Tre uomini, pochi minuti. Quale sarà il futuro di Duarte, Musacchio e Conti?

Author

Categories

Share

È stato il tormentone delle ultimissimi giorni di mercato, con intrighi, offerte presentate ma rifiutate, rialzate e comunque non accettate, di charter prenotati per visite mediche last minute, e comunque non utilizzati. È stata un’autentica saga di tentativi disperati e non andati a buon fine.

Ebbene il difensore centrale cercato dagli scout rossoneri non è arrivato e ora che si è fermato Kjær questa piccola grande mancanza si farà sentire. Restano Romagnoli Gabbia con un minimo di rodaggio, con il capitano del Milan che non ha vissuto un grande avvio di stagione, a causa di guai muscolari.

Oltre a loro ci sarebbe Duarte che però ha avuto pochi minuti finora, dopo un anno da dimenticare peraltro e una prospettiva lontana da Milanello nel medio periodo. Ormai desaparecido invece Musacchio, fermo da giugno per l’infortunio alla caviglia, da settimane sta lavorando in parte col gruppo ma ancora non sembra pronto al rientro. Con un contratto in scadenza nel 2021 l’argentino potrebbe anche cambiare aria già a gennaio.

Restando tra i giocatori fuori dai radar, rispetto al match di ieri c’è da registrare la non convocazione per scelta tecnica di Conti. Un’estate per rientrare dal problema al menisco, è sceso in campo una sola volta da settembre ed è stato scalzato anche da Dalot come primo cambia di Calabria.

Se offensivamente tutti sembrano utili e capaci di integrarsi, difensivamente ci sono tante opzioni che lo staff tecnico non può o non riesce a coinvolgere. La prossima finestra di mercato forse più che per un vice Ibra, potrebbe essere utile per un’alternativa forte per i centrali difensivi. Di sicuro gli scout ci stanno lavorando, la speranza è non rimanere di nuovo a bocca asciutta.

Milan: Davide Calabria - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Milan: Davide Calabria – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Author

Share