Atletico Madrid-Milan, crocevia della stagione: Pioli sceglie l’efficacia. Bennacer ancora in panchina?

Author

Categories

Share

Atletico Madrid-Milan, crocevia del cammino in Europa per entrambe le squadre. Un match che deciderà le sorti all’interno della competizione più importante del palcoscenico continentale, con i Colchoneros che sono i favoriti per quanto riguarda la qualificazione. Il Milan, dal canto suo, si presenta nella capitale spagnola con grandi motivazioni: per vincere, ma anche per darsi delle risposte sul percorso di crescita iniziato due stagioni fa. La squadra ha bisogno di maturità e personalità. Non dovrà soffrire la pressione di giocare in uno stadio caldo, cercando di imporre il proprio gioco, come fatto nel primo tempo dell’andata.

E proprio sugli stimoli, sulla determinazione, il mister proverà a mettere in campo una formazione valida ed efficace. Partendo dal pacchetto difensivo, quello che ha sofferto di più nella trasferta di Firenze, Pioli conferma Kalulu sulla destra, mentre sarà Romagnoli a far coppia con Kjær. Con un Theo Hernandez che giocherà da ex la sfida, cercando di non commettere ingenuità difensive. A centrocampo, invece, giocano gli stessi: Tonali e Kessie. Ci si chiede, però, come si possa lasciare in panchina Ismael Bennacer. Nella gara d’andata, l’algerino fu il migliore campo, ed oltre a quell’incontro, quando chiamato in causa non ha mai deluso. Dalla rete decisiva a Bologna, fino ai numerosi palloni recuperati nel finale del derby. Quasi mai, però, con una maglia da titolare, nonostante lo meritasse. Magari, vedendo il netto calo di Kessie, nelle ultime settimane, sarebbe opportuno regalargli un’occasione negli undici di partenza, anche se, c’è da dire, per Pioli sono tutti indispensabili, a prescindere dal minutaggio.

Milan-Atletico Madrid: Ismael Bennacer e Yannick Ferreira Carrasco (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan-Atletico Madrid: Ismael Bennacer e Yannick Ferreira Carrasco (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

La trequarti invece, si riempie di dubbi: Krunic o Leao dal primo minuto? Il portoghese, reduce da una prestazione di grande livello in campionato, pare stremato dalle troppe partite. In questa stagione, il ‘99 è secondo solo a Tomori per minuti giocati. Il bosniaco, invece, darebbe quantità alla manovra, ma non garantirebbe l’imprevedibilità. Visto il calendario fitto di impegni, probabilmente sarà Krunic a scendere in campo dall’inizio, con Leao pronto a spaccare in due la difesa avversaria a gara in corso. Brahim Diaz, invece, sarà l’uomo chiave: se riuscirà a mettere in campo le sue qualità, allora il Milan potrà realmente pensare di vincere. In quella zona è lui che può spostare gli equilibri, di una squadra non aspetta altro che un suo ritorno ad alti livelli. Era partito fortissimo, poi il Covid ne ha rallentato la costanza, e questa sera dovrà dare delle risposte.
Poche incertezze nel ruolo di punta centrale. Il campione d’Europa in carica, Olivier Giroud a guidare l’attacco del diavolo, con Saelemaekers che agirà alla sua destra, e chissà che proprio il belga non possa trovare lo spunto decisivo, cosa che gli manca da un bel po’.

La gara è fondamentale, conterà tutto, e bisognerà giocare sfruttando ogni minimo dettaglio, che in questa competizione fa la differenza. Il Milan è tornato tra i top club europei, ed ora deve dimostrare di poterci stare, con voglia e sfrontatezza.

Milan: Zlatan Ibrahimovic, Alexis Saelemaekers, Brahim Diaz, Rafael Leao, Alessandro Florenzi (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan: Zlatan Ibrahimovic, Alexis Saelemaekers, Brahim Diaz, Rafael Leao, Alessandro Florenzi (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

Author

Share