Milan-Verona e due big match infuocati: Juventus e Lazio già al dentro fuori

Author

Categories

Share

Siamo solo all’8^ giornata di Serie A. Alla fine dunque ancora 30, un’eternità praticamente. E le ultime stagioni ci hanno dimostrato come in poche domeniche tutto possa rimescolarsi. Basti pensare proprio al Milan lo scorso anno, dopo un girone abbondante in testa ritrovatosi fuori dalla zona Champions per poi finire secondo al termine del campionato.

Ma allo stesso modo è inevitabile non prendere in considerazione i big match di questo weekend e osservare come, già da domenica sera, la classifica possa delinearsi. Quella che sta per cominciare infatti rischia in qualche modo di diventare un dentro o fuori per due top considerate ad agosto quali concrete pretendenti, se non al titolo, alla prossima edizione della ‘Coppa dalle grandi orecchie’. Parliamo di Juventus e Lazio, le quali rispettivamente contro Roma e Inter si ritrovano a disputare due scontri diretti quasi decisivi.

La squadra di Allegri, uno che però ci ha già abituato a impensabili rimonte, domani ospita allo Stadium la Roma di José Mourinho, squadra che insieme al Diavolo e al Napoli da “en plein” sembra essere la squadra più in palla del nostro campionato. Lo Special One, che per ora non ha deluso le aspettative di inizio anno, al momento chiude la “zona Champions” con 15 punti, solo 4 in più dei bianconeri. Per la Vecchia Signora, nonostante una maggiore confidenza nell’affrontare sfide di cartello come questa, sarà un’ardua impresa: i sudamericani sono appena rientrati dalle fatiche delle Nazionali, Dybala si ferma ai box con Rabiot e Morata è ancora da valutare.

Dovessero spuntarla i giallorossi, la Juventus potrebbe sprofondare a -7 punti dal quarto posto (sempre che l’Inter faccia risultato) e addirittura a -13 dalla vetta, qualora il Napoli di Spalletti dovesse centrare l’ottava vittora su otto gare. E a proposito di Inter, lo stesso discorso vale l’avversaria di stasera: la Lazio. Sarri si trova di fronte il suo predecessore Simone Inzaghi, che per la prima ritrova all’Olimpico davanti al suo ex pubblico.

L’ex tecnico biancoceleste, ad eccezion di un Lautaro un po’ acciaccato, avrà tutti gli undici titolari a disposizione ed è pronto ad approfittare del periodo altalenante degli Aquilotti. Anche per Immobile & co. un match che sa di last call: una sconfitta potrebbe già compromettere irrimediabilmente la corsa al quarto posto.

Juventus: Massimiliano Allegri - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Juventus: Massimiliano Allegri – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Author

Share