HomeNewsCapello: "Il Milan può diventare mina vagante in Europa con altri 3...

Capello: “Il Milan può diventare mina vagante in Europa con altri 3 acquisti. Ecco cosa penso di Pioli”

Lo storico tecnico rossonero e oggi opinionista Sky Fabio Capello ha rilasciato un’intervista ai microfoni della Gazzetta dello Sport per commentare la vittoria dello Scudetto da parte del Milan. Ecco le sue parole.

Su Pioli e la sua dote principale: “La capacità di trasmettere alla squadra la voglia di migliorarsi e la convinzione nel poterlo fare davvero. Ha costruito una base solida nella stagione precedente e da lì ha preteso di continuare a crescere e si è fatto seguire. Nell’ultimo periodo ho visto una squadra matura, forte, che aveva più voglia di vincere delle altre. Pioli è stato un grande psicologo perché prima di questa serie di vittorie c’erano stati momenti di difficoltà: lui ha saputo intervenire sul gioco quanto sulla testa. Gli è stato assegnato il Premio Bulgarelli, di cui sono Presidente di giuria: avevo suggerito tre mesi fa di dargli questo riconoscimento“.

Sul Milan di nuovo ai vertici d’Europa: “Quella è una cima molto più ardua da raggiungere, la scalata si fa decisamente più difficile. La concorrenza è ricca e agguerrita, riesce ad arrivare per prima sui grandi giocatori che fanno la differenza. Questo Milan ha una visione strategica diversa, guarda al futuro più che al presente. Per competere in Europa occorre invece guardare all’oggi, prendere giocatori pronti subito“.

E continua: “Irraggiungibile? No, una soluzione c’è. Questo è un gruppo interessante, può diventare una mina vagante se la dirigenza riesce a indovinare almeno altri tre acquisti di spessore. Lo hanno già fatto. Kalulu è una rivelazione, è concentrato, attento, perfettamente calato in un ruolo che all’inizio non era il suo. Ha fatto un salto di qualità incredibile. Theo Hernandez e Leao sono autori di giocate di altissimo livello, valgono il prezzo del biglietto. La facilità di corsa e la delicatezza nel tocco di palla di Leao sono uniche, nessuno aveva una combinazione simile tra i grandi campioni che ho allenato. Sembra danzare, è il Roberto Bolle del calcio. Fa cose difficili apparentemente con semplicità, senza sforzo. Mentre lui va via, gli avversari sembrano immobili. E poi, ovviamente, Tonali: la massima espressione della maturità raggiunta dalla squadra. Lo avevo apprezzato al Brescia, mi congratulai con Maldini quando lo presero: si era perso e si è ritrovato, così ha dimostrato qualità e caparbietà“.

Su Ibrahimovic: “Nessuno ha la sua stessa convinzione. Di migliorarsi, come al tempo in cui lo conobbi io, e di vincere. Una voglia che lo contraddistingue ancora oggi, resta un leader tecnico e carismatico. Ibra è ritornato in un Milan in difficoltà e lo ha riportato al vertice, trasmettendo la sua mentalità. Sul futuro dipende solo da lui, dalle sue condizioni fisiche: su questo nessuno può dargli consigli“.

Su Maldini: “Un ruolo difficile in cui ammetto che mi ha sorpreso. La stessa sorpresa di quando Nils Liedholm lo convocò per la prima volta: Paolo era poco più che un ragazzino e io non lo ritenevo ancora pronto per giocare con i grandi. Con la stessa velocità con cui ha trovato spazio in prima squadra da giocatore, oggi si è calato nei panni del dirigente. È un ruolo diverso, in cui oltre alle competenze e alle capacità di analisi ci vuole esperienza. Lui ha fatto tutto molto in fretta, anche in questo caso è riuscito ad arrivare ai massimi livelli in pochissimo tempo“.

Se ci sia qualche elemento che unisce il suo grande Milan con quello odierno: “L’unione che vedevo in campo allora e che ritrovo oggi è effettivamente la stessa. La voglia di stare insieme si nota sul campo, la determinazione e il sacrificio che ognuno è disposto a fare in favore del compagno. E anche la voglia di emergere, il volere a tutti i costi la vittoria, andando oltre le critiche che in passato ci sono state. Sono stati superiori a tutto. Hanno reagito ai momenti negativi da grande squadra. E oggi ne raccolgono i risultati. Bravi“.

Capello
Fabio Capello – MilanPress, robe dell’altro diavolo

Altre notizie

Milan, il saluto di congedo di Pioli ai dipendenti di Casa Milan: “Non posso che dirvi grazie per tutto, non posso che augurare il...

Nel mentre che la squadra arrivava in Australia a disputare l'amichevole contro la Roma,...

Primavera, capitan Zeroli saluta Abate sui social: “Grazie mister per tutto quello che ci hai trasmesso in questi 2 anni”

Kevin Zeroli ha dedicato un post sui propri social ad Ignazio Abate, oramai ex...

Milan, nessuno in Europa come Thiaw tra i difensori U23: ecco il dato

C'è un dato in cui nessuno è migliore di Malick Thiaw nei top 8...

CorSera, il pagellone stagionale delle squadre di Serie A: ecco il voto al Milan

Capitoli di coda. La stagione 2023/24 è terminata per il Milan che sarà impegnato...

Ultim'ora

Milan, il saluto di congedo di Pioli ai dipendenti di Casa Milan: “Non posso che dirvi grazie per tutto, non posso che augurare il...

Nel mentre che la squadra arrivava in Australia a disputare l'amichevole contro la Roma,...

Primavera, capitan Zeroli saluta Abate sui social: “Grazie mister per tutto quello che ci hai trasmesso in questi 2 anni”

Kevin Zeroli ha dedicato un post sui propri social ad Ignazio Abate, oramai ex...

Milan, nessuno in Europa come Thiaw tra i difensori U23: ecco il dato

C'è un dato in cui nessuno è migliore di Malick Thiaw nei top 8...