martedì, Gennaio 25, 2022

Il Milan ed un mercato senza mezze misure: dalla massima utilità a chi fatica ad ingranare

Author

Categories

Share

- Advertisement -

L’impresa a Madrid ha regalato e regalerà un’ultima speranza per il Milan di superare la fase a gironi ed accedere agli ottavi di finale di Champions League. La notte del Wanda Metropolitano ha infatti rispolverato e dato risalto alla favola di Messias, che finora non aveva mai brillato a causa di un arrivo in sordina e diversi problemi fisici.

Messias a parte, forse unico uomo nella terra di mezzo dal punto di vista dell’impiego legato all’utilità in campo, il mercato estivo del Milan è un mercato senza mezze misure: chi è stato utile realmente alla causa, contro chi – purtroppo – fa ancora troppa fatica ad ad entrare nelle gerarchie di mister Pioli.

Top e Flop di un mercato particolare

A circa quattro mesi dall’inizio della stagione, il Milan di Stefano Pioli si ritrova al primo posto della classifica (a pari punti con il Napoli) e ancora vivo, seppur aggrappato ad un miracolo, al passaggio del turno in Champions League.

Tra i grandi protagonisti di questa prima fetta di stagione, spiccano certamente alcuni acquisti, o comunque riscatti, del mercato estivo prodotto da Paolo Maldini e Frederic Massara: su tutti, ci sono Maignan, Tomori, Tonali, Brahim Diaz e Olivier Giroud. Questi cinque calciatori sono entrati immediatamente nell’ottica Milan, garantendo continuità di prestazioni e la fiducia del tecnico romagnolo.

Milan: Mike Maignan, Franck Kessie, Fikayo Tomori e Simon Kjaer (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan: Mike Maignan, Franck Kessie, Fikayo Tomori e Simon Kjaer (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

Sulla parte opposta della bilancia, troviamo quei rossoneri che invece hanno fatto finora molta fatica ad ingranare: Ballo-Tourè, che ha avuto diverse opportunità quando ha dovuto sostituire Theo Hernandez, ma anche Florenzi, Bakayoko e Pellegri, utilizzato con il contagocce.

Il mercato estivo del Milan è stato perfetto da un lato, ma quasi totalmente nullo dall’altro: servirà una svolta per cercare di capire se gli uomini ancora poco incisivi riusciranno a sbloccarsi per partecipare attivamente alla cavalcata del diavolo, che non smette di sognare, ma che  – ovviamente – ha bisogno di tutti.

Milan: Alessandro Florenzi, Ismael Bennacer e Sandro Tonali (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan: Alessandro Florenzi, Ismael Bennacer e Sandro Tonali (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

Author

Share