San Siro deve tornare un fattore: l’obiettivo del nuovo Milan di Pioli

Author

Categories

Share

Nel giorno dell’esordio casalingo del Milan in questa nuova stagione, la squadra di Pioli deve sfatare uno dei pochi aspetti negativi evidenziati nello scorso campionato, ovvero, lo scarso rendimento a San Siro, soprattutto in confronto con l’incredibile ruolino di marcia avuto in trasferta.

 

Flop in casa, Top in trasferta – Nella passata stagione, infatti, i rossoneri hanno conquistato lontano da San Siro ben 49 punti, frutto di 16 vittorie, un pareggio e due sconfitte, sui 79 totali che hanno permesso alla squadra di Pioli di finire seconda e qualificarsi alla Champions League di quest’anno. L’altro lato della medaglia è ovviamente il ruolino del Diavolo tra le mura amiche di San Siro, visto che i sei pareggi e le cinque sconfitte a fronte di sole otto vittorie casalinghe hanno prodotto un bottino “magro” di 30 punti.

 

Il ritorno dei tifosi – La squadra di Pioli se vuole competere per gli obiettivi più prestigiosi deve migliorare i propri numeri nei match giocati davanti ai suoi tifosi, che, anche se, per il momento, saranno presenti solo al 50% della capienza dello stadio a causa delle restrizioni anti-Covid, dovranno tornare ad essere un fattore determinante per Ibra e compagni. Le dichiarazioni di Pioli da un anno e mezzo a questa parte fanno capire quanto questo gruppo possa giovare del ritrovato entusiasmo attorno all’ambiente Milan e la consapevolezza maturata nella squadra, sottolineata più volte dallo stesso allenatore rossonero, dovrà far tornare San Siro un fattore positivo e non un peso per i giocatori. Questo è l’obiettivo di Pioli e del nuovo Milan per fare l’ultimo step: tornare a vincere qualcosa di importante.

San Siro – MilanPress, robe dell’altro diavolo

Author

Share