HomeFemminileFusetti a Milan TV: "Non ho ancora realizzato a pieno di essermi...

Fusetti a Milan TV: “Non ho ancora realizzato a pieno di essermi ritirata. Il sogno doveva finire, è stata una decisione sofferta”

Laura Fusetti ha parlato ai microfoni di Milan TV per la prima volta dopo aver annunciato il ritiro. Queste le sue dichiarazioni integrali.

Come vive questo momento:Ad ora penso di non averlo ancora realizzato a pieno. È da un po’ che ci penso, e sicuramente questi 6 anni al Milan sono stati importanti, nel bene e nel male. Pensare un futuro lontano dal Milan mi veniva difficile rispetto a pensare al ritiro dal calcio. Da una parte mi dispiace, sono tanti anni che gioco a calcio. Sono tranquilla e serena della scelta che ho fatto“.

Scelta sofferta:È un po’ di anni che penso che questo sogno, perché alla fine di quello si tratta, doveva finire. Il calcio femminile è migliorato tanto, anche a livello di intensità e fisicità. Il fatto di avere qualche annetto in più avrebbe inciso. Sofferta perché se penso a tutti i miei 33 anni io penso al calcio, se fosse per me sarei andata avanti a vita. Le mie gambe, il mio fisico e quello che sarebbe arrivato poi…questo giorno arriva per forza, e devi pensare a cosa fare dopo“.

Com’è cresciuto il calcio femminile:È parecchi anni che gioco a calcio, e se penso ai miei inizi anche in una Prima Squadra Femminile, e sono passati vent’anni, è totalmente cambiato. Eravamo pochissime, non ci seguiva nessuno, e giocavamo per passione. Da quel momento ad ora è cambiato tanto: i club maschili si sono interessati e hanno creduto nel calcio femminile. Ci hanno dato questa possibilità. Io adesso lavoro e posso dire di essere una calciatrice, vent’anni fa mi avrebbero riso in faccia tutti, e forse anche io. Era un’utopia. Già le giovani calciatrici vengono preparate al meglio, seguendo quello che è un po’ lo stile del maschile. Impronta totalmente diversa“.

Come ha vissuto la giornata del ritiro:Chiudere con una vittoria è stato il regalo migliore. A dire la verità avevo momenti in cui ero agitata, volevo chiudere in bellezza. Ero dispiaciuta, ma una cosa è sicura: da quando sono entrata in campo volevo solo giocare. Mi sono divertita e basta, e questo è il segreto. Quando entravo in campo c’era solo la palla e le compagne“.

La vicinanza delle compagne:L’ho sentita tantissimo. Me l’aspettavo e no: non ho un carattere facilissimo, ma nel calcio ho dato il meglio di me, cercando di coinvolgere tutte le compagne e essere di aiuto nel bene e nel male. Speravo ci fosse quest’affetto, ma la realtà è che ce n’è stato moltissimo di più. È stato veramente bello. La premiazione è stata bellissima: il presidente Scaroni è venuto a darmi questo premio ed è stato importantissimo. Doveva essere un giorno triste, ma se devo ricordarlo dico che è stata una festa, ed è questo che volevo. Da quando lo hanno saputo, ho capito che qualcosina di buono avevo fatto. Oltre le aspettative, sì. Se dovessi chiedere a qualcuno al di fuori del calcio sicuramente qualche complimento me lo fa, ma sono difficile. Io ho sempre cercato di dare il meglio di me”.

Rapporto con il club: “Mi ricordo la prima frase che ho sentito quando sono venuta qui a Casa Milan. Ho sentito: ‘Qui al Milan siamo come una famiglia’. Quella frase mi ha fatto capire che era la squadra giusta, quella per cui avrei lottato. Sono passati sei anni e ci ho sempre creduto in quella frase. Il Milan è una seconda famiglia. La cosa che mi avrebbe portato dispiacere è non rimanere al Milan, perché non riesco a vedermi in una squadra che non fosse rossonero. Confermo la frase che ho sentito la prima volta“.

Momento preferito:Ce ne sono tanti. Può essere la finale di Coppa Italia, anche se purtroppo l’abbiamo persa ai rigori. Uno dei momenti più belli è la qualificazione in Champions, la partita contro il Sassuolo. I derby, il primo derby che abbiamo vinto, in casa dell’Inter tra l’altro. Per un milanista i derby vinti sono la cosa più bella. Lo è anche per me“.

