HomeGiovaniliPrimavera, Abate: "Abbiamo allestito una squadra molto giovane: importante bruciare le tappe...

Primavera, Abate: “Abbiamo allestito una squadra molto giovane: importante bruciare le tappe di qualche ragazzo. E con Pioli…”

Il tecnico della Primavera rossonera Ignazio Abate ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Milan TV nei giorni di preparazione per l’inizio della stagione, in programma per il prossimo 26 agosto con il primo match di campionato contro il Monza. Dal ritiro a…: ecco le sue parole.

Credo che abbiamo fatto un ottimo ritiro. Abbiamo cambiato tanto e allestito una squadra ancora molto giovane. Crediamo che bruciare le tappe di qualche ragazzo sia un fattore importante, sperando sempre di vederli tra i professionisti e magari un giorno anche in prima squadra. Siamo contenti del percorso intrapreso, abbiamo fatto un ottimo ritiro dove stiamo crescendo dal punto di vista fisico, ci stiamo conoscendo e stiamo cercando di creare un’identità ed un’unione per creare un’anima bella forte“.

Sul percorso personale: “Sono maturato tantissimo, sto mettendo tanto dentro il mio bagaglio. Devo migliorare ancora tanto e spero di crescere anche quest’anno insieme ai ragazzi. Sicuramente ho un minimo in più di esperienza, soprattutto in questo campionato difficile fatto di giocatori bravi e allenatori preparati. Partiremo con un bagaglio in più di esperienza, ma ci saranno sempre delle difficoltà grandi. Le affronteremo insieme con serenità e spirito“.

Sui ragazzi aggregati con la prima squadra durante il precampionato: “Innanzitutto toccano con mano quello che serve per diventare grandissimi giocatori. Come vivere la professione a 360 gradi, come ci si allena nel quotidiano al di là delle due ore in campo, sia nel pre che nel post. Poi ti dà grandissima convinzione, aumenta l’autostima. Se hai l’intelligenza di vedere i grandi campioni, riesci sempre a rubargli un qualcosa sia dentro che fuori dal campo. Spero che i miei ragazzi lo abbiano fatto, ma sono ragazzi intelligenti. Tutti gli anni qualche ragazzo parte aggregato in prima squadra: lavoriamo per sperare un giorno di vederne uno in pianta stabile lì. È il sogno mio e di tutto l’ambiente“.

Sulla scorsa stagione: “Pensiamo che il risultato non debba essere un fine, ma il mezzo per la crescita dei ragazzi. Non siamo particolarmente per la filosofia di giocare con cinque fuori quota, al limite di età. Crediamo che ad un certa età serva toccare con mano il calcio vero. Abbiamo allestito una squadra giovane per cercare di accelerare qualche percorso. Crediamo in questo. Poi i giovani vanno fatti giocare, sbagliare e crescere, toccando con mano quello che serve per alzare il livello. Sicuramente la Youth League ha dato grandi soddisfazioni perché ha una risonanza particolare., ma la mia soddisfazione più grande dello scorso anno è per gli 11 punti in più nel girone di ritorno, sinonimo che i ragazzi siano cresciuti, nonostante il percorso altalenante. Nei primi 5-6 mesi ci sono state difficoltà in un campionato in cui paghi a livello fisico se giochi con 2-3 anni sotto età. Poi i ragazzi sono cresciuti dal punto di vista fisico, mentale e da quello delle conoscenze calcistiche. Il girone di ritorno sono cresciuti in mentalità, al di là del risultato, perché giocare sempre con l’acqua alla gola pensando alla classifica e dovendosi salvare a tutti i costi per loro è stata un’esperienza incredibile, ma anche per me. Le pressioni erano forti, ma la soddisfazione finale è stata enorme“.

Sullo staff: “È cambiato il mio vice. Ringrazio Marco Visconti che è stato con me l’anno scorso e mi ha dato una grandissima mano. Ci siamo legati tanto dal punto di vista umano. È arrivato un ragazzo giovane che ha già allenato nella Primavera spagnola. Sono felice perché magari mi può aprire la testa su tante cose, avendo una visione diversa del calcio. Ci saranno sicuramente degli spunti per discutere e migliorare“.

Sulle avversarie: “Consociamo già i club che allestiranno squadre per competere nell’immediato: saranno difficilissime da affrontare. Altre squadre magari partono più indietro, ma hanno grandissima qualità. È un campionato difficilissimo dove molte giocano prettamente per il risultato finale. Anche noi, sottolineo, giochiamo per cercare di ottenere un grandissimo risultato perché dev’essere quella la mentalità e l’obiettivo, ma cercando di intraprendere un percorso che non può prescindere dal gioco, dai concetti di calcio e far crescere i ragazzi. Dobbiamo essere a conoscenza che avranno difficoltà. Chiediamo tanto a loro dal punto di vista dei principi di gioco: indubbiamente ci vuole del tempo e concedergli qualche errore“.

Sull’attenzione di Pioli per il settore giovanile: “È una fortuna per me potermi confrontare con un grandissimo allenatore. È sempre attento alle nostre dinamiche, alla crescita dei ragazzi: conosce tutto. Anche nelle prossime amichevoli ci sarà qualche ragazzo che si aggregherà con loro. Ci confrontiamo spesso per la loro crescita che è il focus principale. Per me è anche un onore come prepara le partite e ricevere qualche consiglio da lui“.

Milan Primavera: Ignazio Abate, Davide Bartesaghi, Andrea Bozzolan, Youns El Hilali, Jordan Longhi - MilanPress, robe dell'altro diavolo
Milan Primavera: Ignazio Abate, Davide Bartesaghi, Andrea Bozzolan, Youns El Hilali, Jordan Longhi – MilanPress, robe dell’altro diavolo

Altre notizie

Rafael Leao: talento ineguagliabile ma (per ora) inconsistente

Rafael Leao, l'ala portoghese del Milan, è senza dubbio uno dei talenti più puri...

Milan, ora lo Slavia Praga in sette giorni. Cosa portarsi dietro dal Rennes?

Superato l’ostacolo Lazio è già tempo di ributtarsi sull’Europa League ed entrare in ottica...

Lazio, Sarri: “Contro il Milan una grande partita: non abbiamo mai sofferto, neanche in inferiorità numerica”

Dopo la partita di venerdì tra Lazio e Milan allo stadio Olimpico, terminata 0-1...

Sky Sport Deutschland: il Bayern Monaco segue Theo Hernandez. Affare da 60-70 milioni secondo i bavaresi: i dettagli

L'interesse c'è, è reale. Il Bayern Monaco ha messo nel mirino Theo Hernandez in...

Ultim'ora

Rafael Leao: talento ineguagliabile ma (per ora) inconsistente

Rafael Leao, l'ala portoghese del Milan, è senza dubbio uno dei talenti più puri...

Milan, ora lo Slavia Praga in sette giorni. Cosa portarsi dietro dal Rennes?

Superato l’ostacolo Lazio è già tempo di ributtarsi sull’Europa League ed entrare in ottica...

Lazio, Sarri: “Contro il Milan una grande partita: non abbiamo mai sofferto, neanche in inferiorità numerica”

Dopo la partita di venerdì tra Lazio e Milan allo stadio Olimpico, terminata 0-1...