HomePrimo PianoMarcelo-Milan: un grande sì, ma con delle riserve

Marcelo-Milan: un grande sì, ma con delle riserve

In una tranquilla domenica di giugno, il portale spagnolo AS ha deciso di sganciare una bomba relativamente importante: il Milan vuole Marcelo a parametro zero e avrebbe già avanzato la propria proposta al giocatore. Non una notizia di poco conto, dato che si parla di un calciatore che ha vinto la bellezza di 25 trofei con la maglia del Real Madrid nel corso delle 16 stagioni madrilene, un record per le Merengues. A fine giugno sarà ufficialmente senza contratto perché ha deciso di cambiare aria e iniziare una nuova avventura, ma ancora non si sa la destinazione.

Dalla Spagna si parla anche di una forte candidatura del Marsiglia, club che può garantirgli, così come il Milan, il massimo palcoscenico europeo: la Champions League. La scelta sarà sicuramente legata allo spazio che potrà avere a disposizione il brasiliano nella prossima stagione, poiché a dicembre è in programma il Mondiale in Qatar e il giocatore vuole rientrare tra i convocati, all’età di 34 anni.

Gli serviranno quindi garanzie e sotto questo punto di vista il club francese potrebbe avere qualcosa in più di quello rossonero, vista l’occupazione stabile di Theo Hernandez su quella fascia. Certo è che il fascino del Milan potrebbe giocare un ruolo importante, così come la figura di Paolo Maldini, suo idolo, a patto che firmi il rinnovo di contratto.

Marcelo: un grande sì, ma con delle riserve

Il primo sì riguarda proprio Theo Hernandez e la crescita del francese. Sono già stati compagni di squadra a Madrid ed è chiaro come l’apporto offensivo del numero 12 dei Blancos abbia condizionato anche la crescita del rossonero. Una crescita che potrebbe beneficiare della presenza dell’ex compagno, soprattutto a livello carismatico, soprattutto ora che dovrebbe essere il vice-capitano dopo Calabria.

Il secondo sì riguarda la figura del 34enne che sarebbe ben vista nello spogliatoio. Uno dei calciatori più vincenti della storia che si accasa in uno dei club più importanti della storia. Un matrimonio perfetto. Pioli ha bisogno di persone vincenti e questa stagione lo ha dimostrato, così come le scorse: basta vedere i casi Giroud e Ibrahimovic, i più lampanti. Due leader che hanno trascinato la squadra ad un livello sempre più alto, martellando i compagni ogni giorno in allenamento e in ogni partita. Essere a conoscenza di cosa possa significare vincere non è da tutti.

Il terzo sì riguarda l’aspetto tecnico. Andrebbe a ricoprire il ruolo in squadra di Ballo-Toure, reduce da una stagione non particolarmente positiva. Il senegalese avrebbe attratto l’interesse del Trabzonspor, il quale avrebbe già offerto al Milan circa 3,5 milioni di euro. Il club di via Aldo Rossi avrebbe al momento respinto l’avanzata turca, ma vista l’opportunità a parametro zero potrebbe decidere di cederlo. Dal punto di vista economico, qualora Marcelo accettasse un contratto a cifre più basse rispetto a quelle percepite al Real, l’impatto sui conti della società non sarebbe esagerato, in virtù anche delle agevolazioni del Decreto Crescita.

Le riserve. In primis le richieste d’ingaggio, che a quanto si dice possano essere più alte rispetto ai 3 milioni netti proposti dai rossoneri. Spingersi troppo oltre potrebbe essere poco funzionale, data anche l’età avanzata del giocatore e la posizione che andrebbe a ricoprire in squadra. Poi ci sono le condizioni fisiche e mentali. Dopo un’annata che lo ha visto protagonista in non molte occasioni, come si presenterà all’alba della prossima? E soprattutto: sarebbe pronto ad un ruolo di comprimario sulla sua fascia? Gli equilibri trovati da Pioli anche nel gruppo non devono essere incrinati in alcun modo. Marcelo-Milan, un grande sì, ma con delle riserve importanti.

Real Madrid: Marcelo
Real Madrid: Marcelo

Altre notizie

Salvini: “Pioli va solo ringraziato, Fonseca non si boccia prima di vederlo al lavoro. Ibrahimovic e Leao sono due grandi”

Matteo Salvini, leader della Lega e soprattutto grande tifoso rossonero, ha parlato ai microfoni...

Ex Milan, Nikola Kalinic lascia il calcio: sarà il direttore sportivo dell’Hajduk Spalato

Ricordate Nikola Kalinic? Uno degli 11 acquisti dell'estate 2017 targata Fassone e Mirabelli in...

Abate: “Primavera, è stata un’esperienza bellissima. Camarda? Spero risolva le questioni personali…”

Ignazio Abate ha rilasciato un'intervista ai media presenti a margine del Trofeo Maestrelli a...

Milan, che confusione! Da Ibrahimovic a Furlani e Moncada: quali sono i ruoli?

Alla base di una squadra di calcio, da sempre, ci sono i ruoli. Dal...

Ultim'ora

Salvini: “Pioli va solo ringraziato, Fonseca non si boccia prima di vederlo al lavoro. Ibrahimovic e Leao sono due grandi”

Matteo Salvini, leader della Lega e soprattutto grande tifoso rossonero, ha parlato ai microfoni...

Ex Milan, Nikola Kalinic lascia il calcio: sarà il direttore sportivo dell’Hajduk Spalato

Ricordate Nikola Kalinic? Uno degli 11 acquisti dell'estate 2017 targata Fassone e Mirabelli in...

Abate: “Primavera, è stata un’esperienza bellissima. Camarda? Spero risolva le questioni personali…”

Ignazio Abate ha rilasciato un'intervista ai media presenti a margine del Trofeo Maestrelli a...