HomePrimo PianoLeao: "Milan? Un immenso orgoglio per me rappresentarlo, non avrei mai pensato...

Leao: “Milan? Un immenso orgoglio per me rappresentarlo, non avrei mai pensato di indossare questa maglia. La Premier League…”

Rafael Leao si è raccontato in una lunga intervista alla rivista Gaffer parlando della sua carriera calcistica dall’inizio fino ad oggi e poi con una parentesi sull’altra grande passione, la musica. Le sue parole:

Almada è una città nobile, crescere lì è stata una grande esperienza. Vengo da un quartiere chiamato Bairro da Jamaica, vicino a Seixal. Almada è una città che significa molto per me, mi ha dato molte opportunità di crescere calcisticamente. È lì che ho mosso i primi passi quindi sono grato per la mia città e la porterò sempre con me ovunque andrò. Lo Sporting è una delle migliori accademie del mondo, se non la migliore, visto che ha allenato due Palloni d’Oro. È un onore che mi riempie di grande orgoglio aver fatto carriera lì, mi hanno aperto le porte del mondo del calcio e gli sono molto grato. È sicuramente un club che ricorderò e porterò con me per sempre

Ronaldinho e Cristiano Ronaldo sono i giocatori che ho seguito e che ho provato a copiare quando ero piccolo. Ho imparato a fare le cose che faccio oggi, i dribbling, guardando i loro video su Youtube. Sono entrambi dei miei grandi idoli e mi piacerebbe avere una carriera simile alla loro. Francia? Non è stato facile all’inizio perché è stato un cambiamento improvviso e non mi aspettavo di trasferirmi in un altro paese così presto, ma questo è stato estremamente importante per la mia crescita e mi ha aiutato a maturare come giocatore. Sono cresciuto anche come persona perché ho imparato una nuova lingua e come trattare con nuove persone in un ambiente diverso

La musica è il mio hobby. È il mio modo di esprimermi. Non sono un musicista che fa molte interviste e non molte persone sanno della mia vita personale, quindi la musica è dove posso ritrovare me stesso. Mi permette di sentirmi a mio agio a parlare di certe cose che non tendo ad esprimere a livello calcistico. E per quanto riguarda l’avvio della mia etichetta…è stato un modo per me di aiutare i nuovi artisti a realizzare i loro sogni e portare il loro talento a nuovi livelli. Ho iniziato durante la quarantena. Ci siamo allenati a casa e abbiamo avuto un sacco di tempo libero, la musica era qualcosa che volevo fare da un po’ quindi ho approfittato del tempo che avevo per provarla ed ero molto contento del risultato

Prima di pubblicare l’ho mostrato a persone a me vicine che sono anche nella scena musicale e il feedback è stato positivo quindi non avevo paura della reazione del pubblico. Il mio nome d’arte è Way45. Way significa “cammino” che in inglese si traduce anche in percorso e 45 fa parte del codice postale del mio quartiere che è 2845. Quindi, mettendoli insieme, volevo mostrare che non bisogna mai dimenticare da dove si viene e che ovunque si vada, bisogna porta sempre con te le tue origini

Prima volta con il Milan? Ho provato un immenso orgoglio e anche un grande senso di responsabilità. Mi sentivo anche nervoso perché la maglia del Milan pesa tantissimo. È un club con molta storia che ha vinto diversi titoli, sette Champions League! Quindi, quando ho avuto l’opportunità di venire qui, non ci ho pensato due volte. I primi giorni e mesi sono stati momenti entusiasmanti perché non avrei mai pensato di poter indossare questa maglia. È un onore rappresentarlo fino ad oggi. Scudetto? Era qualcosa che il nostro team attendeva da tempo. È stato il risultato di molto impegno e lavoro, è stato storico! È stato un momento molto speciale per me personalmente perché è stato il primo scudetto che ho vinto con il Milan ed è un ricordo che conserverò per il resto della mia carriera e della mia vita

Il Mondiale posso solo descriverlo come un’esperienza incredibile. Rappresentare il mio Paese è sempre qualcosa di speciale, soprattutto in una competizione come la Coppa del Mondo. È stata un’esperienza straordinaria che mi è piaciuta al massimo. Ero molto orgoglioso di poter rappresentare il mio paese in quella competizione e spero di poterci aiutare a realizzare qualcosa di speciale in futuro

Mio padre mi rendeva abbastanza ‘vanitosa’ per così dire, perché quando ero più giovane non mi lasciava uscire di casa vestito male. Mi vestivo e mi guardavo allo specchio per assicurarmi che fosse tutto perfetto. Il mio buon gusto è stato anche merito suo perché veste davvero bene. Dato che è una figura così importante nella mia vita, è stato sicuramente grazie a lui che mi sono innamorata della moda e mi è sempre piaciuto vestirmi bene. Quindi sì, posso dirvi che mio padre è stato la mia ispirazione e spero un giorno di essere un punto di riferimento anche nel mondo della moda

Vorrei giocare in Premier League. Penso che ogni giocatore voglia giocare in Premier League perché è un campionato molto competitivo. Ha un calcio coinvolgente, grandi squadre e un pubblico mondiale. La Serie A è attualmente molto ben posizionata nel mondo del calcio, ma direi sicuramente la Premier League in futuro. Dal punto di vista calcistico, il mio obiettivo è vincere la Champions League e il Pallone d’Oro. Come artista, personalmente non ci penso troppo, seguo il flusso. Come individuo, penso di rendere la mia etichetta uno dei più grandi nomi familiari nel mondo della musica“.

Milan: Rafael Leao (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)
Milan: Rafael Leao (Photo Credit: Agenzia Fotogramma)

Altre notizie

Inter, Inzaghi: “Il Porto la scorsa stagione ci ha fatto soffrire più di Benfica e Milan”

Simone Inzaghi, tecnico dell'Inter, ha commentato il successo contro l'Atletico Madrid in Champions League...

AR Fan Cam: AC Milan il primo club in Europa

Nell’ultima partita casalinga disputata contro il Napoli lo scorso 11 febbraio, AC Milan migliorato...

Ibrahimovic e Moncada con la squadra a Rennes, Furlani e Cardinale in viaggio d’affari. Scaroni a Milano per incontrare Sala

Ognuno con il proprio compito. I dirigenti del Milan si dividono così alla vigilia...

L’Equipe: sono ben tre gli indisponibili del Rennes per la gara di domani contro il Milan

Neanche il tempo di riprendere fiato che si scende nuovamente in campo. Domani, alle...

Ultim'ora

Inter, Inzaghi: “Il Porto la scorsa stagione ci ha fatto soffrire più di Benfica e Milan”

Simone Inzaghi, tecnico dell'Inter, ha commentato il successo contro l'Atletico Madrid in Champions League...

AR Fan Cam: AC Milan il primo club in Europa

Nell’ultima partita casalinga disputata contro il Napoli lo scorso 11 febbraio, AC Milan migliorato...

Ibrahimovic e Moncada con la squadra a Rennes, Furlani e Cardinale in viaggio d’affari. Scaroni a Milano per incontrare Sala

Ognuno con il proprio compito. I dirigenti del Milan si dividono così alla vigilia...