Milan: tanti nomi, poche trattative. Rischio immobilismo con club non amici

Author

Categories

Share

A seguito dell’ufficialità di Calhanoglu in nerazzurro. c’è stato un prevedibile aumento di speculazione sui nomi di potenziali sostituti. Come abbiamo avuto già modo di dire ormai non passa giorno nel quale non esca un nuovo target e far chiarezza su quale pista possa esser veritiera o meno diventa più difficile ogni giorno che passa, ma fa parte delle schermaglie di mercato e più si va avanti e più si intensificheranno le voci.

Registriamo peraltro un approccio piuttosto comune da parte dei club che vengono interpellati per prospetti che il Milan ritiene interessanti, ed è quello di dichiarare incedibile il giocatore o paventare un’eventuale cessione solo a cifre astronomiche. Per il fantasista dell’Ajax si è speso Overmars, dirigente dei lancieri, sottolineando che il serbo non è in vendita. Stessa frase arrivata da Siviglia quando i rumors avevano parlato di un interessamento del Diavolo per Gomez. Simile per concetto, leggermente dissimile nella sostanza è stata la risposta di Ferrero per Damsgaard, perchè per il danesino pare la Samp voglia dai 30 ai 50 milioni, che equivale ad una dichiarazione di incedibilità.

Se ci spostiamo poco più in là come zona di campo, il risultato non cambia. Dal Belgio hanno riportato che i rossoneri hanno proposto 15 milioni per l’attaccante ucraino Yaremchuk, esattamente il valore Transfermarkt, ma il Gent ci ha tenuto a far sapere che a queste cifre la punta non cambierà maglia. Forse dopo l’ottimo europeo disputato si aspettano un interesse più diffuso.

La sensazione è che tante società attendano offerte dalla Premier o dal PSG, per provare a massimizzare i profitti. Quest’approccio rischia di bloccare un pò il mercato, ma è una dinamica comprensibile per lo più. Chiaro che dall’altra parte, queste ‘chiusure’, non fanno altro che aumentare i dialoghi con i club coi quali c’è già un rapporto pregresso, ed ecco che Real Madrid e Chelsea tornano e torneranno molto d’attualità. E’ presto per trarre conclusioni, ma il vento sembra essere questo.

Milan: Maldini, Massara e Gazidis - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Milan: Maldini, Massara e Gazidis – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Author

Share