra suggerire soluzioni, sarà direttamente lui a valutare il valore degli uomini con cui lavorerà. E se non sarà soddisfatto dovrà sceglierne degli altri. E non sarà semplice“.

Su come si muoverà:

Zlatan è un ragazzo orgoglioso e intelligente, partiamo da questo presupposto. Non credo si butti a peso morto in materie che non conosce come conosce il mondo del campo. Negli altri settori dovrà inevitabilmente fare esperienza. E considerata l’investitura diretta dovrà farlo in fretta. Le parole di Cardinale sono state molto nette e decise: Ibra è il suo braccio destro a Milano, è lui che avrà potere su tutte le decisioni più importanti“.

Sulla consapevolezza:

Gli è stato affidato un ruolo importante e gravoso, credo che sotto questo aspetto sarà orgoglioso dell’incarico. Ma proprio perché lo conosco so che si metterà testa bassa e a pedalare per imparare alla svelta a muoversi in tutti gli altri campi. Cardinale ha detto di non essere soddisfatto e ha fatto capire chiaramente che intende esserlo al più presto… Di conseguenza Zlatan deve calarsi in fretta nella nuova realtà“.

Se il nuovo ruolo di Ibra affossa Pioli:

Non so se ne sarà felice ma Stefano sa meglio di tutti che al di là delle parole o dei ruoli, questo mestiere è fatto di risultati. Vanno ascoltate le parole di chi comanda, ovvio, ma alla fine più di tutto valgono le vittorie sul campo. A fine stagione si guarderà soltanto alla classifica e ai risultati nelle coppe, il resto sono filosofie. Da questo punto di vista Zlatan è ormai da qualche tempo al seguito della squadra. E comunque con Maldini e Massara succedeva lo stesso, facevano parte della squadra e Pioli poteva usufruire della loro esperienza. Ibra non parlerà al posto dell’allenatore, non si permetterebbe mai di farlo. Ripeto, è un ragazzo intelligente che sa come comportarsi. Saprà gestire il potere che gli è stato dato. Il contrario vorrebbe dire delegittimare completamente l’allenatore. Qualora succedesse i giocatori avvertirebbero subito la mancanza della leadership che spetta a Pioli. Ma so che non succederà“.

Se i giocatori si sentiranno meno importanti con questo nuovo ruolo di Ibra:

Giocatori messi in secondo piano? No, non la leggo così. Ibra è il primo a sapere che in campo vanno loro, non quelli che da fuori parlano, stimolano, aiutano. Anzi, nessuno lo sa me glio di lui. E allora immagino che il suo rapporto con la squadra non cambierà molto dopo le parole di Cardinale. Semmai cambierà la percezione di chi, da ora in avanti, dovrà relazionarsi con lui come riferimento nelle altre aree del club. Penso a tutte le figure che oggi sono presenti in società. Se prima Ibrahimovic era soltanto un uomo di campo, oggi gli è stata posta la corona in testa“.

Su tutto questo potere nelle sue mani:

Intanto si è finalmente capito cosa farà, all’inizio i confini del suo ruolo non erano assolu- tamente chiari. Oggi sì: o meglio i confini non ci sono… farà tutto. Stavolta è chiaro come il sole, non possiamo più dire lì c’entra o non c’entra, se toccherà a lui entrare nello spogliatoio o gestire i rapporti. La risposta è sì, toccherà a lui“.

Se andrà tutto bene:

Ho un solo dubbio. La cosa che mi piacerebbe sapere è se riuscirà anche a essere diplomatico. E non mi riferisco solo alle dichiarazioni pubbliche. Penso ai rapporti che dovrà mantenere in privato. In tutte le situazioni…“.

Fabio Capello - MilanPress, robe dell'altro diavolo
Fabio Capello – MilanPress, robe dell’altro diavolo

Altre notizie

Inter, Dumfries: “Rosso? Forse sarebbe bastato un giallo, ma l’arbitro ha scelto così. Non è stata una bella scena”

Denzel Dumfries, espulso ieri sera nei minuti finali contro il Milan insieme a Theo...

RMC Sport: Giroud ha trovato l’accordo con il Los Angeles FC per un anno e mezzo con opzione. Gli aggiornamenti

È quasi cosa certa l'addio di Olivier Giroud al Milan. Nell'aria il suo passaggio...

Serie A, ufficiale giorno ed orario di Milan-Genoa alla 35^ giornata. Ecco quando si giocherà

La Lega Serie A ha comunicato data e orari per la trentacinquesima giornata di...

Milan, ancora inizio da incubo nel derby: Inter in vantaggio nel primo tempo per l’ottava volta consecutiva

Il Milan ieri sera ha perso il sesto derby consecutivo, aumentando la striscia negativa...

Ultim'ora

Inter, Dumfries: “Rosso? Forse sarebbe bastato un giallo, ma l’arbitro ha scelto così. Non è stata una bella scena”

Denzel Dumfries, espulso ieri sera nei minuti finali contro il Milan insieme a Theo...

RMC Sport: Giroud ha trovato l’accordo con il Los Angeles FC per un anno e mezzo con opzione. Gli aggiornamenti

È quasi cosa certa l'addio di Olivier Giroud al Milan. Nell'aria il suo passaggio...

Serie A, ufficiale giorno ed orario di Milan-Genoa alla 35^ giornata. Ecco quando si giocherà

La Lega Serie A ha comunicato data e orari per la trentacinquesima giornata di...