HomeNewsSeedorf: "Inter e Milan hanno qualcosa in più delle altre. Con Ibra...

Seedorf: “Inter e Milan hanno qualcosa in più delle altre. Con Ibra e Giroud copri anche aspetti che altri non hanno”

L’ex centrocampista rossonero Clarence Seedorf ha rilasciato una lunga intervista all’edizione odierna di Tuttosport, parlando del momento del Milan. Di seguito le sue dichiarazioni: “Il campionato sarà ancora più equilibrato della scorsa stagione. Le squadre dal terzo posto in giù si sono tutte rafforzate, ma l’Inter e il Milan hanno ancora qualcosa in più a mio avviso. Bisogna vedere come gestirà il Milan i due impegni: perché se da un lato è bello essere tornati in Champions e quindi sarà un torneo da affrontare con grandi ambizioni, anche vincere uno scudetto per un milanista, non sarebbe così male. L’Inter ha dovuto perdere giocatori importanti, non facilmente sostituibili, ma resta un’ottima squadra. La Juventus? Penso che abbiano la pancia piena. Si sta ricostruendo, ha avuto il suo ciclo, ma con quello che hanno vinto possono permettersi di impiegare un po’ di tempo per vincere di nuovo. Detto ciò, resterà sempre competitiva“.

Seedorf prosegue: “Con Maldini ci sentiamo ogni tanto. Il Milan è in buone mani, il dna di ogni club può essere passato solo da chi l’ha vissuto. E quindi il Milan, avendo un totem come lui, presente ogni giorno, almeno le informazioni sono passate bene. Poi se vengono trasmesse o meno in campo è un’altra cosa. Il Milan sta costruendo qualcosa di solido, le scelte sono chiare e poi il mix giovani-vecchi lo considero sempre fondamentale. Paolo la vede uguale, hanno Ibra in campo e quest’estate hanno preso Giroud, quindi siamo in linea su questo. Non ho mai creduto nell’età. Nel senso che c’è un’età biologica e poi ci sono i fatti che sono i test che fanno vedere in che condizione ti trovi. Io, ad esempio, avevo dati migliori a 34 anni che a 26, quando giocavo nel Milan. Se poi questi dati non sono importanti per chi deve fare le scelte tecniche, è un altro discorso. Ibra e Giroud si sono tenuti bene durante la carriera, così è più facile continuare. E poi l’esperienza compensa tante cose che i giovani non possono avere: la gestione delle emozioni, degli allenamenti, i momenti di difficoltà. Quando hai gente come Ibra e Giroud, nella squadra copri anche un aspetto che altri non hanno o che non hanno ancora vissuto. E poi è la storia della vita far crescere i giovani…“.

Seedorf conclude: “Il Milan è tornato in Champions League dopo l’ultima volta con me in panchina? Mi spiace sia passato così tanto tempo, perché eravamo in grado, se la società allora avesse fatto altre scelte, di non rimanere fuori per sette anni fuori da questa manifestazione. E resta l’orgoglio di quello che ho fatto come allenatore del Milan“.

Seedorf
Clarence Seedorf – MilanPress, robe dell’altro diavolo

Altre notizie

Milanello, si torna in campo dopo due giorni di riposo. Il report dell’allenamento in vista dello Slavia Praga

Dopo i due giorni di riposo concessi da Stefano Pioli in seguito alla vittoria...

Il Milan Primavera non sa più vincere in campionato: poker della Fiorentina al Vismara. Rossoneri risucchiati nella lotta playoff

Nessuna crisi, ma continua il periodo no del Milan Primavera in campionato. I ragazzi...

Milan: i risultati del weekend del settore giovanile

In attesa di Primavera e Under 18, va in archivio il primo weekend di...

Ultim'ora

Milanello, si torna in campo dopo due giorni di riposo. Il report dell’allenamento in vista dello Slavia Praga

Dopo i due giorni di riposo concessi da Stefano Pioli in seguito alla vittoria...

Il Milan Primavera non sa più vincere in campionato: poker della Fiorentina al Vismara. Rossoneri risucchiati nella lotta playoff

Nessuna crisi, ma continua il periodo no del Milan Primavera in campionato. I ragazzi...