HomeNewsLe pagelle di Bologna-Milan: Kessie vale per 3. Leao fantasista per caso,...

Le pagelle di Bologna-Milan: Kessie vale per 3. Leao fantasista per caso, promossi centrali. San Gigio salva il risultato

DONNARUMMA 7.5 – Miracoloso nel primo tempo su Soriano prima, su Dominguez poi: se il Milan va al riposo in vantaggio è praticamente merito suo. Dopo aver subito l’1-2 da Poli (sul quale è incolpevole), salva ancora su Soriano.

CALABRIA 7 – Roberto Mancini sugli spalti avrà sicuramente preso nota. La prestazione del terzino rossonero è autorevole, soprattutto per l’ambivalenza nelle due fasi. Sfiora il gol (che sarebbe il secondo in stagione) in due occasioni, che sarebbe meritatissimo.

TOMORI 6.5 – Buona la prima nel derby, ottima la seconda con il Bologna. C’è da dire che il Bologna fino al gol di Poli davanti non combina molto, ma i suoi interventi in chiusura sono sempre precisi e puntuali. Un giocatore aggressivo e rapido mancava proprio alla squadra di Pioli.

ROMAGNOLI 6.5 – Finalmente il capitano! Out Kjaer, il numero 13 rossonero ha sempre faticato; oggi invece guida magistralmente il reparto, giocando d’anticipo come in occasione dell’azione da cui nasce il secondo rigore.

HERNANDEZ 6 – Tutto bene fino all’82’, quando per esagerare nel dribbling fa ripartire il Bologna che con Poli fa 1-2, regalando ai rossoneri 15 minuti da thriller. Prima dell’errore, la prova è buona: colpisce il palo su punizione, affonda sulla sinistra e contiene Orsolini con importanti diagonali difensive.

KESSIE 7.5 – Ovunque. Ad un certo punto della partita sorge spontaneo chiedersi se in campo ci sia anche un suo sosia perché nel giro di pochi secondi si vede in difesa a recuperare palla e poco dopo in avanti a rimorchio dell’azione offensiva. Si incarica del secondo rigore assegnato da Doveri e non sbaglia, a differenza di Ibra. L’azione in copertura dell’ultimo minuto è l’immagine della sua gara: arcigna, generosa, eroica.

TONALI 6 – Prova timida del centrocampista ex Brescia, che il mostruoso Kessie rischia di far sembrare più inadeguata di quello che realmente è (dal 62′, BENNACER 6 – Si ritrova in campo forse nel momento peggiore dell’incontro, con la squadra forse esageratamente rilassata. Dopo il gol rossoblu perde calma e lucidità, perdendo palloni che rischiano di rivelarsi sanguinosi).

SAELEMAEKERS 6 – Preziosissimo nel finale. La prova del belga è incolore fino alla rete di Poli. Con un Bologna nei minuti finali riversato quasi completamente nell’area rossonera, le sue ripartenze e la capacità di far salire la squadra si rivelano provvidenziali per portare una partita che fino all’82’ sembra in cassaforte.

LEAO 7 – Che trequartista! Schierato dietro Ibra nonostante lo scetticismo generale, il portoghese mette in scena una delle sue migliori prestazioni della stagione. Propizia il rigore dell’1-0, imbecca Zlatan in un paio di occasioni, dove è bravo Skorupski. Ma non solo: proprio come fa l’assente Calha, lega bene i reparti e si applica in copertura. Se riuscisse a diventare più cinico sottoporta, sarebbe il giocatore perfetto (dal 72′, MANDZUKIC 6).

REBIC 6.5 – Una prova a luci ed ombre, resa positiva dal killer istinct che gli fa fare 1-0 in tapin dopo l’errore di Ibra dal dischetto. Nella seconda parte di gara, la carenza di ossigeno lo rende più irruento e aggressivo e Pioli giustamente lo cambia (dal 62′, KRUNIC 5.5 – Entra per dare sostanza al posto di un annebbiato Rebic, ma dopo che il Bologna accorcia le distanze va in affanno e perde lucidità e sicurezza. Ancora inadeguato).

IBRAHIMOVIC 6.5 – Basta rigori! Il campione svedese fallisce l’occasione per fare 500 sbagliando dagli undici metri per la quarta volta in questa stagione. Nonostante questo, la sua prova è determinante. Per le sponde, per la funzionalità a tenere alta la squadra, per aver propiziato il secondo rigore (che poi non calcia lui, fortunatamente). Qualche scoria da derby in ogni caso c’è e si vede…

PIOLI 6.5 – Azzecca la mossa Leao trequartista e gli va dato merito. In assenza di Leao, imposta la partita sul lancio a cercare la sponda di Ibra, e anche questa scelta si rivela vincente. Forse pecca nel consentire troppo relax ai suoi, che paga nel finale con quegli ultimi 15′ minuti di estrema sofferenza.

Altre notizie

Bianchini (WWF Martesana Sud Milano): “Nuovo stadio Milan? Non in una zona boschiva che vogliamo far riconoscere”

L'area di San Donato Milanese è da proteggere per questioni ambientali. Questo afferma Giorgio...

Mercato Milan, per Broja si aggiunge un’altra pretendente. Ecco di chi si tratta

Fuori dal progetto del neo tecnico Enzo Maresca, Armando Broja è alla ricerca della...

Il Milan Under-16 K.O. in finale: lo Scudetto va all’Atalanta, che vince 3-2

Si è da poco conclusa la finale scudetto del campionato Under-16, che ha visto...

Milan, a che punto sei?

Cinquantasei giorni. Tanto manca allo start della Serie A 2024-25, un campionato che il...

Ultim'ora

Bianchini (WWF Martesana Sud Milano): “Nuovo stadio Milan? Non in una zona boschiva che vogliamo far riconoscere”

L'area di San Donato Milanese è da proteggere per questioni ambientali. Questo afferma Giorgio...

Mercato Milan, per Broja si aggiunge un’altra pretendente. Ecco di chi si tratta

Fuori dal progetto del neo tecnico Enzo Maresca, Armando Broja è alla ricerca della...

Il Milan Under-16 K.O. in finale: lo Scudetto va all’Atalanta, che vince 3-2

Si è da poco conclusa la finale scudetto del campionato Under-16, che ha visto...