Albertini: “De Ketelaere potenziale campione: polivalente come Boban, può diventare come De Bruyne o Kroos”

Albertini
Demetrio Albertini - MilanPress, robe dell'altro diavolo

Protagonista di una lunga intervista sulle colonne dell’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, l’ex centrocampista del Milan, Demetrio Albertini, ha parlato del mercato dei rossoneri: “In queste settimane ho sentito parlare di Milan in ritardo, di affari che non vanno mai in porto… Dobbiamo capire una cosa: il mercato del Milan è un lavoro che parte da molto lontano. Maldini e Massara non ragionano su valutazioni estemporanee: c’è un disegno preciso e ci sono obiettivi precisi, per raggiungerli serve del tempo. E De Ketelaere rispetta i canoni del Milan attuale. Con questa filosofia hanno vinto uno scudetto con merito e possono ripetersi. La spesa è importante, se decidono di investire 35 milioni significa che hanno valutato con attenzione“.

Albertini prosegue: “Nel 4-2-3-1 di Pioli può ricoprire più ruoli, ma è prima di tutto un trequartista. Un potenziale campione, perché è un giocatore moderno, di caratura internazionale, e perché a 21 anni ha già più esperienza in Champions di tanti giocatori del Milan attuale. E poi c’è il solito fattore che inciderà, vedrete. Quale? Stefano Pioli. Tonali, Leao, Theo, lo stesso Kessie… Quanti ne ha migliorati? I grandi allenatori sono quelli con cui anche i campioni crescono, ma Pioli ha fatto ancora meglio: il suo Milan è diventato campione migliorando. Il Milan ha scelto De Ketelaere, ma anche lui ha scelto i rossoneri: sa che il progetto tecnico è perfetto per lui. Non è solo talentuoso, sa mettersi a disposizione delle esigenze della squadra e giocare in molte zone del campo“.

Ancora Albertini: “Penso che abbia potenzialità per entrare nella schiera di quei grandi alla De Bruyne o alla Kroos: diversi tra loro per caratteristiche, ma tutti capaci di dare il massimo in un gioco di scambi posizionali. È il calcio di oggi, ai miei tempi Boban era uno dei pochi a interpretarlo in questo modo: era incredibilmente moderno e aveva qualità straordinarie, questo lo ha portato a giocare da centrocampista, da esterno, da trequartista, sempre ad altissimi livelli. Ecco, De Ketelaere è totalmente diverso da Boban, ma è polivalente come lo era lui: il percorso tattico fatto da Zvone nel Milan può essere un modello, in questo senso De Ketelaere può ripercorrerne le orme. Quello con Kakà è un paragone affascinante. Però non vedo molto in comune, a parte la faccia pulita (ride, ndr)”.

Albertini conclude: “Ziyech? Dico solo una cosa. Il Milan ha capito dove vuole andare, in Italia e in Europa. E per vincere ancora occorrono giocatori di esperienza: io ci proverei, eccome. Sanches è giovane ma già affermato, fortissimo. Ma se Paolo e Massara ritengono che Chukwuemeka possa inserirsi presto e fare bene, mi fido. L’affare di questo mercato? A oggi, il ritorno di Lukaku all’Inter. Per restare stabilmente al top non puoi fare a meno di un centravanti da 20 gol a stagione. Poi magari al Milan li farà Giroud, eh…“.

Albertini
Demetrio Albertini – MilanPress, robe dell’altro diavolo