HomeIn evidenzaPioli è diventato una cosa sola con la squadra: qualsiasi saranno le...

Pioli è diventato una cosa sola con la squadra: qualsiasi saranno le scelte future, non si sprechi quest’amalgama

Quando vinci una partita come quella di ieri, facendo sembrare il Bologna dell’ex Sinisa Mihajlovic una squadra di categoria inferiore – cosa che non è assolutamente, visto che solo qualche giorno fa ha battuto in rimonta l’attuale seconda in classifica di Serie A – è quasi impossibile non attribuire meriti a tutte le componenti attuali del Milan. A maggior ragione se il 5-1 di San Siro ha portato a 20 i punti conquistati nelle otto partite post-lockdown. Tantissime le note positive: una condizione fisica impressionante (già un mese fa chi vi scrive disse che poteva diventare il fattore determinante); un Saelemaekers passato da oggetto misterioso a pedina che si incastra benissimo nello scacchiere; una diga di centrocampo Kessié-Bennacer insuperabile e col vizietto del gol; le riserve che entrano e danno il loro apporto; Rebic ed Hernandez ormai top players; un Calhanoglu che, messo nella sua posizione, dispensa qualità in continuazione.

Pioli e la squadra una cosa sola

Insomma, sarà pure un “calcio diverso” secondo alcuni soloni sparsi qua e là, ma il Milan è senza dubbio la migliore squadra italiana del dopo Covid, insieme all’Atalanta di Gasperini. Ciò che balza agli occhi – e che a mio parere è ciò che più rende i meriti a mister Stefano Pioli – è che allenatore, staff tecnico e squadra nella sua interezza sono ormai diventati una cosa sola. Il tutto in una situazione societaria fatta di incertezza, spaccature, voci anticipate sul futuro, addii e convivenze forzate. In tal senso, sono state emblematiche le parole di Hakan Calhanoglu subito dopo il fischio finale: “Pioli mi ha cambiato tanto, mi lascia giocare come voglio, libero senza fare casino, parla con me sempre anche fuori dal campo, mi aiuta tanto e sono contento. Gioco anche per lui, è una persona molto importante non solo per me ma anche per la squadra. Siamo contenti di avere un allenatore così”.

Non depauperare questa amalgama

A questo punto, verrebbe da dire: è necessario la prossima stagione attuare l’ennesima rivoluzione tecnica e liberarsi di un allenatore che – al netto del piccolo mugugno di ieri di Zlatan Ibrahimovic – ha creato un rapporto solidissimo con tutti gli elementi della sua rosa? Questa mattina, Il Corriere della Sera ha riportato in auge l’ipotesi di tenere Pioli come allenatore e inserire Rangnick nel ruolo di direttore tecnico. Sarebbe una sorta di “rivoluzione soft e graduale”, con Pioli che potrebbe continuare il suo percorso di crescita insieme alla squadra e Rangnick che si inserirebbe coi tempi giusti in un calcio, quello italiano, per lui sconosciuto. Chi deve decidere, deciderà: in ogni caso, è bene non depauperare quello che si sta costruendo, un’amalgama perfetta che al Milan non si vedeva ormai da tempo immemore.

Twitter: @Juan__DAv

Altre notizie

Ex Milan, Giovanni Galli: “Morata un grandissimo attaccante, non è una seconda scelta. Fonseca? Giusta una seconda chance per lui”

Giovanni Galli ha parlato in esclusiva ai microfoni di SuperNews del nuovo acquisto del...

Di Marzio: ecco la richiesta del Borussia Dortmund per Fullkrug. E per Samardzic…

Niclas Fullkrug ha dato piena disponibilità al Milan per il suo trasferimento. Secondo l’esperto...

Spagna, Alcaraz svela un retroscena dopo la vittoria a Wimbledon: “Ho videochiamato Morata, volevo dargli forza”

La Spagna, domenica scorsa, ha vinto tutto. Non solo la Nazionale maschile di calcio...

Interesse reale del Milan per Samardzic e in difesa spunta Hermoso. Le ultime sul mercato rossonero

Interesse reale e concreto. Il Milan osserva Lazar Samardzic, vecchio pallino anche ai tempi...

Ultim'ora

Ex Milan, Giovanni Galli: “Morata un grandissimo attaccante, non è una seconda scelta. Fonseca? Giusta una seconda chance per lui”

Giovanni Galli ha parlato in esclusiva ai microfoni di SuperNews del nuovo acquisto del...

Di Marzio: ecco la richiesta del Borussia Dortmund per Fullkrug. E per Samardzic…

Niclas Fullkrug ha dato piena disponibilità al Milan per il suo trasferimento. Secondo l’esperto...

Spagna, Alcaraz svela un retroscena dopo la vittoria a Wimbledon: “Ho videochiamato Morata, volevo dargli forza”

La Spagna, domenica scorsa, ha vinto tutto. Non solo la Nazionale maschile di calcio...