Pellegri in conferenza: “Il Milan è un sogno, voglio far vedere quanto valgo. Ibra è il mio idolo sin da piccolo”

Categories

Giorno di presentazione per Pietro Pellegri che ha parlato in conferenza stampa a Milanello dopo l’ufficialità del suo arrivo al Milan nella giornata di ieri. Ecco le sue parole: “Arrivo qua con la voglia di riscattarmi e di far vedere quanto valgo. Voglio ripagare la fiducia della società. Giocare con Giroud e Ibra per il Milan è un sogno. Sono venuto qui per imparare. Il numero 64 simboleggia l’anno di nascita di mio padre Marco. Al Genoa è stata un’esperienza che potrei descrivere con la parole “casa”. Al Monaco è stata un’esperienza formativa, qui invece è un sogno”. Su Ibrahimovic come compagno di squadra: “È stata un’esperienza magnifica salutare Zlatan e dargli il cinque, perché è da quando sono piccolo che è il mio idolo. Un campione come Ibrahimovic mi può solo che stimolare allenandomi con lui, c’è sempre da imparare”. Sugli infortuni e il futuro: “Il mio obiettivo oltre a fare bene qua è convincere la società a riscattarmi per restare in una squadra gloriosa come questa. Gli infortuni arrivano, sicuramente sono stato sfortunato, ma ora ho solo cose positive in testa”. Primi approccio con Pioli: “Il mister vuole che sia a disposizione della squadra e sono qui per questo”. Obbiettivi personali: “Non mi sono prefissato dei numeri: scendo in campo e do il massimo per aiutare la squadra. Se fai così, i gol arrivano”. Se la Nazionale maggiore è un obbiettivo: “La Nazionale è sicuramente è un sogno e ciò rimane. Poi che possa diventare un obiettivo e non lo nascondo”. Giroud altro esempio da seguire: “Giroud è un altro campione, sicuramente mi può aiutare anche lui tantissimo”. 

Autore

condividi