HomeIn evidenzaAbbattere il muro giallo: il Milan a Dortmund senza paura per il...

Abbattere il muro giallo: il Milan a Dortmund senza paura per il primo successo in Champions

È un Milan in fiducia quello che sbarca a Dortmund, in Vestfalia, pronto a contendere i tre punti ai padroni di casa del Borussia nella seconda giornata del gruppo F di Champions League. In fiducia o comunque un Milan che sulla scia della convincente vittoria contro la Lazio sta recuperando quella consapevolezza nei propri mezzi che aveva dimostrato fino a prima del drammatico – in senso sportivo – ultimo derby che aveva trasformato quella che sembrava palesarsi di fronte al mare del campionato come una rompighiaccio, in una zattera alla deriva.

Dopo la reazione più di nervi che altro, contro il Newcastle, che non ha prodotto il risultato sperato, e la vittoria minimo sforzo massima resa ottenuta con il Verona, la prestazione sfoggiata contro la squadra di Sarri ha riproposto un Milan autoritario, forse non ancora così concreto in zona gol e pericoloso solo a sprazzi ma il gioco, quello si, è fluito, eccome. Tanto da far dire a un inguaribile fondamentalista come mister Sacchi che nella squadra di Pioli ha rivisto un po’ del suo Milan.

Milan, una vittoria per vincere ancora

C’è una foltissima serie di frasi fatte nel mondo del calcio, una di queste è “vincere aiuta a vincere”. Ma Eupalla, divinità della sfera a esagoni nata dalla penna di Gianni Brera, lo sa che è una delle verità più grandi.

Un’altra è “squadra che vince non si cambia”, o quasi. Rispetto a sabato, infatti, gli unici cambi dovrebbero riguardare la difesa, dove Thiaw prenderà il posto di Kjaer, e centrocampo con Musah, elemento che si è visto poco finora ma che ha messo in mostra dinamismo e qualità, al posto dell’infortunato Loftus-Cheek. Pare ci sia anche un ballottaggio tra Adli e Pobega con quest’ultimo favorito, anche se riproporre il francese sarebbe indizio di volontà assai più bellicose nei confronti dei tedeschi.

Dortmund già con le spalle al muro?

Il Signal Iduna Park sarà come di consueto una polveriera, una delle arene in cui è più complicato giocare in Europa. Il pubblico farà la sua parte, anche se poi il proprio destino lo scriveranno sul campo le due squadre. I tedeschi hanno perso a Parigi nella prima giornata, una seconda battuta di arresto inserita nel contesto di un girone davvero molto complicato, assumerebbe già le sembianze di una bocciatura.

Dall’altra parte il Milan dovrà cercare di abbattere il muro giallo. La tipica curva tedesca da 25mila teste mette pressione a chiunque e Pioli lo sa. Per questo motivo a Milanello questa mattina alla rifinitura ha fatto sentire i cori dei tifosi gialloneri ai propri giocatori per potersi abituare già all’inferno che li aspetterà allo stadio.

Vincere si, ma con giudizio

Il Borussia Dortmund tenterà la partenza a razzo, bisognerà prestare molta attenzione perchè subire gol nei primi 10-15 minuti di assalto al forte condizionerebbe enormemente la sfida, mettendola nelle condizioni migliori per i padroni di casa e, qualora occorresse, scaldando ulteriormente i tifosi. I rossoneri dal conto loro potranno sfruttare gli spazi, condizione in cui la squadra di Pioli si sente grandemente a proprio agio. Leao, Theo Hernadez e anche Musah diventerebbero letali con le loro incursioni.

Se la marea giallonera, infrangendo i propri flutti sulla difesa milanista, dovesse poi mollare la presa e diminuire la pressione, sarà allora che con l’ausilio di alcuni cambi potrebbe salire in cattedra il Milan. Attenzione però, bisogna fare attenzione agli intrecci di risultati: in ottica qualificazione potrebbe non essere così negativo portare a casa un pari, se il Newcastle non riuscisse a vincere con il Paris Saint Germain. A questa stregua, di fatto, resterebbero intatte le possibilità di qualificazione. Chiudere il girone con 9/10 punti in classifica potrebbe essere sufficiente per accedere alla seconda fase.

Altre notizie

Verso Lazio-Milan, Immobile e Leao vogliono proseguire la striscia positiva: i numeri

Il portale specializzato Opta ha pubblicato alcuni dati relativi alla sfida tra Lazio e...

Okafor: “Avevo altre opzioni, ma sono stato subito affascinato dal Milan. Giocare con questa maglia un sogno che si realizza”

Noah Okafor ha rilasciato un'intervista ai microfoni di Transfermarkt.it in cui ha parlato della...

Lotito: “La Lega Serie A deve essere la nuova Premier League: faremo causa alla FIGC”

Presente ieri ad un evento dell’Ordine dei giornalisti del Lazio, il presidente della Lazio,...

SportMediaset: da quest’estate Ibra deciderà mercato e nuovo allenatore. Il punto della situazione

Le parole criptate di Cardinale, pronunciate ieri al meeting di Financial Times, non sono...

Ultim'ora

Verso Lazio-Milan, Immobile e Leao vogliono proseguire la striscia positiva: i numeri

Il portale specializzato Opta ha pubblicato alcuni dati relativi alla sfida tra Lazio e...

Okafor: “Avevo altre opzioni, ma sono stato subito affascinato dal Milan. Giocare con questa maglia un sogno che si realizza”

Noah Okafor ha rilasciato un'intervista ai microfoni di Transfermarkt.it in cui ha parlato della...

Lotito: “La Lega Serie A deve essere la nuova Premier League: faremo causa alla FIGC”

Presente ieri ad un evento dell’Ordine dei giornalisti del Lazio, il presidente della Lazio,...