Cambiano i tempi e cambiano i modi di far le trattative. Se Leao restasse anche grazie alla partenza di Kessie?

Categories

Un pezzo pregiato a livello nazionale e forse anche internazionale, è certamente Rafael Leao, decisivo nelle ultime giornate di campionato, votato anche MVP della Serie A dalla Lega. Inevitabile dunque che queste settimane siano state e saranno incentrate sulle questioni relative al suo rinnovo.

Per evitare ulteriori uscire a 0, sempre più di moda nel calcio moderno, sarà necessario trovare un accordo al più presto, per siglare un prolungamento o una cessione che sia remunerativa per il club.

Ieri a Che Tempo Che Fa, Pioli ha lasciato intendere che Rafa e il Milan continueranno il loro rapporto e che Maldini sappia già come convincere il portoghese. Non ha approfondito sulla modalità, ma l’idea potrebbe essere un contratto a stipendio crescente, come quello proposto a Kessie e non accettato dall’ivoriano.

Nella prossima stagione, al momento, il giocatore più pagato dei rossoneri sarà Theo Hernandez, con 4,5 milioni netti all’anno. Leao è presumibile firmerà un contratto che partirà da queste cifre, arrivando fino a 6 più bonus nelle prossime stagioni.

Non sarebbe una rivoluzione, Romagnoli di fatto aveva una formula similare. In tutti i casi potrebbero diventare una costante nei prossimi anni, sopratutto se pensiamo a quanti giovani abbia in rosa il Milan e quanto siano intrinsechi pregi e possibili lati negativi di un roster verde.

De Laurentiis con le sue parole oggi ha lodato il lavoro della società di via Aldo Rossi, che va in una direzione di sostenibilità ma che non dimentica che intanto serve portar risultati. Speriamo che non lo abbia ascoltato nessuno così che questo piccolo vantaggio ci porti altre soddisfazioni.

Milan: Rafael Leao (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan: Rafael Leao (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

Autore

condividi