HomePrimo PianoStagione nuova, difesa nuova. Per un Milan più forte della scorsa stagione

Stagione nuova, difesa nuova. Per un Milan più forte della scorsa stagione

Tra le tante sorprese dello scorso campionato del Milan spicca in modo particolare una statistica: 31 gol subiti nella stagione scorsa e “titolo” di miglior difesa del campionato. Questo dato rappresenta una sorpresa già soltanto se si considera il gioco di Pioli, decisamente votato all’attacco e propenso a segnare un gol in più dell’avversario, ma diventa un qualcosa di ancor più straordinario considerando il grave infortunio di Simon Kjaer, arrivato all’inizio di dicembre, che ha messo fuori gioco il leader della retroguardia rossonera per tutta la stagione e i tanti problemi fisici di Alessio Romagnoli, capitano e anche lui leader difensivo della squadra di Pioli. 

L’esplosione di Kalulu e la crescita vertiginosa di Tomori hanno blindato la porta rossonera, che grazie alle caratteristiche di questi due ragazzi ha permesso alla squadra e a Pioli di poter giocare in maniera più aggressiva e lontana dalla porta. Anche Matteo Gabbia ha dato il suo contributo seppur giocando molto meno dei due sopracitati. Detto questo, l’addio di Romagnoli va gestito dalla dirigenza rossonera in modo da consegnare a Pioli un reparto di centrali difensivi superiore alla scorsa stagione. Pioli dovrà gestire il ritorno in campo di Kjaer, ma anche la crescita di Kalulu, mentre Fik Tomori resta il punto fermo della retroguardia rossonera.

Dal mercato dovrà arrivare un giocatore forte fisicamente, che permetta, nel gioco delle coppie della rosa, di avere un giocatore simile a Kjaer. Gabbia resterà probabilmente il quinto centrale, anche perché il suo profilo è molto utile nelle liste di registrazione sia per la Serie A che per la Champions League. Sono tanti i profili seguiti da Maldini e Massara per rinforzare il reparto difensivo, ma dopo il mancato arrivo di Botman, soprattutto a causa delle cifre in ballo, si è capito che i rossoneri cercheranno di prendere un centrale a costi non elevatissimi. Al recupero di un giocatore e di un leader come Kjaer e alla potenziale crescita di Tomori e Kalulu va dunque aggiunto un innesto dal mercato per essere più forti della scorsa stagione.

Altre notizie

Gazzetta: Milan, i veri pericoli del derby sono due. Calhanoglu e Lautaro saranno incattiviti

La Gazzetta dello Sport ha voluto analizzare chi saranno gli incubi del Milan. I...

Il derby sarà psicologicamente impattante, nel bene e nel male: dentro i muscoli

Come scrive il Corriere dello Sport, il prossimo derby è tanto decisivo quanto quello...

Verso Inter-Milan: la designazione arbitrale per il derby

Mancano solo 3 giorni ad Inter-Milan, derby che potrebbe decidere la stagione per entrambe...

L’alta dirigenza rossonera a Milanello: Scaroni predica unione e serenità per un derby che vale tutto

Presenti a Milanello durante l'allenamento di ieri, l'alta dirigenza del Milan si è fatta...

Ultim'ora

Gazzetta: Milan, i veri pericoli del derby sono due. Calhanoglu e Lautaro saranno incattiviti

La Gazzetta dello Sport ha voluto analizzare chi saranno gli incubi del Milan. I...

Il derby sarà psicologicamente impattante, nel bene e nel male: dentro i muscoli

Come scrive il Corriere dello Sport, il prossimo derby è tanto decisivo quanto quello...

Verso Inter-Milan: la designazione arbitrale per il derby

Mancano solo 3 giorni ad Inter-Milan, derby che potrebbe decidere la stagione per entrambe...