HomePrimo PianoPioli e le variabili tattiche: un allenatore in continua evoluzione

Pioli e le variabili tattiche: un allenatore in continua evoluzione

Una delle preoccupazioni che erano state sollevate in passato sul Milan di Stefano Pioli era quello che riguarda il modo di giocare della squadra. Secondo alcuni poteva diventare troppo prevedibile per gli avversari che, alla lunga, avrebbero trovato le contromosse giuste per fermare i ragazzi terribili.

Il tecnico rossonero era a conoscenza di tutto questo e lo spiegò in alcune conferenze stampa, ma al contempo era consapevole del fatto che avrebbe dovuto trovare soluzioni alternative. Quelle preoccupazioni sono ora diventate la forza della squadra, poiché l’ex Fiorentina prepara le partite a seconda delle caratteristiche dell’avversario e dei propri giocatori, cercando di sorprendere i colleghi, come fatto contro l’Atalanta.

Gazzetta Atalanta-Milan
Gazzetta Atalanta-Milan – MilanPress, robe dell’altro diavolo

Le posizioni studiate contro l’Atalanta

Bastano 30 secondi per vedere già uno spartito tattico “nuovo” per i rossoneri: Theo Hernandez in posizione di mezzala dopo la consueta accelerazione imbuca per Davide Calabria, in posizione centrale. Quella del francese, a differenza del numero 2 italiano, è una collocazione ritrovata più volte nel corso della partita, basti vedere la posizione media che vi mostriamo, presa dalla Gazzetta dello Sport.

Come possiamo notare, oltre a quella del numero 19, occupa una posizione particolare anche Fikayo Tomori, il quale in fase di impostazione si è trovato spesso nel ruolo di terzino sinistro, con Kessie a sostituirlo in quello di centrale.

Pioli solitamente predilige la posizione verticale dei suoi due mediani, almeno questa era la sua ricerca nella scorsa stagione. Come possiamo vedere, invece, i due si trovano quasi sulla stessa linea. Una sorta di 2-4-3-1, o 3-3-3-1 se si vuole intendere l’ivoriano come centrale di difesa. Ed è importante sottolineare anche la ricerca continua di verticalità nella squadra, per la quale è fondamentale la figura tra le linee di Brahim Diaz.

Milan: Stefano Pioli - Milanpress, robe dell'altro diavolo
Milan: Stefano Pioli – Milanpress, robe dell’altro diavolo

Altre notizie

Capello: “Ibra vivrà grandi responsabilità ora, dovrà far sentire la sua voce in tutte le aree. Ho un solo dubbio però…”

Fabio Capello, ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport. L'argomento di discussione è...

Milan in mezzo alla tempesta? Tutti sull’arca di Noah. E ora la zona Champions League si solidifica ancor di più

Non era facile, soprattutto dopo i nuvoloni di tempesta fatti arrivare da Cardinale. Ma...

Serie A, Okafor raggiunge Jovic e Lautaro in una speciale classifica

Ancora una volta Noah Okafor si rivela decisivo per il Milan: l'attaccante svizzero ha...

Gazzetta: il Milan riparte a discapito della Lazio. Il terzo posto è ancora solido

Il Milan riparte, in qualche modo. Così scrive la Gazzetta dello Sport, nell'edizione odierna....

Ultim'ora

Capello: “Ibra vivrà grandi responsabilità ora, dovrà far sentire la sua voce in tutte le aree. Ho un solo dubbio però…”

Fabio Capello, ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport. L'argomento di discussione è...

Milan in mezzo alla tempesta? Tutti sull’arca di Noah. E ora la zona Champions League si solidifica ancor di più

Non era facile, soprattutto dopo i nuvoloni di tempesta fatti arrivare da Cardinale. Ma...

Serie A, Okafor raggiunge Jovic e Lautaro in una speciale classifica

Ancora una volta Noah Okafor si rivela decisivo per il Milan: l'attaccante svizzero ha...