HomePrimo PianoMP 2022 - Quello che non ti ricordi del gennaio del Milan

MP 2022 – Quello che non ti ricordi del gennaio del Milan

Il Milan si sta preparando per il rientro in campo, fissato per il 4 gennaio contro la Salernitana. Il 2022 è giunto ormai al termine, ed è stata un’annata piena di emozioni per tutti i rossoneri, tifosi compresi. In questa rubrica vogliamo farvi ripercorrere mese per mese i ricordi dimenticati di quest’anno, che hanno riportato il Milan dove merita. Oggi rivivremo gennaio 2022.

6 gennaio

Il primo ricordo importante dell’anno arriva da Milan-Roma. In questa partita il Milan arrivò con una situazione abbastanza complessa, sia per il Covid che per gli infortuni. Il reparto più colpito fu la difesa, che costrinse Pioli a correre ai ripari. In quel momento c’erano Calabria, Tomori e Romagnoli out per la positività al virus, mentre Kjaer era fuori per un problema fisico.

Furono schierati titolari Kalulu e Gabbia, che al momento destavano qualche dubbio tra i tifosi. Tuttavia il loro rendimento di rivelò quasi straordinario, tenendo in piedi una difesa in piena difficoltà. Da quel momento Matteo diventò una riserve di cui ci si può fidare, mentre Pierre si prese la fiducia del popolo rossonero e la titolarità, che tutt’oggi non ha lasciato.

Milan: Pierre Kalulu (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan: Pierre Kalulu (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

9 gennaio

Torniamo alla 21esima giornata di Serie A. Si giocò Venezia-Milan, con i rossoneri che arrivavano da una convincente vittoria contro la Roma. L’evento principale di questa partita fu il gol di Zlatan Ibrahimovic, realizzato al 2′ minuto di gioco. Ebbene si, anche per un giocatore che in carriera ha fatto più di 500 gol, uno di essi può essere ricordato in maniera diversa dagli altri. Quel giorno Ibra segnò per l’ultima volta con la maglia del Milan.

Un gol che fa anche riflettere, perché ormai è quasi un anno che Zlatan non insacca il pallone in rete. Una mancanza che si sente, ma che lui stesso è riuscito a trasformarla in aiuto alla squadra. Quando non poté giocare diventò quasi un allenatore, cosa che tutt’ora continua a fare. Chissà se Ibra riuscirà a spezzare questa data e a regalare emozioni ai tifosi sul campo da gioco.

Milan: Zlatan Ibrahimovic (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan: Zlatan Ibrahimovic (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

17 gennaio

Forse la data meglio scolpita nella memoria dei tifosi rossoneri. Il Milan, in quel momento tanto discordante a livello di prestazioni, gioca in casa contro lo Spezia dal quale, francamente, poco ci si aspettava. Il primo tempo non è dei migliori, con il solito, classico gol di Leao a togliere le castagne dal fuoco.

Nel secondo tempo accade qualcosa di strano. Sull’1-1 e nel finale di gara, Messias segna un gol straordinario sotto al sette, ma viene fischiato fallo dall’arbitro Serra. Il fallo, però, è quello del vantaggio che tutelava l’azione portata avanti da Rebic e quindi la rete non era da annullare. Attimi di tensione in campo? No, i giocatori del Milan sono andati a chiedere spiegazioni al direttore di gara, che in una crisi di pianto ammetterà negli spogliatoi di aver sbagliato a non aspettare. Il Milan qui vince fuori dal campo: i calciatori sono andati a consolare chi ha sbagliato in buona fede. Lo Spezia vince 2-1 e lo scudetto sembra un miraggio…

Milan-Spezia: Tiemoue Bakayoko ed Emmanuel Gyasi (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan-Spezia: Tiemoue Bakayoko ed Emmanuel Gyasi (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

Altre notizie

Real Madrid, Ancelotti: “Mendy è il miglior terzino sinistro al mondo”

Intervenuto in conferenza stampa, il tecnico del Real Madrid, Carlo Ancelotti, ha risposto ad...

Non è un calcio per Rafa Leao

Questo non è un articolo a difesa di Rafael Leao. Non è neanche un...

L’Europa League, il futuro di Pioli e della panchina: tutto accantonato. C’è il derby, riscattarsi o sprofondare

"Tutto il resto è noia", canterebbe Franco Califano. Milano si prepara al grande giorno,...

VIDEO – Jan-Carlo Simic, leader innato: discorso motivazionale ai compagni prima della semifinale di Youth League

Che cuore la Primavera di Ignazio Abate. Il Milan batte ai calci di rigore...

Ultim'ora

Real Madrid, Ancelotti: “Mendy è il miglior terzino sinistro al mondo”

Intervenuto in conferenza stampa, il tecnico del Real Madrid, Carlo Ancelotti, ha risposto ad...

Non è un calcio per Rafa Leao

Questo non è un articolo a difesa di Rafael Leao. Non è neanche un...

L’Europa League, il futuro di Pioli e della panchina: tutto accantonato. C’è il derby, riscattarsi o sprofondare

"Tutto il resto è noia", canterebbe Franco Califano. Milano si prepara al grande giorno,...