La numero 6:Ho sempre avuto questo numero sin da piccola. Quando sono arrivata al Milan e mi è stato chiesto quale numero volessi, risposi il 6. Mi chiesi se fosse la cosa giusta da fare, sapendo che la 6 è di Baresi ed è una maglia ritirata. Se la prima partita faccio pena, sono rovinata. Mi sono detta che è un motivo per migliorarsi e onorare ancora di più la maglia che indosso. Franco Baresi mi ha permesso che questa cosa potesse succedere. È stato bellissimo indossare questa maglia, ma sapevo di dover tenere un certo comportamento in campo e fuori, perché Baresi è stato un grande capitano del Milan ed è un grande uomo. Come ci dicono sempre, indossi la maglia del Milan in campo e fuori. Ho portato la maglia con rispetto, cercando di onorarla ogni minuto in cui ho giocato. Baresi rimarrà, ma rimane il fatto che nessuno si è lamentato. Sono onoratissima di aver avuto questo privilegio“.

Il passaggio del numero a Sorelli:Un momento bellissimo, ho avuto la fortuna di conoscere Nadine anche sul campo perché si è allenata spesso con noi. Non c’era giocatrice migliore, in qualche modo mi è vicina: è grintosa, coraggiosa, dà sempre il massimo e si è visto anche nelle partite della Final Four, dove poi hanno vinto il campionato. Auguro a lei di levarsi tante soddisfazioni. Se lo merita e lo dovrà dimostrare, ma ce la farà benissimo“.

Il nuovo ruolo di team manager della Primavera:Un ruolo molto bello, sarà difficile perché è un qualcosa di nuovo. Spero di trasmettere ciò che il calcio è stato per me alle giovani della Primavera, hanno già dimostrato di lottare e togliersi soddisfazioni. Voglio iniziare questo percorso e crescere insieme a loro. È da qualche anno che faccio dei corsi di team manager, ora sto facendo quello di direttore sportivo. Non speravo di ricevere questa opportunità dal Milan, che non smetterò mai di ringraziare. Riuscire a rimanere nel calcio e nel Milan, penso che sia la cosa migliore che potesse mai capitarmi“.

Cosa le affascina di questo compito:Bisogna imparare a fare qualcosa che non ti viene in automatico. La cosa che mi affascina è poter aiutare le ragazze in quello che io ho già vissuto. Il ruolo del team manager è da collante tra quello che sono le giocatrici e la società. La mia esperienza dello spogliatoio e da calciatrice mi aiuta a dare chiavi di lettura più facili per fare meglio il lavoro“.

Valori da dare:Sono vicine al professionismo ma devono crescere ancora tanto. Hanno delle difficoltà magari a cui non ci si pensa. Bisogna tirare fuori i problemi senza vergogna. Ho sempre giocato sapendo che comunque non era il mio lavoro, ma facendolo come se lo fosse. Mettendo il sacrificio e la determinazione: senza passione il lavoro non viene bene. Per quanto possano essere vicine al professionismo, bisogna giocare a calcio per divertirsi“.

Sensazioni sul futuro:Non lo so. In questi giorni vado a momenti: da una parte sono elettrizzata per il momento nuovo e non vedo l’ora di iniziarlo, dall’altra mi dico che ho sempre giocato a calcio. Senza pallone non so come starò, ma bisogna andare avanti. Arriverà la botta secondo me. Non so quando ma arriverà. Se penso a sabato è stata una giornata così bella che passerà subito la tristezza e la malinconia: è più di vent’anni che gioco a calcio, questa decisione è stata tosta“.

Fusetti Milan Femminile
Fusetti Milan Femminile

Altre notizie

Ibrahimovic blinda, Theo Hernandez resta vago. Milan, prima il progetto e poi il rinnovo: imprescindibile

Premessa: i giocatori che parlano dal ritiro delle rispettive nazionali del proprio futuro vanno...

Milan, Jovic resta in rossonero: i dettagli sull’accordo. Ecco la nuova scadenza

L'avventura rossonera di Luka Jovic continuerà. L'accordo tra le parti è cosa fatta: il...

Buona la prima con il brivido per l’Italia all’Europeo: Barella e Bastoni rimediano all’errore di Dimarco contro l’Albania

L'Italia di Luciano Spalletti rompe il ghiaccio con una vittoria. L'Europeo degli Azzurri inizia...

Milan, occhi sul giovane Adejenughure. Piace anche a Borussia Dortmund e Manchester United

Il Milan continua a lavorare per migliorare anche il suo settore giovanile ed ora,...

Ultim'ora

Ibrahimovic blinda, Theo Hernandez resta vago. Milan, prima il progetto e poi il rinnovo: imprescindibile

Premessa: i giocatori che parlano dal ritiro delle rispettive nazionali del proprio futuro vanno...

Milan, Jovic resta in rossonero: i dettagli sull’accordo. Ecco la nuova scadenza

L'avventura rossonera di Luka Jovic continuerà. L'accordo tra le parti è cosa fatta: il...

Buona la prima con il brivido per l’Italia all’Europeo: Barella e Bastoni rimediano all’errore di Dimarco contro l’Albania

L'Italia di Luciano Spalletti rompe il ghiaccio con una vittoria. L'Europeo degli Azzurri inizia...